Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Emi: Missione e Chiesa locale

Hanno creduto in un mondo nuovo. Volti di speranza nell'America latina di ieri e di oggi

di Emilio Grasso

editore: Emi

pagine: 96

Hanno creduto in un mondo nuovo offre la testimonianza di tre figure simbolo della missione della Chiesa in America Latina, tre punti di riferimento per comprendere la missione come amore e passione per il volto di Dio e il volto degli uomini. In questo tentativo di riflettere in profondità sul senso dell'andare ad annunciare ci sono di aiuto tre personaggi straordinari. Fra' Antonio de Montesinos ci fa riscoprire la forza della Parola come fondamento della missione liberatrice cui siamo chiamati. Mons. Oscar Arnulfo Romero ci richiama a una conversione permanente alla Parola di Dio, non separata dai volti concreti di oppressi e crocifissi. Don Nino Miraldi, prete romano fidei donum in Brasile, ci fa ritrovare, con la sua libertà e capacità critica, quella fede povera e disincantata che sa riconsegnare all'uomo quello che è dell'uomo per lasciare a Dio, nell'obbedienza profonda e nella pace, quello che è di Dio. Il libro si conclude con il tema dell'inculturazione, che si trova intimamente unito a quello della missione, richiamando gli avvenimenti connessi al volto meticcio della Vergine di Guadalupe.
8,00

Ripartire da Patamino. Dalla folla alla persona nel nord e nel sud del mondo

di Emilio Grasso

editore: Emi

pagine: 96

Patamino dice la semplice genialità di un bambino che vuole stabilire relazioni. Vicino di baracca di don Emilio Grasso nel quartiere romano del Quarticciolo-Alessandrino, non riuscendo a pronunciare come tutti "Padre Emilio", si inventa "Patamino". E lui stesso diventa tale per gli altri. Questo nome di un altro che diventa, in qualche modo, il proprio nome è emblematico del nuovo libro di Emilio Grasso, che raccoglie vari suoi interventi legati da un unico filo: l'attenzione ai volti concreti delle persone.
7,00

Cristiani in Algeria. La Chiesa della debolezza

di Henri Teissier

editore: Emi

pagine: 192

L'Algeria è scomparsa dalle pagine dei giornali e dagli schermi televisivi. Terminati i massacri di massa degli anni Novanta, lo stillicidio delle vittime del terrorismo islamico continua. Eppure una piccola comunità cristiana, formata da persone di origine straniera, ci vive e ha continuato a viverci anche negli anni più difficili. La "Chiesa della debolezza" mostra tutta la sua forza nella fede, ma anche nella relazione che ha saputo costruire con i musulmani. La resistenza al fondamentalismo e alle sue derive terroriste si è costruita nella quotidianità e nel mostrarsi solidali col vicino. Su questo terreno si sono approfonditi la relazione islamo-cristiana e il rapporto fra le società civili delle due sponde del Mediterraneo.
10,00

Teologia india. Gli indios latinoamericani narrano la loro fede

di Eleazar L. Hernández

editore: Emi

pagine: 256

Gli indios sono ancora degli sconosciuti in America Latina e ancor più in Europa, sia in ambito laico che ecclesiale. Pregiudizi culturali e prospettive di tipo assistenziale-paternalistico configurano un'immagine distorta e impediscono di accostarsi in modo corretto alle loro vicende. Questo libro, in controtendenza, dà spazio alla loro voce, presentando le riflessioni teologiche di un autore che coniuga la sua identità di indio con l'appartenza al mondo cristiano. Da questa duplice fedeltà scaturisce una narrazione nuova della fede in Gesù di Nazareth che costituisce un esempio di inculturazione del cristianesimo e offre un contributo di grande rilievo per la teologia e la vita della Chiesa universale.
14,00

