Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Angelo Montonati

Giulia Colbert di Barolo. Marchesa dei poveri

di Angelo Montonati

editore: Paoline editoriale libri

pagine: 224

"Io devo dedicarmi a tutti i miserabili. Io devo scontare i secolari privilegi degli avi, devo saldare i debiti che essi hanno contratto coi paria e con gli sfruttati; devo pareggiare l'implacabile conto che ciascuno di loro ha con la propria coscienza. Sono stata l'amica delle prigioniere. Ho sofferto con loro. Esse lo hanno sentito e mi hanno aperto il loro cuore". Sono parole della marchesa Giulia Colbert di Barolo, donna dell'alta nobiltà francese, originaria della Vandea che visse la sua prima giovinezza nel clima arroventato della Rivoluzione. Alla corte di Napoleone aveva incontrato il marchese Carlo Tancredi Falletti di Barolo che divenne suo marito. Una personalità straordinaria, sensibile, colta e dotata di una grande sensibilità religiosa e di una profonda consapevolezza sociale che la spinse, con il marito, a dedicarsi ai poveri di Torino e a battersi per il recupero degli emarginati. Si impegnò per una riforma delle carceri che all'epoca non erano certamente luoghi di recupero, una riforma che avrà risonanza non solo in Italia. Prima donna a ricoprire tale incarico, fu Sovrintendente del carcere femminile di Torino nominata con dispaccio ministeriale e confermata dal re Carlo Alberto. Una riforma, la sua in anticipo sui tempi e che dimostra il coraggio e la lungimiranza di una protagonista dell'800 italiano, segnato dalla presenza creativa del laicato cattolico.
15,00

Dario Spallone. Un comunista anomalo

di Angelo Montonati

editore: San Paolo Edizioni

pagine: 152

Un giovane della buona borghesia abruzzese, diventato comunista in seguito all'emanazione delle leggi razziali nel 1938 ad opera del governo fascista, partecipa attivamente alla Resistenza e dopo la guerra si laurea in medicina, dedicandosi alla sua professione con impegno totale, servendo l'uomo sofferente senza distinzioni di condizione sociale, di pensiero o di appartenenza politica: così Mario Spallone finisce per avere, tra i suoi pazienti, importanti personalità della diplomazia di oltre cortina, del Partito comunista italiano, accanto a un Governatore della Banca d'Italia (Guido Carli), a ministri democristiani (Carlo Donat-Cattin), ai Gesuiti de "La Civiltà Cattolica" e della Radio Vaticana (non senza curiose "coincidenze" nei momenti cruciali della guerra fredda), e addirittura al "Governatore" dello Stato della Città del Vaticano, il cardinale Canali. Un comunista anomalo, dunque, diventato un ricco imprenditore e protagonista recente di una "joint venture" che ha portato alla realizzazione di un'imponente struttura sanitaria privata a Mosca, ma con l'occhio a quel bene comune che egli considera sempre e comunque preminente. Angelo Montonati, nato a Varese nel 1931, è giornalista professionista dal 1958. Ha cominciato nel quotidiano locale La Prealpina, passando poi al radiogiornale della Radio Vaticana e quindi, dal 1969 al 1980, a Famiglia Cristiana come "vaticanista" e successivamente come redattore capo del mensile Jesus.
12,50
10,33
5,16

Due terre una missione. Monsignor Luigi Santa missionario della Consolata e vescovo di Rimini

di Angelo Montonati

editore: Emi

pagine: 192

Luigi Santa missionario della Consolata è nato a Castelrosso vicino a Torino. Come missionario della Consolata ha lavorato in Kenya e in Etiopia e infine è diventato vescovo di Rimini subito dopo la seconda guerra mondiale. È una figura di missionario integro per il quale l'impegno per l'evangelizzazione è fonte di gioia. Di lui hanno detto: "È venuto a Rimini come vescovo da una esperienza missionaria intensa e sofferta, e si è mostrato il nostro vescovo, come se non ci fosse per lui altra missione che questa, amando la nostra diocesi e in particolare i preti come fosse sempre stato con noi"."Mons. Santa, da buon missionario abituato a una vita dura, insegnava con l'esempio come affrontare le difficoltà e i disagi per il Signore. Andava dappertutto. senza stancarsi mai, e dappertutto portava aiuto e il conforto della fede"."È un vescovo missionario: parla semplice e facile, perché va al cuore dei piccoli e dei grandi".
10,00

Lelia e Ulisse. Diario di vita di una coppia cristiana

di Angelo Montonati

editore: San Paolo Edizioni

pagine: 160

Questo profilo biografico nasce dalla volontà di due fratelli, entrambi sacerdoti, nei quali il ricordo dei genitori è rimasto talmente inciso da indurli a rivelare, anche al di fuori della cerchia familiare, il segreto di un amore vissuto nella dimensione della fede da una coppia di cristiani giustamente ritenuta esemplare. Lelia Cossidente (1893-1951) e Ulisse Amendolagine (1893-1969) fanno parte di quel filone di santità laicale che, dopo il Concilio Vaticano II, la Chiesa ha riproposto come modello ai fedeli, onde rivalutare il ruolo del laicato nella Chiesa. Angelo Montonati, nato a Varese nel 1931, è giornalista professionista dal 1958. Ha cominciato nel quotidiano locale La Prealpina, passando poi al radiogiornale della Radio Vaticana e quindi, dal 1969 al 1980, a Famiglia Cristiana come "vaticanista" e successivamente come redattore capo del mensile Jesus. Come esperto d'informazione religiosa si è particolarmente interessato alle vicende dei santi, soprattutto dei fondatori e delle fondatrici, cui ha dedicato diverse biografie.
10,00

Luigia Tincani. Vivere per educare

di Angelo Montonati

editore: Ancora

pagine: 208

13,95

Prete e basta. Il beato Domenico Lentini di Lauria

di Angelo Montonati

editore: San Paolo Edizioni

pagine: 183

Stupisce che un personaggio come il beato Domenico Lentini (1770-1828) sia stato così tardi conosciuto. Eppure si tratta di una straordinaria figura di prete dotato di doni spirituali e di poteri taumaturgici. Pio XI, quando ne proclamò le virtù eroiche nel 1935, lo definì "sacerdos sine adiunctis", cioè prete e basta: il Lentini, infatti, non fu mai né parroco né vice, rifiutò l'arcipretura e il canonicato; non fondò alcuna congregazione religiosa, non lasciò opere sociali. Era però un santo e la gente lo capì subito, vedendo come lui passava il suo tempo pregando, insegnando, predicando e facendo penitenza. Angelo Montonati, nato a Varese nel 1931, è giornalista professionista dal 1958. Ha cominciato nel quotidiano locale La Prealpina, passando poi al radiogiornale della Radio Vaticana e quindi, dal 1969 al 1980, a Famiglia Cristiana come "vaticanista" e successivamente come redattore capo del mensile Jesus. Come esperto d'informazione religiosa si è particolarmente interessato alle vicende dei santi, soprattutto dei fondatori e delle fondatrici, cui ha dedicato diverse biografie
12,39
10,33
6,20

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.