Il tuo browser non supporta JavaScript!

Franco Angeli: Urbanistica

Città metropolitane e pianificazione di area vasta. Prospettive di governo territoriale per la gestione delle metamorfosi urbane

editore: Franco Angeli

pagine: 210

Nel processo di "planetary urbanization" le città diventano luoghi dai quali ripartire per fronteggiare la sfida globale fra t
27,00

Spazio urbano e immigrazione in Italia. Esperienze di pianificazione in una prospettiva europea

di Paola Briata

editore: Franco Angeli

pagine: 128

L'immigrazione è ormai anche in Italia un fenomeno strutturale che, oltre le retoriche emergenziali, necessita di essere gover
19,00

Narrare l'urbanistica alle élite. «Il Mondo» (1949-1966) di fronte alla modernizzazione del bel paese

editore: Franco Angeli

pagine: 288

Nella seconda metà del Novecento l'urbanistica italiana è stata raccontata da esperti a esperti: professionisti, docenti universitari, associazioni hanno narrato i loro pensieri, le loro ambizioni e tribolazioni, i progetti realizzati, quelli falliti, e le speranze di nuove leggi, oltrepassando di poco la loro stessa cerchia. Nonostante la grande rilevanza sociale dei progetti, dei piani, dei pensieri, l'urbanistica italiana - cui pur sembra assegnato un posto rilevante nel cambiamento - comunica a pochi. Durante gli anni Cinquanta e Sessanta, nell'accelerata modernizzazione del Bel Paese, l'opinione pubblica resta sorda ai discorsi degli urbanisti; e le ragioni di questa sordità vengono addebitate per lo più alla modesta consapevolezza della società e delle istituzioni, e a un'immatura "coscienza urbanistica". Incerta è l'attenzione rivolta ai settimanali di cultura che, mescolando discorsi alti e bassi, politica, economia e letteratura, si sono rivolti a un pubblico privilegiato, le élite, agitando narrazioni di intricata filigrana, senza riuscire però a fornire un contributo influente. Questo libro ha scelto di fare un tentativo in questa direzione, ricostruendo come un settimanale d'ispirazione liberal-democratica, svincolato dalle opposte ideologie dominanti - «Il Mondo» diretto da Mario Pannunzio - abbia prospettato una narrazione dell'urbanistica per le élite.
40,50

L'urbanistica come vocazione. Scritti di Giampiero Vigliano

editore: Franco Angeli

pagine: 264

Il volume presenta una selezione degli scritti di Giampiero Vigliano (1922-2001) con lo scopo di trasmettere, soprattutto a beneficio dei giovani, un patrimonio d'idee e una viva testimonianza di quel grande periodo formativo dell'urbanistica italiana costituito dai due decenni post-bellici degli anni '60 e '70, nei quali Vigliano maturò la propria esperienza professionale e accademica, e di inquadrare nella sua giusta dimensione culturale una figura di pioniere dell'urbanistica italiana che per varie ragioni, soprattutto per la sua collocazione politico-ideologica piuttosto lontana dalla corrente centrale - soi-disant "progressista" - allora in auge, non fu giustamente apprezzata. Per palesare meglio il contributo culturale di Giampiero Vigliano, gli scritti scelti sono stati suddivisi in due grandi filoni: il primo (La città oltre i suoi confini) è centrato sulle vicende, soprattutto piemontesi, in tema di pianificazione territoriale; il secondo (L'eredità della storia) è dedicato all'investigazione e alla difesa del patrimonio ambientale, storico e artistico. Nonostante si tratti comunque di una selezione di scritti, il volume costituisce un materiale prezioso per chi - scevro da ideologismi intenda ricostruire le vicende urbanistiche italiane, e piemontesi in particolare.
27,50

Il territorio tra «strutture» e «strategie». Strutturazioni territoriali e criteri della pianificazione strategica per la definizione di modelli di sviluppo locale...