La speranza di un mondo nuovo. Globalizzazione e nuova evangelizzazione in America Latina e nei Caraibi

editore: Emi

pagine: 224

Le chiese dell'America Latina hanno incarnato con originalità lo spirito, la prassi e le indicazioni pastorali del Concilio Vaticano II. I vescovi latinoamericani, soprattutto nelle conferenze di Meddelin, Puebla e Santo Domingo, indicarono la scelta dei poveri come il loro proprio cammino. Questa profezia dà oggi segni di ripresa. Gli effetti drammatici della globalizzazione su larghe fasce della popolazione latinoamericana la fanno apparire agli occhi dei suoi pastori come un segno dei tempi da interpretare, capire e riorientare. "La sfida attuale è quella di umanizzare la globalizzazione e globalizzare la solidarietà" (Giovanni Paolo II).
11,00

Comunicare il dono

di Roberto Ferranti

editore: Emi

pagine: 128

L'enciclica "Fidei Donum" di papa Pio XII ha aperto un nuovo orizzonte per i preti diocesani. Il Vaticano II ha offerto ulteriori nuove motivazioni, poi riprese e approfondite da numerosi documenti ecclesiali e da arricchenti esperienze di vita."Comunicare il dono in un mondo che cambia" è l'impegno che la Chiesa italiana fa proprio all'inizio del nuovo millennio. In questa luce il prete "fidei donum" ha un ruolo insostituibile e brilla come dono tra chiese sorelle, testimonianza di missionarietà e forza di rinnovamento.
7,00

Partire dal suo volto

di Romeo Ballan

editore: Emi

pagine: 304

La lettera apostolica "Novo millennio ineunte" può essere considerata una sintesi chiave missionaria e contemplativa, di tutto il ministero apostolico di Giovanni Paolo II e un programma ideale per l'evangelizzazione all'inizio del terzo millennio. La missione nasce nella luce della risurrezione: dalla contemplazione del volto del Risorto scaturisce la forza della testimonianza; e dell'annuncio nel corso del secoli. È questo l'asse ideale del documento che teologi, pastoralisti, missionologi e maestri di vita spirituale commentano in questo libro, scrutando la missione universale nei fondamenti biblici e teologici, nelle esigenze pastorali e formative, nelle sfide attuali del dialogo e dell'inculturazione, nelle sorgenti della spiritualità missionaria, nelle diverse forme di consacrazione alla "missio ad gentes", negli impegni missionari delle Chiese locali nelle attese dei popoli e nelle risposte delle giovani Chiese di Asia, Africa e America Latina. Tutto ciò in una forte proiezione verso il futuro, che l'invito "Duc in altum" del Papa rivolto a tutta la Chiesa, traduce in modo emblematico.
13,00

Oltre l'inculturazione

di Michael Amaladoss

editore: Emi

pagine: 192

Il dialogo fra il Vangelo e le culture è detto familiarmente inculturazione. Continua ad essere percepito come un processo che riguarda le giovani Chiese, mentre dovrebbe interessare di più e non di meno le antiche cristianità. Evoca l'immagine di un Vangelo che si incarna nelle culture, si esprime in esse, le integra e così le arricchisce. E' ancora un'immagine di dominazione. In un mondo caratterizzato dal pluralismo culturale e religioso, non dovremmo più operare in base all'idea della cultura cristiana o della cristianizzazione della cultura, ma in base al fatto che il Vangelo spinge ogni cultura al cambiamento. Soggetto del l'inculturazione è la Chiesa locale che cerca di vivere, esprimere e celebrare l'identità cristiana attraverso i simboli della propria storia, del proprio tempo e del proprio ambiente. Si crea così una pluralità di soggetti ecclesiali, la cui comunione in Cristo, ricca di fraternità e di dialogo, costituisce la Chiesa universale. Il libro affronta il tema nel contesto dell'India di oggi, ma è di estrema attualità anche per la Chiesa italiana, mentre sta elaborando e cercando di attuare il suo "Progetto culturale".
10,33

