Il tuo browser non supporta JavaScript!

Diabasis

Bondville

di Barbara Gussoni

editore: Diabasis

pagine: 160

Da Bondville, una città costruita su tre strati tenuti insieme da scale, e minacciata da sei mesi di piogge incessanti, un gruppo di bambini "diversamente abili" parte alla ricerca della mamma del ragazzino più cattivo della città, che è stato abbandonato da sua madre, allontanato dalla scuola e tenuto fuori dalla chiesa per la sua crudeltà, e ora vive vagando fra un girone e l'altro come un cane randagio. La storia è raccontata in prima persona dal piccolo David, un bambino lievemente ritardato e privo di memoria, che vive in una famiglia tutto sommato "normale", con un cane tremendamente pigro e una nonna che fa torte buonissime. Una scrittura grottesca e surreale per un romanzo che fonde l'avventura e il fantastico.
11,00

Caffè Hal, Tel Aviv. Tutto quello che è successo al Signor T.B.

di Marco Truzzi

editore: Diabasis

pagine: 160

Uno strano incontro avvenuto in un locale di Tel Aviv gestito da un arabo. L'anonimo narratore, reduce da una scombussolata storia d'amore, si imbatte in un uomo misterioso, seduto solitario al tavolino, e decide - con una delle decisioni (apparentemente) improvvise che possono capitare a chiunque - di offrirgli da bere. Tutto questo si intreccia con la storia dell'allevamento più grande di asini dell'intera striscia di Gaza. Lo sfondo è quello del muro, odierno segno tangibile di una guerra - quella tra arabi e israeliani -apertasi quasi 5000 anni fa e puntualmente rinfocolata da numerosi interessi, compresi quelli del commercio internazionale di armi.
11,00
16,00
18,00

Il Movimento Sem Terra del Brasile. Funzione sociale della proprietà e latifondi occupati

di Mario G. Losano

editore: Diabasis

pagine: 284

Ampia e documentata descrizione del movimento dei "Senza Terra" in Brasile, il volume ne esplora le cause storico-sociali, la genesi clandestina, le modalità d'azione, le ragioni. Il contatto diretto con il movimento ha portato a un'indagine dettagliata delle occupazioni delle terre, lungo l'incerta linea di confine tra legalità e illegalità. L'autore si cala nella situazione attuale della riforma agraria, e analizza anche gli ultimi sviluppi delle politiche del Presidente Lula, dapprima appoggiato, poi osteggiato, specie dopo gli scandali che dal 2005 hanno colpito il suo governo.
18,00

Dire la guerra, fare la guerra

editore: Diabasis

pagine: 192

La guerra è sofferenza e distruzione. Ricondotto alla cruda nudità del del suo maleficio, il fatto bellico è rigettato da ogni razionalismo, condannato da ogni coscienza. Nonostante ciò, il conflitto si nutre di visioni, discorsi, narrazioni che in qualche modo forzano la nostra consapevolezza, coscienza e cultura, e spingono a costruire ragioni di guerra, a preparare il prossimo campo di battaglia. Il libro si interroga sulle plurime transazioni tra la parola e la violenza organizzata, sul ruolo della comunicazione nella genesi, nello sviluppo, e nella conclusione dei conflitti armati. Una comunicazione pervasiva: tanto nei mezzi che usa - tra vecchi media, come la stampa, la radio, la televisione, e nuovi media, come Internet e il cellulare - quanto nei linguaggi, negli stili, nei generi che riesce a mobilitare. Con saggi e contributi di: Claudio Bernardi, Giuseppe A. Di Marco, Claudio Cerreti, Jeanne Clegg, Roberta Falcone, Annamaria Giordano, Jacques Lévy, Thierno Monenembo, Michela Nacci, Peppino Ortoleva, Valerio Petrarca, Burhan Wazir.
17,00

Sanremo. Una nuova comunità ebraica nell'Italia fascista 1937-1945

di Paolo Veziano

editore: Diabasis

pagine: 274

In questo libro è descritta una comunità ebraica diversa dalle altre, perché nuova. Non si può proprio dire che gli anni del fascismo fossero i più adatti al sorgere di una nuova comunità, eppure la storia di Sanremo, narrata da Paolo Veziano, dimostra quali sforzi siano possibili anche sull'orlo del nulla. L'autore inserisce nella sua narrazione alcune variabili importanti, che aiutano a leggere il libro in una prospettiva di lunga durata: la storia degli ebrei "stranieri", contro i quali vi fu da parte del regime un vero e proprio accanimento legislativo, che molto dovrebbe farci riflettere, come scrive Alberto Cavaglion nella prefazione. "Se mettessimo quell'accanimento a confronto con altre politiche verso gli "stranieri", non necessariamente legate all'antisemitismo, non ci accorgeremmo che, in Italia, il pregiudizio contro il diverso viene sempre a colorarsi di xenofobia più che di ogni altra forma di odio razziale?". Il volume non trascura di valutare anche la presenza di alcun figure molto rappresentative, come Walter Benjamin e Serge Voronoff. Del soggiorno di Benjamin a Sanremo e dell'importanza che ebbe la pensione gestita dalla ex-moglie, discute Giulio Schiavoni. Del ruolo essenziale che ebbe per la comunità sanremese lo scienziato russo Serge Voronoff, trasferitosi a Grimaldi nel 1925, è fornita infine una ricca e inedita documentazione.
21,00

A debita distanza. Kierkegaard, Kafka, Kleist e le loro fidanzate

di Marco Vozza

editore: Diabasis

pagine: 181

Le relazioni pericolose tra uomo e donna di cui parla questo libro toccano l'esistenza nella sua ineludibile dimensione di scelta: quella tra una vita che asseconda la fluida e ingovernabile logica del desiderio e un'altra più rassicurante e continua, presieduta da una logica degli affetti. Logiche tra loro eterogenee che appaiono inconciliabili ai protagonisti della storia qui ricostruita (Kierkegaard e Kafka) e che talvolta inducono a un esito tragico (Kleist). In palese conflitto con la scelta della solitudine al fine di tutelare la propria singolarità, gli autori - in qualche modo personaggi concettuali o eteronimi di chi ha scritto questo libro - avvertono l'esigenza (per lo più disattesa) di una palpitante condivisione del loro universo interiore, mediante la presenza (non troppo invadente, s'intende) di una donna che appaia loro come vocativo o dedicataria di esclusive trame concettuali e di avventure esistenziali. Un saggio filosofico dai toni talvolta narrativi che ci pone al cospetto dei desideri e delle inquietudini che accompagnano ogni vicenda erotica e affettiva, orientata verso l'esperienza effimera della seduzione oppure consolidata nella forma del matrimonio.
16,00

L'idea dell'Italia (1815-1861)

di Paolo Bagnoli

editore: Diabasis

pagine: 360

Il libro ricostruisce, nell'arco di tempo che va dal Congresso di Vienna all'Unità, come sia stata interpretata politicamente l'idea dell'Italia e quali siano stati i contenuti teorici della discussione che ha animato il Risorgimento italiano. Intorno ad essa, e strettamente legate, sono le questioni relative alla nazione e all'italianità. L'autore sceglie di seguire il filo del tempo - dal 1815 al 1861 - attraverso capitoli concepiti in relazione all'evolversi delle vicende politiche generali. Uno spazio specifico è dedicato ai maggiori pensatori politici del Risorgimento: Carlo Cattaneo, Vincenzo Gioberti e Giuseppe Mazzini.
23,00

Economia, cultura e società

editore: Diabasis

16,00
28,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.