Il tuo browser non supporta JavaScript!

Aguaplano

Palazzo Brignole Durazzo alla Meridiana in Genova

editore: Aguaplano

pagine: 96

Palazzo Brignole Durazzo alla Meridiana fa parte del Sistema dei Palazzi dei Rolli, l'efficace stratagemma per supplire alla m
13,00

Holden & company. Peripezie di letteratura americana da J. D. Salinger a Kent Haruf

di Luca Pantarotto

editore: Aguaplano

pagine: 128

La letteratura intrattiene, sostiene Michael Chabon
15,00

Critica d'arte e tutela in Italia: figure e protagonisti nel secondo dopoguerra. Atti del Convegno (Perugia, 17-19 novembre 2015)

editore: Aguaplano

pagine: 688

Il recupero delle opere d'arte disperse durante il secondo conflitto mondiale, la riorganizzazione delle soprintendenze e dei
50,00

Lo sguardo liberato. Donne nel cinema del terzo millennio

di Carlo Guerrini

editore: Aguaplano

pagine: 444

Grazie ai nuovi (e ancora limitati) spazi ottenuti dalle donne ai vari livelli della produzione cinematografica, il terzo mill
20,00

Pietro da Cortona. Madonna col Bambino e santa Martina

di Federica Zalabra

editore: Aguaplano

pagine: 56

Il restauro della «Madonna col Bambino e santa Martina» di Pietro da Cortona è stato promosso dalla Galleria Nazionale dell'Um
12,00
16,00

Palazzo imperiale di Campetto in Genova

di Giacomo Montanari

editore: Aguaplano

Palazzo Imperiale di Campetto è una dimora di eccezionale interesse anche nel novero di quelle più volte ascritte tra i Palazz
13,00

La pietà del pensiero. Heidegger e i «Quaderni neri»

editore: Aguaplano

pagine: 394

Heidegger è stato antisemita? Di che tipo di antisemitismo si tratta? La "Judenfrage" è davvero il cuore degli "Schwarze Hefte"? Che tipo di responsabilità si possono ascrivere alla filosofia di Heidegger davanti all'orrore dell'Olocausto? Perché questa ossessione solo per il caso Heidegger? E perché questo diffuso anti-heideggerismo di ritorno? Come collocare l'interpretazione di Heidegger nella storia della filosofia dopo la pubblicazione dei "Quaderni Neri"? Ha senso pronunciare ora, allo stato attuale della pubblicazione della "Gesamtausgabe", giudizi definitivi o tentare ricostruzioni a posteriori? Queste sono alcune delle domande alla base del libro. Il lavoro sulle "Überlegungen" II-XV e sul recentissimo volume delle "Anmerkungen" I-V ha rappresentato un'occasione importante per praticare un'ermeneutica scrupolosa e libera da ideologie di ogni sorta; per riflettere sui molti temi contenuti nei "Quaderni Neri" e problematizzarne le domande radicali. Ciò che è emerso da questo lavoro è che il pensiero di Heidegger, anche quello caratterizzato dalle affermazioni più abissali e dal buio della storia che le ha alimentate, è qualcosa di più dell'affaire Heidegger.
20,00

Ciò che si muove ai margini. Identità e riscrittura della storia nazionale in Toni Morrison, Gloria Anzaldúa e Bharati Mukherjee

di Mirella Vallone

editore: Aguaplano

pagine: 118

Il libro prende in esame, attraverso l'analisi di alcune tra le opere più significative di Toni Morrison, Gloria Anzaldúa e Bharati Mukherjee, quel processo di rilettura del passato e di ridefinizione della identità nazionale avviato dai movimenti per i diritti civili che infiammarono gli Stati Uniti nel corso degli anni Sessanta. Queste scrittrici avvertirono la necessità di una proposta di cambiamento che, passando attraverso una presa di coscienza individuale e collettiva, ridisegnasse i rapporti tra l'America bianca e le minoranze e, al contempo, riscrivesse la storia nazionale, riempiendo i vuoti, offrendo un nuovo sguardo e facendo emergere parole e persone dal silenzio e dalla invisibilità. Attraverso l'uso sinergico di memoria e immaginazione, le opere di Morrison, Anzaldúa e Mukherjee riannodano il filo tra passato e presente e propongono una visione del futuro che riguarda l'intera nazione.
14,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.