Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di A. Cerutti

Neonato. Istruzioni per l'uso

di Paola Cerutti

editore: Giunti Editore

pagine: 192

"Se solo fosse nato con le istruzioni!"
14,00

Lo sconosciuto

di Cerutti Elena

editore: Golem Edizioni

pagine: 304

Stella, giovane e brillante studentessa di medicina, incontra Giovanni, un intrigante giornalista free-lance, durante una fest
16,50

Storia delle religioni

di M. Vittoria Cerutti

editore: EDUCatt Università Cattolica

pagine: 476

23,00

La devozione e lo smarrimento

di Mariella Cerutti Marocco

editore: Mondadori

pagine: 81

La poesia di questo terzo libro di Mariella Cerutti Marocco è una poesia essenzialmente della memoria. E infatti l'acuta, eppure discreta, sensibilità lirica di questa poetessa si sviluppa soprattutto a partire dal riaffiorare di immagini ed episodi di un passato ineludibile, sempre attivo come dolente materia d'affetti nella coscienza di chi racconta. La parte centrale del libro, infatti, è un vero e proprio romanzo lirico per frammenti, condotto in terza persona, dove si impongono, come elementi e figure chiave, il tenue colore di un'infanzia tenera ma inquieta e la centralità, destinata a sfumare in un drammatico distacco, di un padre amatissimo. La devozione e lo smarrimento è dunque un'opera in cui si manifestano la fedeltà di un legame che il destino ha voluto precocemente sciogliere e il senso di desolazione e irrimediabile perdita che ne è conseguito. Ma il libro, nel suo insieme così compatto e organico, va ancora oltre, imponendosi sia per l'equilibrio della sua visione dell'esistere attenta ai battiti di un cuore sempre vigile sia per la sua indagine "meticolosa e oscura" della quotidianità, tra presente e passato remoto. Ma anche per l'improvviso riproporsi onirico di antichi percorsi di paura e piacere, o per quell'aura diffusa e sottilmente coinvolgente di una quieta malinconia enigmatica. Introduzione di mario Santagostini.
14,00

Sfide globali per il Leviatano

Una filosofia politica delle armi nucleari e del riscaldamento globale

di Furio Cerutti

editore: Vita e pensiero

pagine: 336

Lo Stato sovrano creato all’inizio dell’età moderna non risulta più capace di proteggere noi e tanto meno le generazioni future dal pericolo di una guerra nucleare e dagli effetti del riscaldamento globale, le uniche due sfide veramente globali che chiudono la modernità – ma in modo ben diverso da quel che credono i ‘postmoderni’. La politica si trova ormai dinanzi al compito di lavorare per la sopravvivenza della civiltà materiale che rende possibile la vita del genere umano – e non semplicemente per la sicurezza dei singoli Stati. Ci riuscirà o fallirà? Furio Cerutti ricostruisce qui la genesi storica di quelle minacce letali sorte dalle attività stesse degli uomini e s’interroga sul significato profondo del nostro rapporto con i posteri, la vera chiave per capire se siamo tenuti o meno a fare sacrifici a loro beneficio. Rinuncia invece a fornire ricette di immediata – e caduca – spendibilità politica, preferendo penetrare con sguardo analitico i problemi normativi e istituzionali che soggiacciono alle sfide globali. Questo libro «audace» (Andrew Gamble, recensione dell’originale inglese su «The Political Quarterly»), «rigoroso e ben costruito» (Giacomo Marramao su «Iride») è amaro nel dar nome al male che gli esseri umani hanno fatto e rischiano di fare a se stessi, ma rifugge dal catastrofismo e dai toni predicatori, attestandosi su un discorso insieme filosofico e scientifico che include la scienza politica, la strategia nucleare e la climatologia. «Un libro impegnativo, ma non difficile», come ha scritto un altro recensore, Luca Fonnesu, grazie alla limpidezza delle argomentazioni e alla loro ricca illustrazione empirica.
25,00

Residui, additivi e contaminanti degli alimenti

di Cerutti Giuseppe

editore: Tecniche nuove

Questa nuova edizione, adeguata rispetto alle nuove normative vigenti nell'ambito della Comunità Europea, classifica ed esamin
24,90

La verità del dubbio

di Mariella Cerutti Marocco

editore: Mondadori

pagine: 73

Dopo "Nuvole di nulla", Mariella Cerutti Marocco torna ai lettori con una nuova raccolta di versi più matura in cui ritornano
12,00

Piacere, Carlo Cerutti

di Carlo Cerutti

editore: Alberti libraio editore-intra

28,00

Le case da lontano

di Cerutti S.

editore: La vita felice

pagine: 178

12,00
29,50

Nuvole di nulla

di Mariella Cerutti Marocco

editore: Mondadori

pagine: 83

"C'è una delicatezza avvolgente, nel versi di questo libro. Un tocco lirico leggero che sembra cercare pace, sembra chiedere appagamento alla calma, che è però una calma ambigua. Mariella Cerutti Marocco esordisce con una discrezione di accenti che è anche prova della necessità dei suoi versi, del loro bisogno d'esserci senza traccia d'enfasi. Si manifesta dunque con una semplice asciuttezza di pronuncia che è una persuasiva dimostrazione di stile e gusto, ma anche di verità di un sentimento dell'esistere che non chiede di esprimersi a voce alta." (dall'Introduzione di Maurizio Cucchi)
10,00

Giustizia sommaria. Pratica e ideali di giustizia in una società di Ancien Régime (Torino XVIII secolo)

di Simona Cerutti

editore: Feltrinelli

pagine: 228

Questo libro ricostruisce i modi in cui ha preso forma concreta la nostra attuale idea di giustizia. L'analisi si concentra sulla Torino della prima metà del Settecento. Ancora all'inizio del secolo convivono nel regno sabaudo, così come in molta parte degli stati italiani ed europei, due procedure giudiziarie: il rito ordinario (che prevede la presenza di giudici, avvocati, testi, scritti) e il rito sommario, svelto, poco costoso, accessibile alla gente comune e considerato ideale per risolvere in tempi brevi i contenziosi originati dal commercio. Nell'arco di pochi decenni, questa procedura fu sostituita da quella ordinaria che oggi ci è più familiare, e la sostituzione - sottolinea l'autrice - si accompagnò a cambiamenti culturali profondi.
22,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.