Dio in una economia senza cuore. Una sfida della globalizzazione alla fede cristiana

di Jung M. Sung

editore: Emi

pagine: 160

Ci sono due teologie: quella che nasce dalla parola che Dio ha rivolto all'umanità in Gesù Cristo per la liberazione di tutti e per la comunione fraterna; e quella che annuncia la legge del mercato e affida ad esso ogni aspirazione umana. Occorre oggi un grande discernimento, perché gli adoratori dell'idolo stanno spesso nelle nostre stesse chiese. Il Dio di Gesù Cristo vuol essere amato e servito nei poveri, di cui Egli ha assunto le sembianze. Sta qui la discriminante fra la vera e la falsa religione. Dobbiamo annunciare con la massima efficacia possibile la verità su Dio e sull'uomo, per poter fondare una nuova economia e una nuova società. Bisogna mostrare che la speranza dell'umanità, in un momento di cambiamenti radicali, sta nell'abbandono di un sistema economico assolutizzato, che pone tutte le persone - i poveri e i ricchi - a servizio del guadagno e del consumo. Mentre aspettiamo "cieli nuovi e una nuova terra" dobbiamo già vivere quei nuovi rapporti, anche economici, che configurano il Regno che viene. Il testo è arricchito dalla presentazione all'edizione italiana scritta da don Franco Appi, docente di morale sociale a Bologna.
8,26

Un nuovo modo di essere chiesa

di Bruno D'Avanzo

editore: Emi

pagine: 176

In un momento in cui l'entusiasmo per la cooperazione missionaria con Chiese sorelle del Sud del mondo sembra affievolirsi, questo libro ci fa toccare con mano tutta la ricchezza che si sprigiona da simile esperienza. II volume prende spunto da 35 anni di presenza missionaria italiana a Salvador Bahia (Brasile), e si articola in tre parti:o una sintesi storica del cammino dell'evangelizzazione del Brasile dall'epoca coloniale ai nostri giorni;o il tipo di presenza dei missionari italiani nella diocesi di Salvador Bahia;o "Il ritorno delle caravelle", una riflessione sull'arricchimento che l'esperienza di preti fidei donum, di missionari religiosi e laici fa ricadere sulle Chiese di origine, a livello di parrocchia, diocesi o intera nazione. Emerge dalla "narrazione" dei missionari e dalla riflessione su di essa quel "nuovo modo di essere Chiesa" che è vitale perché i cristiani di oggi possano essere sempre più e sempre meglio segni e strumenti del regno di Dio che viene nella storia.
9,81

Il fuoco della missione. La missione «Ad gentes» interpella la Chiesa che è in Italia

editore: Emi

pagine: 352

Alla vigilia del Giubileo del 2000 il Papa chiese a tutte le Chiese di superare una pastorale di conservazione per mettersi in stato di missione. I messaggi, le esperienze e le proposte accolte ed elaborate a Bellaria, ascoltando la voce delle Chiese e scrutando i segni dei tempi, sono l'inizio di un cammino che deve arrivare fino all'ultima parrocchia d'Italia, per poi ripartire verso un'umanità che a duemila anni dalla venuta di Gesù ha ancora fame e sete del suo Vangelo. L'opera è suddivisa in più parti: - Introduzione di mons. Renato Corti (che cura anche la conclusione del Convegno);Relazioni di base: mons. Marcello Zago e mons. Ennio Antonelli; - In ascolto delle Chiese: tavole rotonde su Africa, Asia, America Latina ed Europa; Scrutando i segni dei tempi: dibattiti su globalizzazione e missione, volontariato e cooperazione internazionale, contemplativi in missione, una Chiesa tutta missionaria dopo Palermo;- Laboratori: 45 relazioni sui temi della "spiritualità", del "servizio", del "dialogo", dell' "annuncio"; Schede di lavoro che aiutano i singoli e i gruppi a fare una verifica concreta e creativa sui testi.
12,91

Preti per la missione. La dimensione missionaria nella spiritualità del presbitero diocesano

editore: Emi

pagine: 192

Negli ultimi 40 anni circa 1500 preti diocesani italiani hanno vissuto l'esperienza della missione ad gentes.
9,30

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.