Il tuo browser non supporta JavaScript!

Fernandel

Tecla tre volte

di Gianluca Morozzi

editore: Fernandel

pagine: 128

C'è un cubo
12,00

L'ambiguo paterno

editore: Fernandel

Esiste l'istinto paterno? Si è padri naturalmente o culturalmente? Chi sono i nuovi padri? Quali iniziative di sostegno a ques
13,00

Faccia di sale

di Eraldo Baldini

editore: Fernandel

pagine: 143

«È un lavoro immane trasportare una città intera, sembra impossibile che si possa finire mai»
13,00

Ambiguo materno

editore: Fernandel

pagine: 137

"Esiste l'istinto materno? Si è madri naturalmente o culturalmente? La naturalità della maternità conviene alle donne? Chi son
14,00

L'amore ai tempi del telefono fisso

di Gianluca Morozzi

editore: Fernandel

pagine: 157

Qual era la cosa più difficile da fare per un adolescente degli anni Ottanta? Sopravvivere alle spalline e ai paninari? Non farsi pestare dal teppista della scuola durante l'ora di educazione fisica? No: negli anni drammatici del telefono fisso la cosa più difficile del mondo era telefonare a una ragazza. All'altro capo della cornetta avrebbe potuto rispondere chiunque, la nonna sorda, il padre severo, il fratellino scemo, o peggio ancora la madre giovanile dalla voce molto simile a quella della figlia, il suono degli scatti della rotella che girava componendo il numero era la colonna sonora dell'angoscia, della confusione mentale, della secchezza delle fauci. Partendo da questa drammatica prima fase del corteggiamento, seguiamo tutte le tappe della sua evoluzione negli anni: dai tempi degli sms ai tempi dei blog e di linguasvelta.splinder.it, dall'amore ai tempi di Facebook e dell'iPhone a quello del prossimo futuro.
13,00

Comprami

di Valeria Campana

editore: Fernandel

pagine: 253

Bella, giovane, apparentemente sicura di sé e ben attenta a valorizzare il proprio corpo, Iris spende denaro - che spesso non ha - in vestiti di qualunque marca e prezzo, in stivali cinte e borsette, ma anche in gadget della Roma per il fidanzato e soprammobili per la casa in cui vive con i genitori. Iris acquista qualsiasi oggetto le possa restituire un'immagine migliore di sé, farla sentire qualcuno, rassicurarla e gratificarla. La madre le ha insegnato che la bellezza è una dote che non bisogna sprecare, e che anzi deve essere messa a frutto per farsi strada nella vita. Così per ripianare i debiti e continuare a pagare quello che compra, Iris non trova che una soluzione: prendere l'insegnamento della madre alla lettera, facendo del proprio corpo uno strumento di scambio. In fondo, le sembra giusto valorizzare il dono che la natura le ha fatto. Ma questa spirale di acquisti, debiti e appuntamenti la trascina sempre più verso gli abissi di un mondo ingovernabile. Finché l'incontro con un uomo che sembra sinceramente interessato a lei le fa sperare di poter davvero cambiare vita, di poter anteporre i sentimenti all'interesse economico. Un uomo ricco e generoso, ma molto, forse troppo simile a lei.
15,00

Figli di uno stesso sesso. Abbattere le barriere educative nei confronti delle famiglie omogenitoriali

di Silvia Manzani

editore: Fernandel

pagine: 159

Le famiglie omogenitoriali rappresentano un fenomeno sociologico emergente che si inserisce a pieno titolo nella generale trasformazione della famiglia contemporanea. Sebbene la presenza di bambini che crescono con uno o più genitori omosessuali sia un dato a volte quantificato e a volte solo stimato a seconda del paese preso in considerazione, è evidente che la rivendicazione della genitorialità anche da parte di gay e di lesbiche ha percorso negli ultimi anni passi da gigante, soprattutto in virtù delle tecniche di fecondazione medicalmente assistita. In Italia si dice che siano centomila i bambini inseriti in contesti familiari omosessuali, ma vista la scarsità di ricerche sul tema si tratta certamente di cifre approssimative. Dunque un argomento di grande attualità, ma sul quale i testi divulgativi italiani si contano sulle dita di una mano. Eppure a essere coinvolti sono strati di popolazione sempre più ampi e un numero sempre più alto di bambini. È di loro, in particolare, che si parla in questo libro. Come crescono con padri gay e madri lesbiche? Come vivono la loro diversità nei servizi per l'infanzia? Ma soprattutto: come devono porsi gli adulti di fronte a loro e ai loro genitori? I pregiudizi da abbattere sono molti, e la pedagogia ha davanti a sé una sfida enorme, ma ha anche i mezzi per vincerla.
13,00

