Il tuo browser non supporta JavaScript!

Ets: Studi e testi di storia antica

Le coorti nell'esercito romano di età repubblicana

di Gabriele Brusa

editore: Ets

pagine: 264

Le coorti romane di epoca repubblicana costituiscono un vero e proprio enigma storiografico, a propria volta legato a importan
29,00

I poroi

di Senofonte

editore: Ets

pagine: 192

In un periodo storico nel quale Atene è costretta a ripensare sé stessa e l'economia diventa uno dei temi fondamentali del dib
20,00

Da Stagira a Roma. Prospettive aristoteliche tra storia e filosofia

editore: Ets

pagine: 200

Le manifestazioni che hanno celebrato, nel 2016, i duemilaquattrocento anni dalla nascita di Aristotele sono state veramente i
20,00

Il ritorno della fenice. Intellettuali e potere nell'Egitto romano

di Livia Capponi

editore: Ets

pagine: 325

Che ruolo ebbe l'Egitto nella vita culturale dell'impero romano? Il Museo di Alessandria, celebrata sede di filologi e scienzi
28,00

Sperare meliora. Il terzo libro delle «Epistulae» di Sidonio Apollinare. Introduzione, traduzione e commento

di Filomena Giannotti

editore: Ets

pagine: 320

Alto aristocratico di ceto senatorio formato alla lezione dei classici, divenuto vescovo di Clermont e impegnato contro i visigoti in una resistenza militare e culturale per la sopravvivenza dei valori tradizionali nel nuovo regno romanobarbarico di cui morì suddito, Sidonio Apollinare è per più rispetti un esponente emblematico della Tarda Antichità. Oltre a una raccolta di componimenti poetici, possediamo nove suoi libri di lettere: il terzo è un documento di particolare ricchezza, in quanto presenta un ampio spaccato della società galloromana nella seconda metà del V secolo. In Sperare meliora, il terzo libro delle Epistulae viene per la prima volta integralmente tradotto in italiano, con un'ampia introduzione di contestualizzazione storica e letteraria, e con un puntuale commento, focalizzato non solo sulle drammatiche vicende dello scontro fra romani e barbari, ma anche sull'eleganza linguistica e stilistica di questo raffinato scrittore.
28,00

Nuove ricerche sulla legge granaria ateniese del 374/3 a.c.

editore: Ets

pagine: 306

La legge granaria ateniese approvata nel 374/3 su proposta di Agirrio rappresenta una delle scoperte più importanti degli ultimi anni nel campo dell'epigrafia greca. Il testo della legge rientra in quel genere di documenti capaci di aprire nuovi scenari nelle prospettive di ricerca di un intero settore di studi. Al contempo offre uno splendido esempio di quella tipologia di testi epigrafici che, pur perfettamente conservati, resistono ad una interpretazione compiuta e interamente soddisfacente. Di qui il vivace dibattito che si è aperto fra gli studiosi a seguito dell'edizione fornita da Ronald S. Stroud nel 1998, un dibattito che continua ancora a produrre nuovi e stimolanti contributi. Gli studi che vengono riuniti in questa raccolta sono il frutto di riflessioni maturate a seguito di un incontro tenutosi alla Scuola Normale Superiore di Pisa nel giugno del 2006, fra esperti e studiosi di economia e fiscalità antiche. Alcuni di questi contributi affrontano singole sezioni o aspetti controversi del documento, altri prendono il via da osservazioni su di esso per estendere poi la trattazione a un orizzonte legato ad aspetti giuridici, istituzionali ed economici ateniesi e del mondo greco sul finire dell'età classica. Tutti si propongono di approfondire le problematiche suscitate dalla legge e di suggerire nuove linee di indagine, che, inevitabilmente, vanno al di là della legge stessa, per incidere sulla nostra visione dell'economia antica.
18,00
26,00

Antidoron. Studi in onore di Barbara Scardigli Forster

editore: Ets

pagine: 488

Le normali difficoltà che si incontrano nel delineare una personalità, cercando di coglierne i tratti più significativi e le qualità più preziose, scompaiono nel caso di Barbara Scardigli, perché tutti coloro che hanno condiviso con lei gli impegni professionali e che la conoscono non possono avere dubbi sul fatto che la caratteristica unificante ed essenziale, quella che emerge con forza fra altre doti altamente apprezzabili, è la generosità umana e intellettuale. Barbara ha portato ovunque con sé - e molto per tempo, quando poco si parlava ancora da noi di studi all'estero - l'aria sprovincializzante della Mitteleuropa. Ha precorso quindi i tempi dell'attuale diffusa spinta verso l'internazionalizzazione, intendendola come effettiva conoscenza delle esperienze culturali e delle lingue degli altri e praticandola nella maniera più semplice e discreta, come cosa assolutamente naturale per chi vuole fare cultura. Con scritti di: Marco Bettalli, Giovanni A. Cecconi, Maria Cesa, Marcella Chelotti, Karl Christ, Guido Clemente, Stefano Conti, Giuseppe Cordiano, Simona Accardo, Carlo Isola, Piero Gilento, Paolo Desideri, Andrea Favuzzi, Silvia Giorcelli Bersani, Maria Antonietta Giua, Maria Grazia Granino Cecere, Ariel S. Lewin, Arnaldo Marcone, Ida Mastrorosa, Mauro Moggi, Mario Pani, Andrea Pellizzari, Sergio Roda, Marina Silvestrini, Barbara Mattioli, Dieter Timpe, Elisabetta Todisco, Zvi Yavetz.
35,00

Le iscrizioni nella periegesi di Pausania. Commento ai testi epigrafici

di Cesare Zizza

editore: Ets

pagine: 516

La Periegesi di Pausania è un tentativo ben riuscito di scrivere in maniera originale un'opera dedicata al passato (e in particolare al passato remoto), senza cadere nella compilazione, anche se tutto quello che aveva segnato delle tappe decisive nel passato greco era stato trattato. Il principio-guida è l'individuazione di logoi e di theoremata che non avevano ricevuto trattazioni adeguate e che rappresentavano un contributo originale alla ricostruzione di una storia da considerare come un'alternativa alla epitome e da leggere come una sorta di appendice integrativa e, talvolta, correttiva del già detto dalla grande storiografia 'nazionale'. L'altra novità rispetto alla letteratura preesistente consiste nella utilizzazione di una straordinaria quantità di materiale epigrafico, che per sua stessa natura fonde la scrittura con elementi visivi in una preziosa e feconda interazione: più di duecento iscrizioni esplicitamente menzionate nel corso della Periegesi costituiscono senza dubbio un unicum nella letteratura storiografica greca; esse vengono considerate come strumenti attendibili e idonei all'acquisizione di informazioni preziose e inedite, rispondendo in tutto ai criteri di originalità e differenziazione. È appunto attraverso l'analisi puntuale e globale dei testi epigrafici riportati alla lettera e delle strategie di utilizzazione di questi documenti che nel libro si vuole rendere ragione della ricerca storica del Periegeta e del suo buon uso delle fonti epigrafiche.
32,00

Introduzione a Polieno

di M. Teresa Schettino

editore: Ets

pagine: 344

28,00
15,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.