Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Iris 4

Fenomeno hacking

editore: Iris 4

pagine: 178

Terzo millennio, inversione dei legami... il mondo reale dipende sempre più dal virtuale, soprattutto ricchezza e potere viaggiano su binari digitali. È sufficiente un terminale collegato alla rete-banca et voilà, come per magia nascono i soldi. Quanto a furto, scambio d'identità, con la sottrazione di informazioni dai database si può non esistere più... e da oltre trent'anni in tale confine si nutre il fenomeno-hacking divenuto filosofia di vita. Ecco allora Michele Nigretti e Francesco Barresi, autori di Fenomeno hacking, sostenere che l'hacker perde oggi l'accezione negativa che lo ha da sempre contraddistinto, smettere dunque di essere criminale informatico per indossare i panni di esperto-web a garantire accesso, utilizzo di software e informazioni. Grazie dunque all'esperienza pluridecennale nel campo dei crimini informatici Nigretti espone il tema con chiarezza e solerzia di particolari persino attraverso un interessante caso di hacking ai danni della Polizia Penitenziaria. Seppure la normativa in materia sia tuttora lacunosa e incompleta, visto che le azioni di protesta pacifica svolte attraverso i nuovi media vengono ancora oggi punite come atti lucrosi, senza tenere conto della valenza positiva del messaggio diffuso dai moderni pirati della rete. Saggio che intende perciò evidenziare passione, genialità, e anche utilità degli hacker per non chiamarli esclusivamente criminali.
19,50

Il graffio della regina

di Enzo Natta

editore: Iris 4

pagine: 148

Un introverso commissario, un estroverso giornalista, un affidabile cartomante, un avvenente sostituto procuratore in crisi ma
15,50

Criminologia e devianza

di Francesco Barresi

editore: Iris 4

pagine: 132

Criminalità e devianza hanno da sempre attratto medici, psichiatri, psicologi, sociologi e antropologi ma soprattutto normali lettori. La morbosità del male ha del resto sempre incatenato ed eternamente incatenerà alla pagina. E "Criminologia e devianza" non è solo un compendio scritto tenendo conto delle esigenze universitarie, va ovviamente oltre. Presenta infatti in modo multidisciplinare le varie scuole del passato, da Cesare Beccaria a Cesare Lombroso, e quelle del presente, da Émile Durkeim alla teoria ecologica. Tutto ciò che sta dentro o intorno alla criminologia è studiato, sezionato e raccontato. Si passa infatti dalla subcultura giovanile alle implicazioni psicologiche e psicoanalitiche che stanno dietro a un delitto o a un'azione criminale. Vengono inoltre studiate le devianze sociali, parafilie, rituali satanici, serial killer, assassini multipli... Viene approfondito il controllo sociale e quello individuale. Camorra, 'Ndrangheta e Sacra Corona Unita, approfondite, contemplano nuovi spunti di indagine. Universo criminale che viene indagato anche nel lato più nascosto.
27,50

Vite da assassino

di Domenico Mortellaro

editore: Iris 4

pagine: 96

Il serial-killer è ormai una figura sempre più presente nei media, di conseguenza nella nostra vita. Psicologi, sociologi, psicanalisti e investigatori se ne occupano tentando di trovare un bandolo per i crimini di questa bestia umana e il giovane criminologo Domenico Mortellaro in "Vite da assassino" ha deciso di raccontarci alcuni di loro. L'autore, fedele al reale e attento ai dettagli, con linguaggio piano ma non scettico, propone infatti il ritratto di Theodore Bundy, Jeffrey Dahmer, Albert Fish, Andrei Romanovich Chikatilo, Edward Theodore Gein, John Weyne Gacy, Vincenzo Verzeni, Edward Emil Kemper III e Peter Kurten, così uguali e così diversi, così esteriormente gentili e così interiormente violenti, vengono visti e indagati nel quotidiano-vivere ma anche nel quotidiano-uccidere. Nove assassini seriali che sono una costante sorpresa nell'orrore e nelle tecniche di adescamento, ma anche nella normale gentilezza e andamento del loro vivere.
12,50

Io, donna kamikaze. Quarantatré protagoniste del terrorismo suicida

di Noa Bonetti

editore: Iris 4

pagine: 128

Le donne kamikaze sono purtroppo all'ordine del giorno. E l'immolazione femminile sta scombussolando coscienze e immaginario collettivo. Come può chi dà la vita togliersela per motivi religiosi o politici? È con tale spirito che Noa Bonetti con "Io, donna kamikaze" si è addentrata nel cuore e nella testa di quarantatré donne che si sono fatte saltare per il loro Paese, per Allah, per lavare l'onta del ripudio o solo per vendetta, per rabbia, per paura, oppure per tutte queste cose insieme. Sono quarantatré storie vere, tragiche, analizzate e approfondite, dove il lato umano prende il sopravvento sul lato politico e persino su quello culturale.
14,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.