Libri di M. Pantaleo

I New Yorkers

I New Yorkers

di Marta Pantaleo

editore: Orecchio acerbo

pagine: 60

Un libro che è tante cose contemporaneamente: un gioco per costruirsi una propria metropoli in miniatura, il racconto di cosa
22,50
Il grande squilibrio. L'emergenza climatica raccontata a fumetti

Il grande squilibrio. L'emergenza climatica raccontata a fumetti

editore: Becco giallo

pagine: 128

«Ci siamo sbagliati, la situazione è peggiore di quanto avevamo previsto in precedenza
18,00
Architettura della felicità. Futuro come sostanza di cose sperate

Architettura della felicità. Futuro come sostanza di cose sperate

editore: Becco giallo

pagine: 167

Quando un'architettura è felice? Quando è abitata felicemente dai suoi abitanti
18,00
Un Pisolo in giardino. Segni, sogni, simboli alla periferia dell'abitare

Un Pisolo in giardino. Segni, sogni, simboli alla periferia dell'abitare

di Pantaleo Raul

editore: Eleuthera

pagine: 128

La quotidianità abitativa delle nostre periferie è contrassegnata dalla presenza di nanetti, fate, mostri, rapaci e figure geo
13,00
La sporca bellezza. Indizi di futuro tra guerra e povertà

La sporca bellezza. Indizi di futuro tra guerra e povertà

di Raul Pantaleo

editore: Eleuthera

pagine: 127

Queste "cronache da un mondo altro" raccontano in presa diretta le sfide che l'architettura deve affrontare quando opera nei p
13,00
Al di là delle cure. Interventi complementari e di supporto in oncologia

Al di là delle cure. Interventi complementari e di supporto in oncologia

di Piero Pantaleo

editore: Franco Angeli

pagine: 192

Il testo affronta un argomento interessante e di attualità: i malati di tumore si affidano nella quasi totalità alle cure trad
25,00
Made in Africa. Tra modernizzazione e modernità

Made in Africa. Tra modernizzazione e modernità

di Raul Pantaleo

editore: Eleuthera

pagine: 164

L'Africa cambia, corre, e pur restando in bilico tra modernità e catastrofe, non ci sta a giocare sempre alle regole imposte dagli altri. E questa voglia di costruirsi un proprio futuro ce la racconta bene Pantaleo, architetto di Emergency, che la percorre da un cantiere all'altro. Una transumanza africana dalla quale emerge una realtà tutt'altro che scontata, anche se segnata da quella modernizzazione senza modernità che in Africa (e non solo) ha spesso trasformato il paradigma occidentale di progresso in sradicamento, povertà, guerra. Per un'organizzazione come Emergency costruire un ospedale in quella parte del mondo diventa allora la scommessa per una "modernità a bassa risoluzione" capace di riportare la dimensione etica al centro dall'azione. Prefazione di Erri De Luca.
13,00
Attenti all'uomo bianco. Emergency in Sudan: diario di cantiere

Attenti all'uomo bianco. Emergency in Sudan: diario di cantiere

di Raul Pantaleo

editore: Eleuthera

pagine: 135

Nel 2007 Emergency inaugura alla periferia di Karthoum il Centro Salam, l'unico ospedale africano di cardiochirurgia in grado di fornire assistenza gratuita a una popolazione di trecento milioni di persone. Questo "diario di cantiere" racconta in presa diretta cosa sia stato costruire in una natura particolarmente inospitale e in un paese segnato dalla fame e dalla guerra. Operare in condizioni simili ha infatti richiesto criteri progettuali innovativi tanto dal punto di vista teorico che pratico, imponendo una riflessione a tutto campo sui principi etici che stanno alla base della progettazione architettonica. Come testimonia il percorso fotografico che accompagna il racconto, la realizzazione di un centro sanitario d'eccellenza, capace di essere "scandalosamente bello", ha così assunto un significato emblematico: non solo un segno di speranza per l'oggi, ma un'utopia lanciata verso il futuro.
12,00
Destinazione Freetown

