Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di M. Gasparri

Il potere della vittoria. Dagli Agoni omerici agli sport globali

di Moris Gasparri

editore: Salerno

pagine: 188

Attraversando le epoche e i grandi eventi sportivi, dai tempi dell'epica a quelli della telecronaca, questo libro indaga la st
18,00

Elementi di diritto amministrativo

editore: Giappichelli

pagine: 562

«Con la seconda edizione degli Elementi di diritto amministrativo si intende aggiornare la precedente e integrarla con le indi
50,00

Desiderio

di Stefano Gasparri

editore: Salerno

pagine: 256

Desiderio, ultimo re dei Longobardi, segnò con le sue gesta la storia d'Italia
19,00

Italia longobarda. Il regno, i Franchi, il papato

di Gasparri Stefano

editore: Laterza

pagine: XII-193

Nel 700 d
12,00

Voci dai secoli oscuri. Un percorso nelle fonti dell'alto medioevo

di Stefano Gasparri

editore: Carocci

pagine: 178

Scopo del libro è far accostare i lettori a un mondo molto lontano dal nostro, un mondo che va dal periodo successivo al tramo
17,00

Campionesse. Storie vincenti del calcio femminile

editore: Giunti Editore

pagine: 208

Mia Hamm, Carolina Morace, Marta, le Nadeshiko, Christine Sinclair, Carli Lloyd, Dzsenifer Maroszán, Kelly Smith, Verónica Boq
16,00

Italia longobarda. Il regno, i Franchi, il papato

di Gasparri Stefano

editore: Laterza

pagine: XIII-194

Nel 700 d
20,00

Strafalciopoli. Dove la cronaca si fa comica

di Gianluigi Gasparri

editore: La Lepre Edizioni

pagine: 166

Un affresco satirico sull'inesplorato mondo del giornalismo di periferia descritto come una specie d'inferno abitato da pochi
16,00
22,00

Tempi barbarici. L'Europa occidentale tra antichità e Medioevo (300-900)

editore: Carocci

pagine: 357

Nelle fonti tra VI e XI secolo, l'espressione "tempi barbarici" indica i periodi di profondo cambiamento in cui si tenta faticosamente di trovare un nuovo equilibrio. Oggetto di un'intensa ricerca internazionale, l'alto medioevo appare adesso molto lontano dal quadro ottocentesco, che vedeva i barbari nel ruolo di fondatori delle nazioni europee oppure di distruttori della civiltà. Si è riconosciuta la sua importanza come momento delle origini del potere del papa e della nascita dell'Islam, dell'emergere di nuovi modelli maschili (i valori militari invece dell'otium) e di spazi per l'esercizio del potere pubblico da parte delle donne. Al suo interno agirono forze vecchie e nuove: i soldati barbari dell'esercito tardo romano si affermarono come nuovo gruppo di potere e i monaci irlandesi proposero la propria peregrinano come segno di santità. Pure lo stato si trasformò, dal modello romano regolato dalle imposte a uno in cui il rapporto di amicizia o di conflitto col re rappresentava il fattore decisivo, finché, durante la fase carolingia, si tentò di ricreare di nuovo un impero, basato sulla collaborazione fra il potere pubblico e l'ecclesia. Se l'alto medioevo resta ancora lo specchio delle domande che ci poniamo di fronte a ogni cambiamento epocale, le sue fonti ci invitano a interrogarci sulla sua storia, a comprenderne la lontananza e a osservarlo dalla giusta distanza.
31,00

La cucina dei chakra

editore: Xenia

pagine: 218

Il cibo non ha solo la funzione di nutrire il corpo, ma anche di curarlo. Questo è uno dei principi più importanti messi in luce dalle discipline della nuova era. Ci curiamo assorbendo le sostanze nutritive contenute negli alimenti, ma anche con i colori dei cibi, che attivano invisibilmente i sette chakra maestri. Ogni colore è l'espressione di una vibrazione, di un livello di coscienza: ogni colore accende un chakra. Per esempio, il giallo fa vibrare armoniosamente il terzo, riequilibrando i disturbi a esso legati, come la cattiva digestione, e potenzia il senso di libertà. La vibrazione cromatica rimette in frequenza il chakra, che restituirà perciò forza agli organi e donerà intuizioni alla mente. Come ci sono perciò parole-chiave per i chakra, così ci sono parole-chiave per i cibi: per il primo chakra è la carne, per il secondo sono i liquidi, per il terzo gli amidi... Il libro presenta 150 gustose ricette suddivise secondo i sette colori base (rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco e viola) e ripartite in: primi, secondi per vegetariani e non, contorni, salse, dolci, conserve e bevande. Chissà che dei caprini al forno con insalata di violette non risveglino un po' il vostro anelito alla luce interiore?
9,90

Le tracce del karma. Come riconoscerle nell'attuale incarnazione

editore: Xenia

pagine: 284

Il destino è un sentiero di conoscenza. Ma che cosa fare quando giornalmente ci imbattiamo nelle medesime difficoltà, negli stessi nodi? Occorre allargare l'orizzonte. Nasce da questa esperienza vissuta l'iniziativa degli autori di correlare il sistema tantrico dei chakra agli archetipi rappresentati dagli arcani maggiori dei tarocchi. Ciò consentirà a ciascuno di noi di far proprio il concetto di karma sotto una nuova luce, integrandolo con l'ampliamento della nostra coscienza. Solo il principio del karma, adeguatamente sperimentato, può spiegare tante situazioni contraddittorie del nostro tempo. Coniugando le cifre della nostra data di nascita con i 22 arcani potremo leggere più nel profondo del nostro destino, ottenere informazioni sull'eredità karmica del nostro passato, programmare le giuste svolte per il futuro. Tutto questo lo dobbiamo al fatto che siamo entrati in contatto con il tratto karmico, la memoria di tutte le nostre vite, qualcosa di molto più denso di informazioni del DNA, che invece si riferisce soltanto al corpo fisico. Il libro guida attentamente il lettore a familiarizzarsi con i giochi karmici attraverso una serie di esercitazioni e di schemi.
18,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.