Il tuo browser non supporta JavaScript!

Salerno: I diamanti

Le opere latine

di Dante Alighieri

editore: Salerno

pagine: 1016

Il volume appartiene alla serie rossa dei «Diamanti», dedicata ai grandi classici della letteratura italiana. Le opere di Dante qui contenute sono i cinque capolavori scritti dal Poeta nell'idioma di Virgilio: De vulgari eloquentia, Monarchia, Egloghe, Epistole, Questio de acqua et terra. I temi trattati sono la teorizzazione di una lingua volgare (De vulgari eloquentia), la dottrina politica (Monarchia), la suggestione della poesia bucolica, di cui Dante si dimostra abile cultore (Egloghe), gli scritti politici dell'epoca dell'esilio, gli spunti esegetici e la corrispondenza amicale (Epistole), la filosofia naturale (Questio).
24,00

Poesie

di Giosuè Carducci

editore: Salerno

pagine: 916

24,00

Eroidi

di Publio Nasone Ovidio

editore: Salerno

pagine: 776

24,00

Iliade di Omero

di Vincenzo Monti

editore: Salerno

pagine: 1156

La traduzione dell'Iliade elaborata da Vincenzo Monti (1754-1828) è un monumento del Neoclassicismo; non si limita a una restituzione archeologica del testo omerico, ma si propone come un'opera del tutto originale, capace di rappresentare un vero modello dal punto di vista linguistico e poetico per i protagonisti della letteratura italiana dell'epoca. "Ogn'Italiano - diceva Leopardi - letto il Monti, può francamente e veramente dire: ho letto Omero". Nel commento al testo è documentato come il Foscolo de "I Sepolcri" e dei "Sonetti" e perfino il Manzoni degli Inni e dei Promessi Sposi abbiano tratto spunti e ispirazione dalla versione montiana dell'Iliade.
24,00

Poemi e canzoni

di Giovanni Pascoli

editore: Salerno

pagine: 1108

Con questo secondo volumetto si completa la pubblicazione della poesia pascoliana nella collana dei "Diamanti". Questa seconda raccolta, anch'essa curata da Mario Pazzaglia e introdotta da un'ampia nota di commento, offre tutto il resto - cospicuo, ma spesso trascurato dalla critica - della produzione poetica di Giovanni Pascoli.
24,00

Il Paradiso perduto di John Milton

di Paolo Rolli

editore: Salerno

pagine: 716

Del capolavoro di John Milton (1608-1674), Paradise Lost, poema che narra la storia dell'Angelo Ribelle a Dio e della perdita del Paradiso terrestre da parte di Adamo ed Eva, in tutto il Settecento dominò una traduzione unica e incontrastata, quella di Paolo Rolli (1687-1765), non piú ristampata da quasi due secoli. Essa fu l'unico tramite attraverso il quale i nostri intellettuali nel secolo dei lumi - e poi poeti come il Parini, il Monti e il Foscolo stesso - conobbero il capolavoro miltoniano.
24,00

Della natura delle cose di Lucrezio

di Alessandro Marchetti

editore: Salerno

pagine: 608

Il volgarizzamento dell'opera di Lucrezio, oggetto di sospetti nel mondo cattolico per la sua forte irreligiosità iconoclasta, venne pubblicato postumo e solo in Inghilterra nella versione in endecasillabi sciolti realizzata da Marchetti, a causa dell'avversione del pontificato per il suo messaggio epicureo. A pochi anni di distanza dalla censura di Galilei, l'oscurantismo di Roma mieteva un'altra vittima in Marchetti, la cui opera aveva circolato in Italia solo in alcuni manoscritti semiclandestini, benché lo stesso traduttore si fosse preoccupato di avvertire in un "protesta del traduttore ai lettori" che di Lucrezio egli aborriva "gli empi suoi dogmi", mentre giudicava la sua poesia come "la più robusta e la più nobile".
24,00

Adagia. Testo latino e italiano

di Erasmo da Rotterdam

editore: Salerno

pagine: 904

Autore del noto "Elogio della follia", Erasmo considerava come sua opera principe questi "Adagia", una raccolta di motti in lingua latina, in gran parte risalenti al mondo classico, dei quali s'impegnò a ricostruire l'origine fornendo note esplicative che andavano anche al di là della mera illustrazione filologica. Erasmo si dedicò per tutta la vita a più riprese alla creazione di questa sorta di "enciclopedia" di adagi classici: in alcuni casi le sue note sviluppano poche righe, mentre a volte l'autore si cimenta in spiegazioni più ampie.
24,00

Poesia d'amore

di P. Nasone Ovidio

editore: Salerno

pagine: 1060

24,00

Commedie

di Carlo Goldoni

editore: Salerno

pagine: 940

24,00

Poesie e prose

di Arthur Rimbaud

editore: Salerno

pagine: 674

24,00

La Tebaide di Stazio

di Cornelio Bentivoglio

editore: Salerno

pagine: 944

24,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.