Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Libri di A. Wagner

Le belle addormentate. Innovazioni antiche in nuovi mondi

di Andreas Wagner

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 288

Molte specie animali e vegetali conducono per milioni di anni una vita apparentemente insignificante
28,00

Il pennino

di Elin Wagner

editore: HarperCollins Italia

pagine: 272

Il pennino, scritto nel 1910, è un libro che si è meritato il soprannome di "Bibbia delle suffragette"
15,00

Fare l'amore come un'orchidea. Storia e mirabilia del fiore più intelligente del mondo

di Alessandro Wagner

editore: Ponte alle Grazie

pagine: 256

L'essere umano sembra aver scoperto tutto del suo mondo, ogni angolo è stato esplorato e mappato
18,00

Autoritratto con sciame d'api. Testo tedesco a fronte

di Jan Wagner

editore: Bompiani

pagine: 304

Questa antologia raccoglie il meglio di una quindicina d'anni di creazione poetica
20,00

Ragazze di città

di Elin Wagner

editore: HarperCollins Italia

pagine: 176

Stoccolma, inizio Novecento
15,00

Racconti: Una visita a Beethoven-La fine di un musicista a Parigi-Una serata felice

di Richard Wagner

editore: Manzoni editore

pagine: 72

Al di là della sua ponderosa produzione operistica, non si può che restare stupiti dalla vastità dei lavori letterari a cui Ri
13,00

La melodia di Beethoven

di W. Richard Wagner

editore: Passigli

pagine: 160

Quando un grande scrive su un grande, è difficile dire quale dei due ne risulti più illuminato
16,00

Variazioni sul barile dell'acqua piovana

di Jan Wagner

editore: Einaudi

pagine: 174

La poesia di Jan Wagner è caratterizzata da una crepitante sequenza di immagini e di parole che si ricongiungono tutte fra lor
14,00

Il giudaismo nella musica

di Wagner W. Richard

editore: Mimesis

pagine: 171

Richard Wagner è riconosciuto come uno dei più importanti musicisti di ogni epoca; per molti è il più grande compositore roman
15,00

L'ebraismo nella musica

di Richard Wagner

editore: Clinamen

pagine: 58

Pubblicato nel settembre 1850 sulla "Neue Zeitschrift fur Musik", questo scritto di Richard Wagner non ha perso ad oggi nulla né della sua sconcertante attualità né della sua canea provocatoria. È dinanzi al cosiddetto tribunale della storia che Wagner trascina l'ebraismo, pronunciando una sentenza inappellabile: Untergang, tramonto, fine. L'ebraismo deve tramontare! È questo l'esito necessario di una battaglia condotta in nome della sopravvivenza dell'arte e, in essa, soprattutto della musica. Se "giudaizzata", la musica non può che decadere: se essa sempre esprime lo spirito profondo di una terra, gli ebrei, che non hanno una patria, non la possono che condurre a morte. Il testo si chiude con una invocazione agli ebrei che sembra attingere da Feuerbach, pensatore sempre presente nella mente di Wagner, nonché dal "giovane" Marx, ebreo anch'egli, ma "redento", emancipatosi ad uomo: smettetela di considerarvi ebrei, diventate finalmente uomini, "redimetevi, rigeneratevi. Allora saremo uniti e indistinguibili!" e la musica e l'arte saranno salve.
12,90

50 giochi con illusioni ottiche. Carte

editore: Magazzini salani

pagine: 50

Preparati a intraprendere un viaggio alla scoperta dell'affascinante mondo degli inganni ottici: scoprirai le figure ambigue e
7,90

Guida di Berlino per squattrinati

editore: Arcana

pagine: 122

"Povera ma sexy": Berlino è l'ultima capitale occidentale dove anche uno squattrinato studente, stagista, bohémien o semplice
12,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.