Il tuo browser non supporta JavaScript!

Effata: POLIS E OIKONOMIA

Luigi Sturzo per un'Italia possibile

di Veronica Diomede

editore: Effata

pagine: 384

Qual è la sfida che la società odierna ci chiama ad affrontare? La risposta è in queste pagine, che ci offrono una nuova chiave di lettura del pensiero sturziano attraverso una sua presentazione sistematica e attuativa. Ne emerge come don Luigi Sturzo, innamorato di Dio e appassionato dell'uomo, abbia saputo coniugare la sua esperienza di fede con un'attività sociale, politica e culturale non circoscrivibile al periodo storico in cui è vissuto. Ancora oggi il suo pensiero è traducibile in azioni concrete che contribuiscono alla costruzione del bene comune della società, nella consapevolezza che ad essere messa in gioco è la dignità della persona umana.
19,00

I Monti di Pietà nel XV secolo. Origini e aspetti generali della loro fondazione

editore: Effata

pagine: 96

Queste pagine descrivono con chiarezza espositiva e una documentata ricerca storica le origini dei Monti di Pietà
9,00

Il paradosso francescano tra povertà e società di mercato. Dai Monti di Pietà alle nuove frontiere etico-sociali del credito

di Oreste Bazzichi

editore: Effata

pagine: 176

La teoria e la pratica dell'economia di mercato sono germogliate ben prima dell'etica protestante e del fondatore della scienz
15,00

11 settembre. Una storia che continua

di Alessandro Gisotti

editore: Effata

pagine: 96

Cosa fanno oggi gli eroi dell'11 settembre? Come è cambiata la vita dei sopravvissuti e dei familiari delle vittime? A dieci a
8,00

I cattolici oltre la politica. Il senso della testimonianza

di Mario Timio

editore: Effata

pagine: 112

Su cosa si fonda il diritto-dovere dei cattolici a partecipare alla vita politica del Paese? E, più in generale, come deve intendersi oggi il rapporto Chiesa-Stato? Sebbene l'evoluzione moderna delle relazioni tra Chiesa e Stato abbia portato all'esaltazione del principio delle rispettive autonomie, restano ancora aperti molti interrogativi. I cittadini cattolici, infatti, portano nella società civile le proprie idee, l'adesione al Magistero della Chiesa e ad un nucleo di valori non relativistico, in riferimento al quale è possibile cogliere in maniera nitida il loro ruolo nella scena politica. Nel considerare la presenza politica dei cattolici nell'Italia del bipolarismo, questo volume tenta di ripercorrere le varie strade e le motivazioni che hanno condotto i cattolici ad abbracciare opzioni diverse dopo il declino della Democrazia Cristiana. La spaccatura che si è verificata nel 1994 ha infatti sparigliato le file della DC e ha portato gli eredi dello scudo crociato a confluire nel centro-destra o nel centro-sinistra, e a fondare nuovi partiti, movimenti, gruppi di opinione che hanno segnato la storia politica d'Italia degli ultimi anni.
10,00

Dio e Obama. Fede e politica alla Casa Bianca

di Alessandro Gisotti

editore: Effata

pagine: 128

Non si può comprendere davvero Barack Obama senza conoscere il suo rapporto con la fede. Cresciuto in una famiglia plurietnica, agnostico fino a vent'anni, ha incontrato Dio in una Black Church di Chicago. Nelle storiche elezioni che lo hanno portato alla Casa Bianca, è riuscito ad attrarre l'elettorato religioso. Eppure, dall'aborto alle unioni omosessuali, non mancano i punti di contrasto con i fedeli osservanti. L'intento di questo libro non è proporre una tesi. L'auspicio, piuttosto, è di offrire al lettore un contributo di informazione su un aspetto determinante della vita e della politica di Barack Obama e, dunque, degli Stati Uniti d'America del nostro tempo.
10,00

La libertà e le sue radici. L'affermarsi dei diritti della persona nella pastorale della Chiesa dalle origini al XVI secolo

di Maurizio Ormas

editore: Effata

pagine: 304

C'è incompatibilità tra libertà e cristianesimo? Quando è nata la moderna idea di libertà? E quando è accaduto che essa si tra
17,50

Dall'usura al giusto profitto. L'etica economica della scuola francescana

di Oreste Bazzichi

editore: Effata

pagine: 144

Nell'ampia letteratura e nella gamma svariata di fonti, lo studio sceglie un percorso ed un'ottica di lettura in grado di apportare un contributo nuovo - nell'ambito dottrinale della Scuola francescana medievale e tardo-medievale - alla genesi delle idee della scienza economica. Tale scelta non vuole togliere nulla alla validità delle ricerche che partono da ottiche diverse, più legate alla Scuola tomista e alle forme letterarie degli umanisti laici; tenta piuttosto di far emergere una ricca fonte, in larga misura ancora inesplorata e meno conosciuta, per quanto riguarda l'indiscusso contributo della Scuola francescana al dibattito sull'usura ed all'elaborazione della teoria del giusto ed equo interesse, sostenendone concretamente la validità, anche sul piano pratico, con l'originale invenzione dei Monti di Pietà. L'apporto di tale patrimonio di intuizioni e di idee non è passato inosservato; anzi ha costituito la base per gli sviluppi successivi dell'economia politica, fino alla moderna scienza economica.
13,00

Alle radici del capitalismo. Medioevo e scienza economica

di Oreste Bazzichi

editore: Effata

pagine: 176

Nel cercare le radici della scienza economica molti studiosi hanno finito per concentrare la loro attenzione sulle dottrine sviluppate a partire dal XV secolo in Inghilterra e nei Paesi del Nord-Europa. Fin troppo note sono le tesi di Max Weber, che individua nella riforma calvinista il seme dello sviluppo del capitalismo moderno. In realtà, la scienza economica affonda saldamente le sue radici nel basso Medioevo. L'intento di questo libro è quello di mostrare come lo spirito del capitalismo sia intrinseco alla riflessione giuridica e teologico-morale sin dall'alto Medioevo e si sia manifestato molto prima della Riforma protestante.
15,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.