Il tuo browser non supporta JavaScript!

Fazi

Bellezza, verità e eros. Una riflessione filosofica nel giardino dei piaceri

di Wilhelm Schmid

editore: Fazi

pagine: 191

Come riuscire a dominare il piacere senza esserne dominati? A questa domanda, il pensiero moderno non sembra voler conferire d
17,00

La natura dell'amore

di John Burnside

editore: Fazi

pagine: 281

Quando John per la prima volta si accorge che i testi delle canzoni d'amore che passano alla radio hanno un significato, capis
17,50

La magnifica

di Arnaldo Colasanti

editore: Fazi

pagine: 234

"La Magnifica" è la storia di Piero Aprile, scrittore e critico, convocato per un viaggio premio a New York insieme ad altri a
17,50

Il boulevard delle ossa

di Léo Malet

editore: Fazi

pagine: 170

È primavera, e all'agenzia d'investigazione Fiat Lux è un gran giorno: Nestor Burina e la sua assistente Hélène hanno appena v
15,00

Slumberland

di Paul Beatty

editore: Fazi

pagine: 318

Berlino, 1989
18,50

Prova d'orchestra. Intelligenza emotiva: armonia e ritmo nella direzione aziendale

di Luciano Ziarelli

editore: Fazi

pagine: 112

Siamo fatti così, come cantava Gaber: sinistra, destra, destra, sinistra
30,00

Notti al circo

di Angela Carter

editore: Fazi

pagine: 430

È una notte londinese del 1899 e il tempo si è fermato
18,00

Che fare, dunque?

di Lev Tolstoj

editore: Fazi

pagine: 245

Dopo essere stato a lungo a contatto con i contadini poverissimi e oppressi della campagna russa, sulla soglia dei sessant'ann
20,00

Giuliano

di Gore Vidal

editore: Fazi

pagine: 585

Pubblicato per la prima volta nel 1964, Giuliano è uno dei romanzi di maggiore successo di Gore Vidal. La fortuna ininterrotta che i lettori gli hanno tributato dalla sua uscita e gli apprezzamenti favorevoli della critica letteraria lo fanno annoverare tra le opere di narrativa più importanti della letteratura americana del Novecento. Il romanzo racconta la vita privata e politica di Giuliano, l'imperatore romano del quarto secolo, nipote di Costantino, che durante i brevi anni del suo regno tentò di soffocare la diffusione del cristianesimo e di restaurare il culto degli dèi, passando per questo motivo alla storia con l'appellativo di "Apostata". Morirà assassinato nel 363, tre anni dopo essere diventato imperatore, avendo completamente fallito la realizzazione del suo progetto. Il racconto di Vidal comincia diciassette anni dopo la morte di Giuliano e prende le mosse dalla corrispondenza tra due potenti e influenti uomini politici del tempo. Senza scrupoli, portati a privilegiare gli intrighi della politica e del potere, non esitano a farcire le loro lettere di osservazioni malevole, pettegolezzi e maliziose digressioni che interpolano al diario scritto dall'imperatore, destinato a essere la sua autobiografia. Nelle pagine di Giuliano troviamo così l'affascinante rappresentazione di un conflitto politico e religioso in cui già si profila il declino dell'Impero Romano; ma troviamo, soprattutto, il sentimento di un'epoca, raffigurato con maestria e con l'inconfondibile stile di Gore Vidal. Nella lotta senza speranza contro il cristianesimo ormai trionfante, nel tentativo - che egli stesso sa essere destinato a fallire - di restaurare una religione che lo spirito del tempo non sente più sua, si nasconde il tormento di un'anima spaventata e smarrita di fronte al futuro. Un sentimento che appartiene a ogni epoca e che fa della tragica parabola dell'imperatore romano una storia attuale anche ai giorni nostri.
19,50

La figlia femmina

di Anna Giurickovic Dato

editore: Fazi

pagine: 191

Ambientato tra Rabat e Roma, il libro racconta una perturbante storia familiare, in cui il rapporto tra Giorgio e sua figlia M
16,00

Il nido

di Winton Tim

editore: Fazi

pagine: 442

Tom Keely, ex avvocato ambientalista molto noto, ha perso tutto
19,50

Verso un mondo multipolare. Il gioco di tutti i giochi nell'era Trump

di Pierluigi Fagan

editore: Fazi

pagine: 349

Quello in cui viviamo è un mondo sempre più complesso; in poco più di un secolo la popolazione è passata da 1,5 a più di 7 miliardi e secondo le stime demografiche entro il 2050 arriverà a 10. Anche gli Stati nel giro di cinquant'anni sono quadruplicati, passando da 50 a oltre 200. Il nostro establishment politico, economico e finanziario, come nella Francia di Maria Antonietta, pare avulso dalla realtà dei popoli e inadeguato ad affrontare i profondi cambiamenti che stanno investendo il pianeta. All'aumentare della complessità del mondo corrisponde una progressiva perdita di credibilità dei piloti, quell'élite occidentale a cui nessuno riconosce più il suo ruolo di guida. Allo stesso tempo, con la crisi della globalizzazione acquisiscono nuova importanza gli Stati, le unioni, gli accordi bilaterali, il giusto mix di hard e soft power, l'equilibrio tra i diversi attori. "Verso un mondo multipolare" esamina lo scacchiere internazionale attingendo alle forme di pensiero della cultura della complessità e dei sistemi. Il risultato è un'analisi condotta su diversi livelli dei punti di forza e debolezza sia degli attori tradizionali (USA, Cina, Russia ed Europa), sia dei nuovi centri emergenti, tutti impegnati nel grande gioco di tutti i giochi: assicurarsi le migliori condizioni di possibilità per accedere a un futuro in cui cambieranno molte cose. Un mondo in cui se l'Europa non troverà in fretta una sua chiara collocazione finirà per essere una pedina all'interno di un gioco a tre: Cina, Russia e America. Un mondo nuovo per il quale sono necessari un agire e un pensare inediti.
25,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.