Il tuo browser non supporta JavaScript!

Diabasis: Al buon corsiero

I giardini cifrati

di Carlo Frabetti

editore: Diabasis

pagine: 176

11,36

Il pioppo genuflesso

di Emilio Zucchi

editore: Diabasis

pagine: 72

7,75

Ponti sull'Egeo

di Claudia Berton

editore: Diabasis

pagine: 288

20,00

La polvere del mondo

di Nicolas Bouvier

editore: Diabasis

pagine: 280

"La polvere del mondo" racconta il primo viaggio condotta da Bouvier in Oriente nel 1953; ma anche l'avventura infaticabile di
21,00

L'opera narrativa

di Giorgio Prodi

editore: Diabasis

45,00

Segni sottili e clandestini

di Alessandra Sarchi

editore: Diabasis

pagine: 144

I racconti costituiscono la base narrativa per una sorta di educazione sentimentale post-moderna, a partire dalle sensazioni anziché dai sentimenti. Sulla superficie del mondo e dei corpi, nel dettaglio, il tutto sfugge e non si lascia mai vivere nella totalità. La giovinezza - promessa e pretesa di bellezza assoluta, utopica - è destinata a scontrarsi con le fatiche e le perdite del crescere. I racconti sono in differita, si mettono in moto per frizione della memoria. Una memoria che lavora anche nel presente e che sembra l'unica forma di continuità, l'unico patto credibile tra l'io e il mondo.
11,00

Vita e morte senza miracoli di Celestino VI

di Adriana Zarri

editore: Diabasis

pagine: 179

Un conclave dei nostri giorni. Aspro e combattuto. Uno dei cardinali elettori, d'improvviso, propone di eleggere un piccolo parroco dall'animo grande. Il miracolo infine accade. L'eletto assume il nome di Celestino VI, in memoria dell'altro Celestino, quello del "gran rifiuto" dantesco. Il racconto esplora il terreno delle innovazioni, delle decisioni rischiose, delle difficoltà e delle lotte che l'elezione di un papa povero e non convenzionale inevitabilmente aprirebbe. Celestino VI è il "suo" papa, il papa come lei lo vorrebbe, gatto compreso, che, guarda caso, si chiama Lutero. Anche il nostro Celestino sarà tentato dal "gran rifiuto", il ritorno cioè alla pace della sua parrocchia. A questo punto il racconto apre e svolge due possibilità: la rinuncia, appunto, oppure l'accettazione dell'arduo cammino cui il protagonista è stato chiamato.
14,00

Diario delle isole Aran. Carte di viaggio

di Nicolas Bouvier

editore: Diabasis

pagine: 68

Come sempre, la scrittura di Bouvier passa dal racconto delle piccole cose, osservate con sguardo da poeta-filosofo, a sintesi di fatti storici e attuali annodati sul filo dei sensi, della memoria, della visione. "Il fiume si arrotola e serpeggia a fior di prati coperti di bianco gelo. Essa è fiancheggiata da salici e montoni accovacciati che rendono il suo percorso imprevedibile come deve essere: un meandro è quanto di meglio un fiume possa fare, ciò che si attende è altrove..."
11,00

Cronaca

di Salimbene da Parma

editore: Diabasis

pagine: XLVI­351

Riallacciandosi alla lingua espressionistica e aspra dei predicatori dell'Ordine Minore, senza disdegnare la contaminazione co
26,50

Cielo chiuso

di Gino Montesanto

editore: Diabasis

pagine: 160

13,00

Le cucine celesti

di Roberto Amato

editore: Diabasis

pagine: 176

12,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.