di Annunziata Palermo

editore: Franco Angeli

pagine: 352

Il volume analizza il territorio, nazionale in generale e calabrese in particolare, tra "strutture" e "strategie". Le strutture si sostanziano nelle forme emergenti del territorio e nelle procedure utili a perseguire adeguate azioni di sviluppo, mentre le "strategie" rappresentano gli obiettivi e le eventuali linee evolutive degli stessi, mediante la predisposizione di un piano d'azione. La dimensione territoriale rappresenta il punto di partenza di questo volume. Di seguito vengono analizzate le peculiarità della pianificazione strategica, in grado di facilitare la predisposizione di una metodologia di azione più flessibile e innovativa rispetto a quanto ad oggi realizzato in molti contesti nazionali in generale e calabresi in particolare. A tal fine, uno degli obiettivi trasversali risiede nella necessità di differenziare i ruoli e i contenuti del piano strategico rispetto al piano urbanistico. Poiché la pianificazione strategica deve essere supportata da opportuni strumenti e tecniche, in seguito all'analisi dell'evoluzione temporale dei modelli della pianificazione territoriale, vengono definiti i processi di governance, le tecniche di negoziazione, gli strumenti della valutazione e i metodi di analisi a supporto delle decisioni, gli orientamenti del processo partecipato, le caratteristiche del marketing applicato al territorio.
37,50

Urbanistica e real estate. Il ruolo della finanza nei processi di trasformazione urbana

di Carlo Alberini

editore: Franco Angeli

pagine: 176

La great recession, partita nell'ottobre del 2008 con il fallimento di Lehman Brothers, ha condotto il mondo occidentale ad un passo dal baratro finanziario globale e ha comportato uno stravolgimento radicale nella gestione delle finanze pubbliche degli Stati sovrani. Il tema di fondo del nuovo decennio sarà costituito dalla scarsità di risorse economiche pubbliche; in tal senso urbanisti e amministratori locali dovranno essere capaci, da un lato, di definire strumenti e progetti in grado di attivare il coinvolgimento diretto e qualificato dei capitali privati, dall'altro, di perseguire i nuovi interessi collettivi che nei programmi di riqualificazione dovranno trovare puntuale e coerente soddisfazione. In questo quadro, il volume si propone come un utile strumento rivolto a tutti coloro che (progettisti, investitori e pubblici amministratori) saranno chiamati a contribuire alla definizione dei piani e dei progetti per la trasformazione futura delle nostre città. Sempre più spesso, infatti, architetti e urbanisti dovranno sapersi confrontare con gli interessi, il linguaggio e gli approcci analitici e decisionali che sono alla base della prassi consolidata del mondo della finanza e del real estate.
24,00

Pratiche. Il territorio «è l'uso che se ne fa»

di P. Luigi Crosta

editore: Franco Angeli

pagine: 192

L'aumento della mobilità territoriale, ma soprattutto la diversificazione e la variabilità delle sue motivazioni (per cui si parla di mobilità, al plurale), tende a mettere in discussione l'abitudine di considerare la stanzialità come modalità tipica del rapporto tra società e territorio. Un "territorio" non è più il luogo dove chi dice di "abitarci" fa tutto quello che fa per vivere, entrando in relazione quasi solo con quelli che, come lui, dicono di "appartenere" allo stesso territorio. Ormai per la più parte della gente il territorio in cui abita è l'insieme dei posti nei quali sceglie (in parte essendovi costretta) di fare quello che fa, avendo perciò a che fare con gli interlocutori che vi ritrova, e che non sono mai necessariamente gli stessi (che lo voglia, o non). Non è detto, quindi, che il territorio che "è l'uso che se ne fa" sia quello desiderato. Gli scritti di questa raccolta cercano di esplorare le possibilità della gente di farsi valere - e gli "impedimenti", opposti dalle pratiche "tecniche" e amministrative correnti, allo sviluppo di queste possibilità - rivisitando, in particolare, la distinzione tra politiche e pratiche. Si propone di riconoscere la "politicità" delle pratiche. L'importante delle pratiche è capirle.
25,00

Sistemi informativi geografici. Manuale e casi di studio città e territorio

editore: Franco Angeli

pagine: 352

L'esigenza di produrre un manuale di facile consultazione nasce dalla necessità di fare chiarezza, terminologica e concettuale, in rapporto ad un linguaggio che è ormai entrato nell'uso comune e di rendere accessibile ad una vasta gamma di utenti, in particolare ai tecnici, agli studenti ed amministratori, concetti che fino a qualche tempo fa erano patrimonio di una ristretta cerchia di specialisti. Tra le molte applicazioni in corso, si è privilegiato i casi di studio in ambito urbanistico, con l'intento di documentare alcune esperienze particolarmente significative nel campo dell'innovazione tecnologica applicata al governo del territorio.
34,50

Il paesaggio. Teoria e pianificazione

di Valerio Romani

editore: Franco Angeli

pagine: 240

21,00
33,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.