Destinazione Freetown

editore: Becco giallo

pagine: 144

Italia, Libia, Sudan, Darfur, Centrafrica, con destinazione finale Freetown, Sierra Leone. Una testimonianza di prima mano, profonda e sempre ironica, del vissuto degli autori in questi anni di lavoro con Emergency, che ha "prestato" i suoi ospedali alla storia di Khalid, uomo africano divenuto un po' italiano, che ha lasciato la sua terra d'origine con il miraggio di un mondo migliore (l'Italia) che lo ha invece ricacciato involontariamente nel mare che l'aveva portato. Il racconto di ciò che gli autori hanno visto della guerra, della miseria, della solidarietà, della tristezza e dell'immensa gioia del continente africano. Di un'Africa che è qui ora, immersa nel flusso della modernità, e ha fame di futuro. Non quel luogo lontano e "altro" che noi immaginiamo in Occidente.
15,00
Attenti all'uomo bianco. Emergency in Sudan: diario di cantiere

Attenti all'uomo bianco. Emergency in Sudan: diario di cantiere

di Pantaleo Raul

editore: Eleuthera

pagine: 131

Un diario di cantiere scritto tra Sudan e Italia che ripercorre l'esperienza dell'autore come architetto di Emergency durante
12,00
Restauri leopardiani. Studi e documenti per l'Epistolario

Restauri leopardiani. Studi e documenti per l'Epistolario

di Pantaleo Palmieri

editore: Longo Angelo

pagine: 148

"È da almeno un quarto di secolo che Pantaleo Palmieri percorre opere e vita di Giacomo Leopardi, centro quasi costante, o per lo meno il più privilegiato, dei suoi interessi di studioso. [...] Nelle sue indagini leopardiane, il Palmieri [...] ha sempre preferito dar corpo a "fantasmi" bisognosi di concretezza documentata; a chiarire, con l'aiuto degli archivi, minime vicende rimaste magari misteriose o ipotetiche, fugacissimi e trascurati rapporti e incontri; e anche a correggere, con garbo e pazienza, credenze piuttosto confuse e insicure, o evidenti errori trasmessi passivamente, come talora accade, di generazione in generazione. Piccolezze magari, [...] che però possono incidere su valutazioni di fondo; e comunque preziosi e sicuri contributi alla conoscenza della verità. [...] Dietro tanta concretezza storica, dietro tanto interesse filologico e perfino erudito, s'intravvede sempre, e la si coglie, una sicura conoscenza dell'altro, più noto e prediletto, Leopardi, e un grande amore per la sua straordinaria vicenda di uomo, di pensatore, di poeta. Probabilmente la figura di Leopardi ne esce, per così dire, ancor più umanizzata; di lui, uomo comune fra altri uomini comuni, creature della vita quotidiana."
15,00
Un Pisolo in giardino. Segni, sogni, simboli alla periferia dell'abitare

Un Pisolo in giardino. Segni, sogni, simboli alla periferia dell'abitare

di Raul Pantaleo

editore: Eleuthera

pagine: 112

Possiamo ancora ritrovare nell'abitare quotidiano i segni di un universo simbolico? È ancora pensabile un linguaggio che riecheggi un universo simbolico? Avendo in mente queste domande, e in compagnia di nanetti, fate, mostri e castelli, il lettore viene condotto alla riscoperta della periferia dell'abitare, di quella periferia fatta di casupole e capannoni identici da Trieste a Palermo. Nella convinzione che questi manufatti rappresentino l'imperituro bisogno di significato e la stretta connessione con le strutture dell'inconscio collettivo, il libro cerca conferma, dalle osservazioni realizzate sul campo, dei bisogni che essi esprimono. "Pisolo" diventa così metafora del sonno della coscienza, di chi fa uso di questi manufatti senza averne consapevolezza simbolica. Ma distilla anche un bisogno: il bisogno dell'individuo di esorcizzare la parte più oscura della propria esistenza. La seconda parte del saggio esplora un'ipotesi di linguaggio che, attraverso la riscoperta della fisiognomica, riesca a ricomporre la frattura con quel mondo comunemente definito "altro". Una navigazione ai margini della realtà in costante contatto con la dimensione di quell'immaginario che tende costantemente a emergere là dove si creano spazi di libertà, spazi non condizionati da convenzioni sociali che lascino intravedere le enormi potenzialità immaginifiche dell'uomo "più qualunque".
10,00