Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di L. Folena

Servirsi del popolo. Origini, sviluppo, caratteri del nuovo populismo italiano

di Pietro Folena

editore: La nave di teseo

pagine: 224

I grandi partiti popolari vivono oggi una crisi profonda, dopo aver segnato ininterrottamente la vita politica italiana fino a
18,00

Perché il gioco d'azzardo rovina l'Italia

editore: Terra Santa

pagine: 320

Tra il 2014 e il 2019, il fatturato del gioco d'azzardo in Italia è passato da 84,5 a 110,5 miliardi di euro
18,00
3,00

Culture e lingue nel Veneto medievale

di Folena Gianfranco

editore: libreriauniversitaria.it

pagine: 432

I saggi qui raccolti, che hanno letteralmente rinnovato e in qualche caso fondato interi campi di studi, indagano da varie ang
29,50

Lingua nostra

di Gianfranco Folena

editore: Carocci

pagine: 323

Dal 1941 Folena comincia a collaborare a "Lingua nostra", fondata due anni prima dal suo maestro Bruno Migliorini. Vi scriverà fino al 1983, perseguendo una storia semantica che fa dell'analisi linguistica, della storia socio-culturale del lessico, della filologia, di istituti e tradizioni stilistiche un altro modo di fare storia. Oltre agli articoli usciti nella rivista, sono qui ripubblicati testi ospitati in altre sedi e due interventi destinati al mondo della scuola, quasi un bilancio del proprio percorso scientifico. Esplorazione di testi (letterari, pubblicitari, giornalistici), autori (da Guittone e Dante fino a Pulci, Folengo, Beccaria, Algarotti ecc.) e linguaggi (toscano, italiano letterario e popolare, dialetto, gerghi, mescidanze) diversi, con una dichiarazione continua di pragmatismo, di modesta preferenza per le analisi concrete rispetto alle pretese teoriche. Ne esce una grande lezione di metodo: la fedeltà alla parola, la capacità di toccare i nodi essenziali della nostra storia linguistica.
27,00

Piccola guida di ortografia

editore: Apice libri

pagine: 122

Ci sono tante guide all'ortografia, perché il pubblico cerca spesso soccorso nell'uso della lingua italiana: lingua amica, ma anche piena di trappole e tranelli. Tuttavia non esiste una guida che possa fregiarsi di due nomi più illustri di questi: il grande Bruno Migliorini, fondatore della "Storia della lingua italiana" quale disciplina universitaria, e il suo allievo Gianfranco Folena (in seguito a sua volta maestro, e professore ordinario a Padova). Due grandi studiosi, uno più anziano e uno più giovane, alleati nell'allestire un libretto rivolto al largo pubblico, ma concepito con rigore impeccabile. Quest'opera, che con gli anni non ha perso né freschezza né utilità, fu pubblicata dall'Ufficio stampa dell'Olivetti nel 1954, ed ebbe meritata fortuna e più ristampe. L'Italia era leader nella produzione di macchine per scrivere e la nostra industria era invidiata in tutto il mondo. Niente di strano quindi che un'azienda così all'avanguardia in quell'epoca si desse da fare per procurare le buone regole della scrittura. Si può star certi che anche oggi, nell'età dei computer e dei tablet, quelle regole funzionano assai bene.
10,00

I bambini e lo schifo

editore: La scuola

pagine: 144

Molti bambini non temono di nascondere la loro passione per tutto ciò che fa schifo ai grandi
9,00

Langenscheidt

Sinonimi e contrari

editore: Mondadori

pagine: 580

Il dizionario contiene: 30
19,90

Alfabeto delle paure quotidiane

di Umberto Folena

editore: Ancora

pagine: 104

Paure. Paure che ci portiamo dentro da sempre, come l'abbandono e il dolore. Paure di cui è responsabile la natura, come terremoti e alluvioni, con la complicità decisiva dei comportamenti umani. Uomini che fanno paura perché rubano, violentano, uccidono. Paure motivate, a volte; spesso invece immotivate e alimentate dai mass media. Per affrontare le tossine delle nostre paure quotidiane, che ci avvelenano la vita, il primo anticorpo è l'abilità critica: saperle riconoscere per ciò che realmente sono. E superarle. Precisamente lo scopo di questo libro.
10,00
8,00

Una modesta proposta

editore: Cantagalli

pagine: 48

Una satira irriverente e pungente scritta dal grande autore irlandese. Swift parla del infanzia e dell'adolescenza provocando il lettore con l'esposizione di un'idea agghiacciante: usare i bambini come carne da macello per le tavole delle classi benestanti irlandesi. Questo scritto è di una attualità sconcertante perché a distanza di 250 anni i più deboli sono ancora oggetto di ogni tipo di violenza e sopruso. Molti sono "gli orchi" che si cibano in vario modo dell'ingenuita', della dolcezza, della fiducia della speranza dei più piccoli. Dalla violazione del diritto alla vita alla violenza psicologica e fisica la tavola è imbandita di ogni ben di Dio per i palati fini dei mostri del ventunesimo secolo.
8,00

Textus testis

Lingua e cultura poetica dalle origini

di Folena Gianfranco

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 334

Il volume offre uno spaccato complessivo dei due secoli che in Italia non solo hanno visto la nascita e il consolidamento di u
34,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento