Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Libri di I. Sordi

I cristiani e l'impero romano

di Marta Sordi

editore: Jaca Book

pagine: 240

"I cristiani e l'Impero romano" della storica Marta Sordi ha mutato la percezione del rapporto fra i discepoli di una nuova re
18,00

Diritto pubblico e diritto privato. Una genealogia storica

di Bernardo Sordi

editore: Il mulino

pagine: 256

Nella percezione del giurista pubblico e privato sono termini antichi, ma il lungo itinerario che scandisce l'approdo alla gra
24,00

Storia greca e romana

di Marta Sordi

editore: Jaca Book

pagine: 79

L'esigenza a cui la ricerca storica risponde è un'esigenza umana fondamentale: quella della conoscenza certa di ciò che l'uomo
10,00

Fenomeni Naturali E Avvenimenti

di Sordi Mart

editore: Vita e pensiero

20,14

Progettare per il web

di Paolo Sordi

editore: Carocci

pagine: 144

Come si progetta un sito web? Quali sono i linguaggi e gli strumenti a disposizione del web designer? Come si sono evolute le tecniche di realizzazione del layout di una pagina web? Nel rispondere a queste domande, il libro affronta la progettazione per il web secondo i più recenti standard di HTML5 e CSS3. Attraverso l'analisi di casi di studio, il volume offre numerosi esempi di codice e tecniche applicabili alla progettazione di un sito internet.
12,00

L'impero romano-cristiano al tempo di Ambrogio

di Marta Sordi

editore: Medusa Edizioni

pagine: 96

Questo breve saggio della grande studiosa dell'antichità affronta un passaggio della storia dell'impero romano che produce una svolta decisiva nell'età antica: l'avvento al trono di Valentiniano I segna, nella storia dell'impero romano - che la fondazione di Costantinopoli e la disastrosa campagna di Giuliano avevano sbilanciato verso Oriente -, l'ultima affermazione dell'Occidente. Con la scelta di Valentiniano di fare di Milano la capitale, l'impero romano-cristiano (la definizione è di Agostino nel De gratia Christi) prende coscienza di sé e assume nuovi simboli: questa nuova concezione dell'impero trova il suo interprete e il suo teorizzatore più autorevole in Ambrogio. L'arco temporale preso in esame dalla studiosa recentemente scomparsa, è quello che segue la fine della dinastia di Costantino e si spinge fino alla morte di Teodosio, un periodo di trent'anni circa, dal 364 al 395, durante il quale, pur essendo presenti già i sintomi della crisi, l'impero romano retto da grandi personalità mantiene il suo vigore e la sua capacità di resistenza, continuando a governare per buona parte del V secolo.
11,50

Il Ceo digitale. Cosa devono pretendere i capi d'azienda dall'information technology per essere competitivi

di Claudio Sordi

editore: Franco Angeli

pagine: 128

Quali sono le persone chiave in azienda in grado di assicurare il massimo sfruttamento del potenziale dell'Information Technol
19,00

I cristiani e l'impero romano

di Sordi Marta

editore: Jaca Book

pagine: 238

Questa esauriente sintesi storica ricostruisce la complessità di un'epoca in cui i cristiani non conobbero unicamente martirio
16,00

Il mondo greco dall'età arcaica ad Alessandro

di Marta Sordi

editore: Jaca Book

pagine: 192

La storia della Grecia dall'età arcaica all'inizio dell'Ellenismo è, per la stessa natura geografica della penisola ellenica, tutta protesa sul mare, per la presenza delle sue colonie sulle coste del mar Nero, dell'Asia Minore, dell'Africa, della Sicilia, della Spagna, della Gallia e dell'Italia, una storia del Mediterraneo. Tra la fine dell'VIII e la fine del IV secolo a.C. il Mediterraneo vide gli albori, lo sviluppo, lo splendore, il declino di quella civiltà che noi chiamiamo classica.
12,00

Alle radici dell'Occidente

di Marta Sordi

editore: Marietti 1820

pagine: 148

Gli articoli riuniti in questo volume, comparsi sul quotidiano 'Avvenire' negli anni 2000 e 2001, intendono dare un'immagine d
15,00

Guerra e diritto nel mondo greco e romano

di Marta Sordi

editore: Vita e pensiero

pagine: 392

Il problema dei rapporti fra la guerra e il diritto, teorizzato dai Romani nella concezione del bellum iustum, affonda le sue radici, prima che nella propaganda degli stati, nella coscienza religiosa dei popoli: l’uccisione dell’uomo da parte dell’uomo è sempre oggetto di orrore presso i Greci e i Romani, ma diventa necessaria, e perciò giustificabile, quando lo esige la difesa propria e degli altri. Solo la necessità di respingere un’aggressione rende legittima l’uccisione di altri uomini e la guerra, ma, anche in questo caso, il sangue versato va in qualche modo espiato davanti alla divinità.
30,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.