Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Ghibli

La mia vita. Autobiografia dell'artista più amato e più odiato di sempre

editore: Ghibli

pagine: 579

Nell'anno wagneriano, il racconto di una vita straordinaria dalle parole originali di Wagner
28,00

L'arte etrusca

editore: Ghibli

Antenati spesso trascurati della grande civiltà italica, gli Etruschi produssero un'arte insospettabilmente ricca
22,00

I figli del dottor Caligari. Il film come racconto del terrore

di Siegbert Salomon Prawer

editore: Ghibli

pagine: 356

Da quando abbiamo cominciato a spaventarci al cinema, l'ingrediente dell'adrenalina sembra indispensabile per il successo di u
22,00

Le società segrete in Cina (1840-1911)

di Davis Fei-ling

editore: Ghibli

pagine: 297

Come tutte le società la cui esistenza è fondata sull'irrazionale subordinazione degli interessi della maggioranza della popol
16,00

Spinoza e la politica

di Marilena Chaui

editore: Ghibli

pagine: 307

Pochi filosofi nelle loro riflessioni hanno dato alla libertà politica un posto così centrale come Spinosa. Due sono gli obiettivi principali a cui mira il pensiero politico spinoziano. Il primo è determinare il regime politico più favorevole alla pace, alla sicurezza e alla libertà dei cittadini, e tale regime politico è la democrazia, nella quale si realizza il desiderio di tutti gli esseri umani di governare e non essere governati. Il secondo è l'esame dei principali ostacoli che sono propri a questo regime, ed essi sono, da una parte, la superstizione, e, d'altra parte, la divisione sociale, che fa sì che una parte della società sia esclusa dalle decisioni politiche col pretesto che la massa è ignorante e "temibile quando non teme".
18,00

Walter Benjamin. La duplice genealogia del simbolo e della verità

di Valentino Bellucci

editore: Ghibli

pagine: 72

Questo saggio ripercorre il cammino filosofico di Walter Benjamin, dalle sue opere giovanili fino agli ultimi scritti, attraverso una duplice genealogia del simbolo e della verità. Un percorso che mostra l'intima e profonda coerenza del pensiero benjaminiano, troppo spesso accusato di eclettismo, cercando di svelarne la ricchezza e la complessità, approfondendo punti sostanziali e individuando nuovi luoghi di intersezione con autori come Kant, Deleuze, Broch e Hofmannsthal.
11,00

L'albero d'oro. Un'adolescenza immaginata

di Fulvio Papi

editore: Ghibli

pagine: 151

Un vecchio filosofo racconta che da un cassetto abbandonato ha ripreso un libro scritto decine di anni fa. È quello che resta della sua adolescenza in un mondo scomparso, di cui è diventato difficile trovare le tracce: la ferocia quotidiana della guerra, emozioni di ragazze e ragazzi in un mondo così lontano da sembrare immaginario, vittime ed eroi, un lago indimenticabile, una interminabile lacuna del cuore. Vissuti d'epoca sepolti dalle ceneri del tempo ritornano attraverso una paziente scrittura, fatti e leggende narrati con le loro parole, i paesaggi degli occhi e dell'animo, le educazioni sentimentali. Solo un sospetto, privo di qualsiasi prova: il racconto del filosofo sulla sorte del libro è vero?
13,00

La materia invisibile. Corpo e carne in Antonin Artaud

di Francesco Cappa

editore: Ghibli

pagine: 110

Sono pochi gli autori che profanano i segreti della cultura. Fra questi, Artaud rappresenta un caso, perché mettendo a rischio se stesso ha esplorato zone fuori dalla portata dei saperi consolidati. Prendendo spunto dai significati che la figura della peste assume nella riflessione di Artaud, questo saggio costruisce un percorso argomentativo, non privo di suggestioni deleuziane e foucaultiane, tra la carne, che si palesa come doppio del corpo, e la materia invisibile che dà voce al corpo desiderato rimettendolo sulla scena del reale. Su questa soglia si concretizza un'occasione etica di formazione e trasformazione del soggetto e della cultura.
11,00

L'animale, l'automa, il cyborg. Figurazioni del corpo nei saperi e nelle pratiche educative

di Pierangelo Barone

editore: Ghibli

pagine: 99

La dimensione della corporeità, come concetto chiave nelle scienze della formazione, costituisce una sorta di crocevia in cui i discorsi e le pratiche, le rappresentazioni e le tecniche si saldano, offrendo allo sguardo pedagogico la profondità e la radicalità di un approccio materialista capace di percorrere la storia del pensiero occidentale fino alla nascita delle scienze moderne. Se da un punto di vista concettuale il corpo appare o scompare lungo la storia del pensiero filosofico come elemento di rilevante significato, si può sostenere che esso domina la scena delle tecniche e delle pratiche educative, di cura e di coercizione, di addestramento e di correzione, in stretta correlazione con i dispositivi di esercizio del potere.
12,00

Sulla scienza intuitiva in Spinoza. Ontologia, politica, estetica

editore: Ghibli

pagine: 244

L'interpretazione del terzo genere di conoscenza in Spinoza non è una mera curiosità storiografica, ma rappresenta il punto da cui partire per costruire le opposte interpretazioni dello spinozismo. Sia quella del santo Spinoza, dello Spinoza ebbro di Dio del romanticismo tedesco, sia quella di Spinoza come "Mosè dei materialisti", che da Feuerbach giunge fino al marxismo italo-francese di fine secolo, non hanno potuto eludere lo snodo teorico del terzo genere e del suo oggetto. Innanzitutto, quindi, un luogo di crisi dello spinozismo. Crisi nel senso in cui la medicina ippocratica intendeva questo termine: lo snodo in cui si decide il corso di una malattia verso la morte o verso la guarigione; crisi irriducibile nella sua apertura e complessità.
23,50

Scritti su Spinoza e l'averroismo

di Alexandre Koyré

editore: Ghibli

pagine: 94

12,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.