Il tuo browser non supporta JavaScript!

Perrone: Hinc

Diario di un cazzeggiatore

di Samuel Benchetrit

editore: Perrone

Roman Stern
10,00

L'incendiario

di Jan Carson

editore: Perrone

pagine: 400

Jonathan Murray teme che sua figlia, appena nata, potrebbe non essere così innocua come sembra
20,00

Brama

di Ilaria Palomba

editore: Perrone

pagine: 239

Possedere l'altro, primeggiare, schivare le attenzioni di una madre morbosa, meritare il riconoscimento di un padre inarrivabi
16,00

Gli anni di nessuno

di Giuseppe Aloe

editore: Perrone

Il professore è morto
13,00

Aut aut

di Gabriele Santoni

editore: Perrone

pagine: 150

Matteo è un militante di Rifondazione Comunista
12,00

Happy Italy

di Ilaria Rossetti

editore: Perrone

Italia 2010: Bancopoli, qualche anno prima, ha mandato in rovina centinaia di persone e causato due morti, quella di una donna
13,00

Mio padre fa la donna delle pulizie

di Saphia Azzedine

editore: Perrone

Polo, 14 anni, una madre disabile e un po' assente fissata con le telenovelas, una sorella il cui unico pensiero sono i concor
10,00

Ritratto di un ragazzo da buttare alle ortiche

di Rachid Djaïdani

editore: Perrone

pagine: 104

Mounir si sente un elettrone vagante, un extraterrestre, un selvaggio. Vorrebbe sfuggire alle continue lamentele dei suoi vicini e accontentare i suoi genitori, stacanovisti con un banco di ortofrutta al mercato, che ambiscono per lui a un futuro "al massimo". Vorrebbe, a volte, farsi piccolo come un lillipuziano, altre, invece, essere legato al dorso di un fuoco d'artificio. Vorrebbe diventare una star, abbagliare la notte durante il sonno. Nel frattempo, però, non può che accontentarsi di spazzare capelli pieni di forfora nel salone di un barbiere e vivere il suo "mal di silenzio". Perché Mounir ha bisogno di parole per non scomparire, contare fino a dieci prima di parlare non fa per lui, la sua lingua non sopporta i numeri. Ogni settimana sale sul treno che collega la banlieu parigina in cui vive al centro della città. Destinazione: lo studio di uno psicanalista. Il tragitto diventa il pretesto per ricordare gli episodi che hanno segnato la sua vita. Una circoncisione senza anestesia, il suo personaggio di seduttore virtuale, la sorellina "seme di rosa" e l'ambigua tenerezza di Gigi, la babysitter, di cui scoprirà solo in seguito (e a proprie spese) il vero mestiere.
10,00

Lo splendore dei discorsi

di Giuseppe Aloe

editore: Perrone

Che cosa ha da perdere un uomo che ha già perso tutto? Probabilmente niente
15,00
12,00

Viscerale. Un grido dalle banlieue

di Rachid Djaïdani

editore: Perrone

pagine: 128

Nato altrove e arenato nella periferia povera di Parigi, il piccolo Lies ha coperto il rumore della discriminazione con la mus
10,00

Non è successo niente

di Giuseppe Aloe

editore: Perrone

pagine: 224

È un caso urgente, gli dicono. E il professore in pensione, ottantenne rivoluzionario e riconciliatore, fa la valigia. L'istituto di igiene mentale che ha diretto per vent'anni è ancora come lo ha lasciato: stesse stanze, stesse voci nei corridoi, stessa pace incrinata, all'ombra del muro di cinta; e anche qualche vecchio paziente da riconoscere con affetto amaro. Tutto com'era, serenamente illogico: un'elegia della demenza. Durante la sua permanenza accadono fatti gravi. Sei pazienti sgozzati. Sei pazienti e un gatto. Apparentemente nessun movente, nessuna logica. Un romanzo con tinte da noir psicologico che indaga le pieghe dell'animo umano e ci fa riflettere sulla difficoltà di tracciare una linea netta e definitiva tra sanità e follia.
15,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.