Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Baldini

Un silenzio aurorale. Per una medicina tra scienza e cura

di Silvana Baldini

editore: Mimesis

pagine: 52

L'ospedale come luogo di cura e di conoscenza
6,00

L'uomo nero e la bicicletta blu

di Eraldo Baldini

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

pagine: 224

È il 1963 in un piccolo borgo della campagna romagnola, dove il tempo sembra essersi fermato
14,00

La palude dei fuochi erranti

di Eraldo Baldini

editore: Rizzoli

pagine: 224

Anno del Signore 1630
18,00

Flat tax. Parti uguali tra disuguali?

editore: Il mulino

pagine: 136

Per alcuni porterebbe alla semplificazione del sistema tributario e a una pressione fiscale meno opprimente per chi lavora, fa
11,00

Piccola antologia in lingua italiana

di Raffaello Baldini

editore: Quodlibet

pagine: 112

"Raffaello Baldini abitava a Milano, ma scriveva in dialetto romagnolo: qui presentiamo una piccola antologia di traduzioni in
12,00

Melma

di Eraldo Baldini

editore: Cento autori

pagine: 144

Anno 2050
13,00

Bambini, ragni e altri predatori

di Eraldo Baldini

editore: Einaudi

pagine: 289

Bambini un po' troppo curiosi scompaiono sulle pendici di un monte, forse abitato da piccoli esseri misteriosi
12,50

Faccia di sale

di Eraldo Baldini

editore: Fernandel

pagine: 143

«È un lavoro immane trasportare una città intera, sembra impossibile che si possa finire mai»
13,00

La letteratura tedesca in Italia. Un'introduzione (1900-1920)

editore: Quodlibet

pagine: 320

Tradurre letteratura straniera è un modo per scrittori, editori e critici di rinnovare le "regole" con cui si fa letteratura:
22,00

Trilogia del Novecento: Nostra Signora delle patate-Terra di nessuno-Mal'aria

di Eraldo Baldini

editore: Einaudi

pagine: 319

È la vigilia del Giorno dei Morti del 1906. L'apparizione di una donna con gli stivali che rivuole indietro il suo terreno basterebbe a far scappare chiunque. Maddalena no, non scappa. E avrà una storia da raccontare. Quattro reduci della Grande Guerra salgono in montagna per lavorare a una carbonaia, e restano coinvolti in una serie di eventi inquietanti. È la terribile esperienza della trincea che spinge le loro menti a trasfigurare la realtà, o il bosco nasconde davvero un Nemico? L'ispettore ministeriale Carlo Rambelli viene inviato nel Ravennate per indagare su una presunta epidemia di malaria. Giunto sul posto dovrà fare i conti con omertà, superstizione e squadracce fasciste. E con la strana scomparsa dei cadaveri di sette bambini. Grazie a un'affascinante miscela che combina paure ataviche e spietati pregiudizi, Baldini ci regala tre storie magnetiche immerse in una geografia provinciale carica di mistero.
17,00

Stirpe selvaggia

di Eraldo Baldini

editore: Einaudi

pagine: 298

San Sebastiano in Alpe, paese dell'Appennino romagnolo, 1906. Amerigo ha nove anni e sua madre l'ha chiamato cosi perché l'ha concepito in America. Quando il Wild West Show fa tappa a Ravenna, lei decide di portare il figlio a conoscere suo padre. Buffalo Bill però non accetta di incontrarlo e questo rifiuto spinge il già inquieto Amerigo a schierarsi per sempre "dalla parte degli indiani". Con Mariano e Rachele si dipinge il viso, e scorrazzando per i boschi sogna di fare la rivoluzione. Ma la Storia divide le strade di questi amici inseparabili, travolti dalle burrasche del Novecento: le lotte di classe, il fascismo, le guerre mondiali. Con grande potenza evocativa, "Stirpe selvaggia" mette in scena un protagonista struggente come un eroe romantico, eppure modernissimo. Diviso, come ognuno di noi, tra l'affermazione di sé e la rinuncia, tra la solitudine e il bisogno d'amore.
18,00

Tenebroso Natale. Il lato oscuro della grande festa

editore: Laterza

pagine: 283

Cristiano e pagano, moderno e antico, culto dei morti e rituali di purificazione, scongiuri e divinazioni: questo nasconde, nell'epoca dei computer e dei viaggi spaziali, il nostro modo di vivere il Natale, il Capodanno e l'Epifania. È la notte a cavallo fra il 24 e il 25 dicembre. Comincia il solstizio d'inverno, i giorni cessano di accorciarsi e il tempo della luce si allunga. Da molti secoli, prima che la Chiesa ne faccia la sua ricorrenza più importante, quella notte è insieme di festa e di sortilegio, di mistero e di timore. È ancora così: in tutte le regioni d'Italia, le tradizioni relative ai giorni che vanno dal 24 dicembre al 6 gennaio portano con sé i segni di un'arcaica complessità che non sempre combaciano con l'immagine di allegria e di dolcezza alla quale siamo abituati. Nella cultura tradizionale quelle ore sono considerate piene di presenze inquietanti e pericolose, di streghe e di spiriti. La stessa Befana e coloro che questuano in suo nome altri non sono che defunti circolanti nella dimensione terrena. Bisogna saperli accogliere, saperci convivere. Con una vastissima raccolta delle tradizioni e delle superstizioni sparse sul territorio italiano, alla scoperta di materiali sorprendenti e spesso dimenticati, Eraldo Baldini e Giuseppe Bellosi svelano il fascino ambiguo e i tanti significati di quei giorni magici.
10,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.