Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Amara Lakhous

Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio letto da Francesco Acquaroli. Audiolibro. CD Audio formato MP3

di Amara Lakhous

editore: E/O

Il corpo del Gladiatore, un piccolo delinquente, viene trovato riverso in una pozza di sangue nell'ascensore di un palazzo in
13,89

La zingarata della verginella di via Ormea

di Amara Lakhous

editore: E/O

pagine: 155

Lakhous torna con un nuovo romanzo che ha per protagonista ancora una volta il giornalista di cronaca nera Enzo Laganà. Questa volta si prepara a partire per una vacanza con Tania, la fidanzata finlandese. Ma c'è un'emergenza: una quindicenne di San Salvano dice di essere stata violentata da due rom. La rappresaglia non si fa attendere. Un campo rom vicino al parco del Valentino viene dato alle fiamme. Un bambino e una donna soprannominata Drabarimos rimangono feriti. Tocca a Enzo Laganà fare chiarezza. È davvero avvenuto uno stupro o si tratta di una zingarata, cioè di uno scherzo? Chi è veramente Drabarimos? Una vera zingara, come sembrerebbe dal suo aspetto? Oppure nasconde un'identità misteriosa e un piano di vendetta? Di chi vuole vendicarsi e perché? E ancora, chi fa più danni: il rom che ruba un portafoglio o la banca che frega migliaia di risparmiatori? Lakhous continua la sua esplorazione pirandelliana dell'identità italiana fra italianissimi, italiani, anti-italiani e nuovi italiani. Le sue storie, metà commedia all'italiana e metà giallo, traggono ispirazione dalla realtà odierna.
16,00

Contesa per un maialino italianissimo a San Salvario

di Amara Lakhous

editore: E/O

pagine: 158

Ottobre 2006. Mancano pochi mesi all'entrata della Romania nell'UE. Torino è scossa da una serie di omicidi di albanesi e rumeni. E in corso una faida fra immigrati delinquenti, oppure dietro c'è la mano della criminalità organizzata che prima "infesta" e poi "bonifica" certe aree per speculare nel settore immobiliare? Enzo Laganà è metà torinese perché nato a Torino, metà calabrese perché figlio di immigrati provenienti da Cosenza. A lui piace definirsi "terrone di seconda generazione". È un giornalista di cronaca nera dell'edizione locale di un quotidiano nazionale, vuole vederci chiaro e scoprire il movente degli omicidi. Contemporaneamente, nel quartiere multiculturale di San Salvano in cui abita, Enzo è alle prese con un'altra vicenda spinosa che riguarda Gino, il maialino del suo amico e vicino di casa, il nigeriano Joseph. Chi ha portato il maialino nella moschea del quartiere? E soprattutto perché? Enzo dovrà far luce su questi piccoli e grandi misteri usando un bel po'di fantasia, ironia e tanta pazienza. È l'Italia di oggi, bellezza! Un giallo all'insegna della commedia all'italiana per raccontare il nostro paese multiculturale.
9,00
16,50

Divorzio all'islamica a viale Marconi

di Lakhous Amara

editore: E/O

pagine: 188

2005
9,00

Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio

di Amara Lakhous

editore: E/O

pagine: 129

Omicidio a piazza Vittorio: una commedia all'italiana scritta da un autore di origine algerina. Questo romanzo di Amara Lakhous è una sapiente e irresistibile miscela di satira di costume e romanzo giallo imperniata su una scoppiettante polifonia dialettale di gaddiana memoria (il "Pasticciaccio" sta sullo sfondo segreto della scena come un nume tutelare). La piccola folla multiculturale che anima le vicende di uno stabile a piazza Vittorio sorprende per la verità e la precisione dell'analisi antropologica, il brio e l'apparente leggerezza del racconto. A partire dall'omicidio di un losco personaggio soprannominato "il Gladiatore", si snoda un'indagine che ci consente di penetrare nell'universo del più multietnico dei quartieri di Roma: piazza Vittorio. Forse basta mettere in scena frammenti di vita quotidiana intrecciati attorno all'ascensore, puntualmente all'origine di tante dispute condominiali, per comprendere il nodo focale del paventato, discusso, negato o invocato scontro di civiltà che assilla il nostro presente e il nostro futuro e infiamma il dibattito politico, sociale e religioso-culturale dei nostri giorni.
9,50

Divorzio all'islamica a viale Marconi letto da Enrico Lo Verso e Sabrina Impacciatore. Audiolibro. CD Audio formato MP3

di Amara Lakhous

editore: Emons Edizioni

Un passo a due con le voci Enrico Lo Verso e Sabrina Impacciatore: sono Christian Mazzari, giovane siciliano, e Sofia, giovane egiziana. Nell'alternarsi delle loro voci, che imitano i parlati degli immigrati e degli italiani c'è tutto un Paese: i luoghi comuni, i pregiudizi, le insospettabili affinità di un'Italia sempre più multietnica. Dialoghi frizzanti e arguti proverbi popolari ci trascinano in una Roma dei giorni nostri - 2005 - dove i destini di Christian e di Sofia si incontrano perché i servizi segreti italiani ricevono un'informativa: un gruppo di immigrati musulmani, che opera a Roma nella zona di viale Marconi, sta preparando un attentato. Christian, che parla perfettamente l'arabo, deve scoprire chi siano i componenti, fingendosi Issa, immigrato tunisino. Così incontra Sofia, che indossa il velo e che vive nel quartiere insieme al marito. Le loro vicende offrono uno spunto di riflessione, ironico e sincero, in una commedia "nera" che affianca il serio e il grottesco, il razionale e l'assurdo, l'amore e la paura di una società contraddittoria raccontata con un linguaggio originale e divertente.
19,90

Un pirata piccolo piccolo

di Amara Lakhous

editore: E/O

pagine: 182

"Algeri, 1993. Avevo ventitré anni. Il terrorismo stava entrando con prepotenza a far parte della nostra vita quotidiana, e la situazione non prometteva niente di buono: i militari, attraverso l'imposizione dello stato d'emergenza, intervenivano per "salvare la neonata democrazia", in realtà i propri interessi personali. I fondamentalisti, autoinvestitisi di una missione salvifica, tentavano di instaurare una teocrazia talebana sulle rive del Mediterraneo. Ogni giorno che passava lasciava morte e sangue per le strade, pessimismo e disfattismo nel cuore. Bastava un briciolo di lucidità per rendersi conto che ci trovavamo nel bel mezzo di una guerra civile e che il peggio doveva ancora arrivare. Nell'89 mi ero iscritto alla facoltà di Filosofia dell'Università di Algeri perché avevo voglia di iniziare a riflettere da solo, di pensare con la mia testa. Le risposte che la società mi dava non mi convincevano, avevo bisogno di elaborare una mia personale visione del mondo. Mi dovetti confrontare con una realtà molto contraddittoria: una religione in crisi, una politica in crisi, un intero paese in crisi. Da questo confronto nacque un romanzo che queste crisi racconta". Hassinu, il protagonista del romanzo, è un impiegato alle poste di Algeri. Ha 40 anni ma non lo sa, perché è nato il 29 febbraio: senza preavviso passa da 36 a 40 anni e si sente in qualche modo scippato della propria vita, come molti della sua generazione cui hanno rubato i migliori anni della vita.
17,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.