Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Pagano Emanuele

Milano e territori contermini. L'ordinamento amministrativo 1750-1923

editore: Il mulino

pagine: 322

Dalla riforma teresiana delle comunità (1750) al progetto fascista della "grande Milano" (1923) i rapporti intercorsi fra la città murata, dapprima fiscalmente protetta, e i territori contermini, "vittime" predestinate della sua espansione, tuttavia capaci di opporre la resistenza di proprie identità e istituzioni, disegnano una storia amministrativa che, entro spazi determinati, è appunto storia di amministrazione, politiche finanziarie e interessi economico-sociali in conflitto. Nel lungo periodo finirà col prevalere l'azione accentratrice dello Stato (asburgico, napoleonico, di nuovo asburgico, italiano unitario), magari condotta sotto il segno dell'egualitarismo. Si tratterà sempre, però, di un'azione intermittente e contradditoria, che, da un lato, non riconoscerà e persino cancellerà le comunità via via assorbite e, dall'altro, non restituirà un territorio della "metropoli" razionalizzato nelle dimensioni e, anche nelle prestazioni dei servizi pubblici, articolato in funzione paritaria. Così, ad esempio, il Comune "anulare" dei Corpi Santi, che, istituito nel 1781, annesso alla capitale nel 1808, ripristinato nel 1816, infine viene incorporato nel 1873 senza lasciare traccia di sé.
25,00

Maestri e professori. Profili della professione docente tra Antico regime e Restaurazione

editore: Unicopli

pagine: 196

Il volume offre un contributo sulla genesi delle moderne figure del maestro elementare e del professore di liceo
16,00

L'Italia e i suoi Stati nell'età moderna

Profilo di storia (Secoli XVI-XIX)

di Pagano Emanuele

editore: La scuola

pagine: 416

Gli Stati preunitari nell'età moderna, ovvero l'Italia "prima dell'Italia" nell'analisi di vari aspetti tra cui: identità cult
21,00

Enti locali e Stato in Italia sotto Napoleone. Repubblica e Regno d'italia (1802-1814)

di Emanuele Pagano

editore: Carocci

pagine: 325

Sotto Napoleone anche in Italia si realizzò una radicale trasformazione della sfera pubblica, la cui portata è ancora in parte da calibrare. Il napoleonico Regno d'Italia offre il vasto terreno di indagine cui il volume è dedicato. Sulla base di poderosi sondaggi archivistici, oltre che di una letteratura scientifica aggiornata, vi si ripercorrono significativi profili di storia delle istituzioni - statali e locali - considerate nel loro concreto funzionamento. Le complesse dinamiche fiscali e finanziarie sono pure oggetto di un'originale ricerca, specialmente nella loro dimensione municipale e nella percezione dei contribuenti.
29,30

Comune di Milano nell'età napoleonica

di Emanuele Pagano

editore: Vita e pensiero

pagine: 348

L’età napoleonica fu decisiva per il destino storico di Milano, città divenuta capitale del vasto Stato fondato per la prima volta su basi nazionali con la Repubblica Cisalpina, ingrandito e consolidato sotto la Repubblica Italiana e il Regno d’Italia. Sulla scorta di una documentazione ampia e inedita, in questo volume si ricostruisce il processo storico che trasformò il Comune di Milano, dal sistema di potere municipale dei corpi e delle magistrature dell’epoca prerivoluzionaria agli organi e agli uffici del moderno ente locale. Il Comune viene collocato nel quadro della riforma napoleonica delle istituzioni statali e degli ordinamenti locali: se ne analizzano la composizione sociale degli organi – Amministrazione municipale, Consiglio comunale e Podestà – e il concreto funzionamento della macchina burocratica. Tra tiepida adesione e sottile resistenza al regime napoleonico, il notabilato posto alla guida dell’ente locale riesce a sviluppare un’azione amministrativa sulla società milanese avvalendosi di due strumenti principali: la leva fiscale e il bilancio di previsione. E proprio nella radicalità della riforma fiscale e finanziaria compiuta dal governo napoleonico si individua la maggiore novità anche per la vita degli enti locali: una brusca rottura con il tradizionale sistema di privilegio della «Città di Milano» sul territorio e l’affermazione dell’uguaglianza giuridica e fiscale dei comuni italici.
27,00

La scuola nelle Marche in età napoleonica

di Emanuele Pagano

editore: Quattroventi

pagine: 224

18,08

Pro e contro la Repubblica. Cittadini schedati dal governo cisalpino in un'inchiesta politica del 1798

di Emanuele Pagano

editore: Unicopli

pagine: 216

Primavera dell'anno 1798. Il governo della Repubblica Cisalpina, in una situazione di grande precarietà, promuove un'inchiesta sistematica sugli orientamenti politici dei cittadini. Quasi tremilacinquecento persone del territorio lombardo vengono catalogate, secondo le proprie presunte opinioni, in elenchi di "patrioti" o di "nemici della pubblica causa", corredati da notizie anagrafiche e socioeconomiche. Tale schedatura è espressione di un nuovo modo di concepire e di fare la politica e, al contempo, del crescente potere che gli apparati pubblici esercitano sulla vita dei singoli amministrati.
14,46

Alle origini della Lombardia contemporanea. Il governo delle province lombarde durante l'occupazione austro-russa (1799-1880)

di Emanuele Pagano

editore: Franco Angeli

pagine: 176

Con questa ricerca l'autore, sulla scorta di una documentazione d'archivio ampia quanto pressoché inedita, intende fornire una conoscenza più precisa dell'oscuro e controverso periodo dei "tredici mesi", dall'aprile del 1799 al maggio del 1800, in un momento di eccezionale importanza nella storia d'Europa. La dimensione geografica considerata comprende il territorio dell'odierna regione Lombardia.
30,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.