Il tuo browser non supporta JavaScript!

Sellerio Editore Palermo: La memoria

Il principe Zaleski

di Matthew Phipps Shiel

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 144

7,00

L'Italia rinunzia?

di Corrado Alvaro

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 100

5,16

In guerra con gli scozzesi

di G. Gaspare Napolitano

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 120

5,16

La città sconosciuta

di Giuseppe A. Borgese

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 146

6,20

Il sottotenente summenzionato

di Jurij N. Tynjanov

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 168

5,16

L'ora del re

di Boris Hazanov

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 124

5,16

Adelaide

di Joseph-Arthur de Gobineau

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 64

5,16

Le tavole di Licurgo

di Senofonte

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 100

5,16

Per un ritratto dello scrittore da giovane

di Leonardo Sciascia

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 56

5,16

Passi a piedi passi a memoria

di Antonio Castelli

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 96

5,16

Il bambino nella ghiacciaia

di James M. Cain

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 172

In una prefazione del 1940, contro chi crede che il piacere del leggere "avventure" sia inesistente o puerile, Borges scrive: "Il romanzo di peripezie è un oggetto che non tollera nessuna parte ingiustificata. Il timore di incorrere nella semplice varietà successiva impone a quel romanzo un intreccio rigoroso". Definire congegni perfetti nell'intreccio, questi racconti di Cain, è forse un esagerazione. È a volte il colpo di scena che vi domina, spesso improbabile, e in una sfilata di spacconi colti nel loro ambiente di snack-bar e stazioni di servizio: "tutta gente che vi guardereste bene dal far entrare in casa dalla porta principale". C'è però qualcosa che distacca Cain dal magma della letteratura popolare. Quando "Il postino suona sempre due volte" fu tradotto in italiano, nel 1945 da Giorgio Bassani, i più accorti l'avvertirono e fecero del romanzo una lettura obbligata per chi voleva conoscere l'America. È il piacere grezzo per l'azione come via d'uscita dalla noia quotidiana, e al tempo stesso il senso della crudeltà di tutta quell'affannata "ricerca della felicità". E Cain - come il più moralista Hammett, come il più pensoso Chandler - venne a rappresentare il lato più grezzo e greve del sogno americano.
8,00

La palazzina di villeggiatura

di Enrico Job

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 200

7,23

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.