Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di M. T. Milano

19,00

Comunità e famiglia generano nella fede. Il dono e il compito della famiglia nell'Iniziazione Cristiana dei figli

di Arcidiocesi di Milano

editore: Centro Ambrosiano

pagine: 176

Nel delicato compito di generare un figlio nella fede è necessaria e imprescindibile una buona alleanza tra comunità cristiana
12,90

I bambini raccontano la Shoah

editore: Sonda

pagine: 126

Sul filo dell'autobiografia, Lia Levi e Uri Orlev con i loro racconti struggenti ci fanno provare emozioni e sentimenti, paure
14,00

Alla scuola della Parola. Calendario liturgico 2018-2019. Rito ambrosiano

di Arcidiocesi di Milano

editore: Centro Ambrosiano

pagine: 32

Il nuovo calendario liturgico 2018/2019 per il rito ambrosiano, con tutti gli appuntamenti pastorali diocesani
0,80

Persona in teologia. Alle origini del significato di persona nel cristianesimo antico

di Andrea Milano

editore: Edb

pagine: 488

Non esiste nel linguaggio del nostro tempo un termine così solidale o, meglio, così compenetrato con l'essere umano come quell
38,00

Ebraico

editore: Edb

pagine: 230

Negli ultimi anni la lingua ebraica è uscita dal mondo accademico e ha raggiunto pubblici diversi: cristiani che vogliono cono
22,50

Terezín. La fortezza della resistenza non armata

di Maria Teresa Milano

editore: Effata

Il 10 ottobre 1941, nel corso della Conferenza di Praga voluta da Reinhard Heydrich, Reichsprotektor di Boemia e Moravia, i na
12,00

Colporteurs. I venditori di stampe e libri e il loro pubblico

di Alberto Milano

editore: Medusa Edizioni

pagine: 180

Questo libro racconta la storia di una figura che ebbe tra il XVI e il XX secolo un ruolo rilevante nella creazione e diffusione dell'immaginario collettivo europeo: il Colporteur. Erano venditori di libretti di poco costo sia di soggetto sacro che profano, oppure di lunari, calendari e almanacchi, di ventole o di stampe religiose; in mezzo a loro c'erano anche venditori che mostravano le vedute cittadine all'interno delle scatole ottiche o tramite una lanterna magica. Tutti erano accomunati dalle incertezze di una vita spesa sulle strade, che poteva essere segnata da tragici incontri e dai lunghi spostamenti a piedi per raggiungere il pubblico nelle località più isolate. Il libro traccia per la prima volta in modo esaustivo il ritratto di questo singolare "commerciante" del sapere, componendo anche una esaustiva galleria di stampe che provano come la sua figura fosse presente nell'immaginario degli artisti e della gente comune. Il mestiere del venditore fu molto spesso esercitato con dignità e professionalità tanto da permettere un'ascesa sociale con l'acquisto di un negozio e l'apertura di una propria casa editrice. Non deve quindi essere confuso con i gruppi ambulanti di poveri e ciarlatani che popolavano numerosi le stesse strade e frequentavano gli stessi mercati.
25,00

Come (non) si diventa razzisti

editore: Sonda

pagine: 144

12,00

Morte di un blasfemo. Shahbaz Bhatti, un politico martire in Pakistan

di Francesca Milano

editore: San Paolo Edizioni

pagine: 144

Ancora oggi essere cristiano può voler dire andare incontro al martirio
12,00

Tempi Difficili. Economia E Lavoro In Provincia Di Milano. Rapporto 2009-2010

editore: Angeli

L`onda lunga della crisi avviatasi due anni fa negli stati uniti e che si e` trasmessa poi all`intera economia mondiale contin
32,00

Regina Jonas. Vita di una rabbina. Berlino 1902-Auschwitz 1944

di Maria Teresa Milano

editore: Effata

pagine: 144

Negli anni Novanta vengono aperti al pubblico gli archivi di Berlino Est e la teologa Katharina von Kellenbach ritrova tra gli schedari una busta contenente alcuni documenti appartenenti a una donna, Regina Jonas, nata nel 1902 a Berlino e ivi ordinata rabbino il 26 dicembre 1935. La notizia suscita grande interesse e da quel momento Regina Jonas viene spesso citata come personaggio straordinario, precursore dei tempi. La sua vicenda non va però considerata come un evento singolare. Le pagine di questo volume presentano la figura della rabbina Jonas, infaticabile insegnante e "curatrice di anime", nel contesto della società della Berlino dei primi anni Trenta. Deportata nel ghetto di Terezín, massima rappresentazione della resistenza non armata a cui durante la Seconda guerra mondiale presero parte molti intellettuali tedeschi, Regina scelse di rimanere a condividere il destino dei suoi correligionari, per difendere il valore più sacro per l'ebraismo: la vita.
10,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.