Il giardino dei Finzi-Contini: una fiaba nascosta

di Sophie Nezri Dufour

editore: Fernandel

pagine: 156

La critica ha sempre insistito sul carattere poetico dell'opera di Giorgio Bassani "Il giardino dei Finzi-Contini", senza mai pensare ad approfondirne l'aspetto fiabesco evidente. Il racconto bassaniano ha infatti una dimensione favolosa che contribuisce all'instaurazione di un'atmosfera magica, spesso atemporale e fatata, che è una delle caratteristiche del romanzo. Sono molti nel racconto i personaggi che sembrano direttamente usciti da una fiaba, come Micol e suo padre, il professor Ermanno, o ancora Jor, vero drago protettore. Autentici aiutanti-donatori, essi partecipano alla creazione di un microcosmo composto di luoghi fiabeschi classici: la caverna, la foresta incantata, il castello fatato, la torre e la scala elicoidale in cima alla quale vive una ragazza solitaria e prigioniera. Il libro propone un'analisi approfondita della simbologia degli ingredienti fiabeschi presenti nel romanzo di Bassani, dimostrando che la vicenda è pervasa da elementi narrativi che propongono al lettore un "patto fiabesco" le cui atmosfere tendono al meraviglioso. Nonostante nel romanzo manchi il tradizionale happy end - la principessa infatti non viene conquistata, e anzi muore tragicamente - vedremo che, come in ogni fiaba, l'essenziale non sta in una fine edulcorata, quanto nell'itinerario dell'eroe, che attraverso pericoli e prove si arricchisce di un'esperienza che gli permette di maturare.
12,00

Il mare perché corre

di Livio Romano

editore: Fernandel

pagine: 205

È notte. Due uomini che si sono incontrati per caso viaggiano verso nord. Uno ha 46 anni, l'altro 82. Scoprono di chiamarsi entrambi Piero. Tutt'e due vanno in cerca di un grande amore ma in realtà fuggono: da un morto ammazzato, dal proprio passato, dalla loro sbiadita quotidianità paesana. In una notte e un giorno allucinati, senza sonno e senza sosta, nell'abitacolo dell'auto si incrociano, in un gioco simmetrico, la storia d'amore per Helena, giovanissimo medico bosniaco, e quella speculare per Nela, ebrea sefardita scampata ai lager nazisti e poi rifugiata nel campo di accoglienza di Santa Maria al Bagno, nel Salento, prima di partire per la Palestina. Due racconti, uno antico, l'altro recente, in cui scorrono la storia dello Stato di Israele e la guerra civile in Bosnia, l'assassinio di Marco Biagi a opera delle nuove Brigate Rosse e il terrorismo di Al Qaeda, l'invasione dell'Iraq e la politica imperialistica dell'amministrazione Bush. Un on the road nello spazio e nel tempo, un romanzo d'amore dal sapore noir. Alcune pagine della storia dell'Occidente che si incrociano all'interno di una vecchia automobile e si mescolano alle storie di due uomini qualsiasi alla ricerca di una personale redenzione terrena.
14,00

Almanacco dei giorni migliori. Primavera

di Fabio Rizzoli

editore: Fernandel

pagine: 198

Un breve racconto per ogni giorno di primavera, accompagnato da consigli di lettura, visione e ascolto, nonché da un suggerimento ad agire. Una raccolta in cui l'eclettismo della scrittura si sposa con il gusto per la provocazione e la sorpresa. La lettera di dimissioni di uno scaldatore di sedie, esercizi ginnici per le dita, i dubbi di un inventore di proverbi, una riunione di condominio con vampiri, la timidezza del presidente della repubblica, la confessione di un lanciatore di sassi dal cavalcavia, una dichiarazione d'amore per punti elenco: questo e altro ancora nelle novantadue storie fulminanti di questo almanacco. Un lunario postmoderno per sopravvivere alla crisi, una lettura per chi vuole catapultarsi in un mondo diverso ogni cinque minuti. Un libro che può fare compagnia anche solo per il tempo di una pausa caffè. Il primo dei quattro volumi dell'almanacco dedicato alle stagioni.
14,00

Spargere il sale

di Gianluca Morozzi

editore: Fernandel

13,00

Fiocco rosa. Gravidanza e maternità nei racconti delle donne italiane

editore: Fernandel

pagine: 205

"Fiocco rosa" racconta di maternità voluta o negata, e delle difficoltà che derivano dal mutare del ruolo della donna nella nostra società. Così i racconti di questa antologia affrontano inevitabilmente il tema dell'aborto, ma anche delle difficoltà veramente sovrumane di tante donne che cercano di coniugare la naturale esigenza di avere figli con le scelte imposte dalla vita professionale, che vede la maternità come un ostacolo incompatibile con la carriera. Diciassette racconti dai quali emerge uno spaccato realistico e deprimente della nostra società: avere un bambino non è più un "lieto evento", ma è soprattutto un problema da cui scaturiscono preoccupazioni a non finire. Spicca l'assenza, nella maggior parte dei racconti, di una figura maschile importante. I mariti sono figure indistinte e lontane, di cui raramente si parla e che quasi mai collaborano alla gestione dei figli. Ma a dispetto di qualunque ostacolo le protagoniste di questi racconti sono assolutamente determinate nel loro desiderio di maternità, e a crescere i propri figli dando loro il meglio di cui dispongono. Consapevoli di essere abbandonate a se stesse, sono pronte a fare tutto da sole e a far fronte con l'amore alle mancanze altrui.
14,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.