Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Armando Matteo

Pastorale 4.0. Eclissi dell'adulto e trasmissione della fede alle nuove generazioni

di Armando Matteo

editore: Ancora

pagine: 118

Oggi l'adulto non rappresenta più il polo di compimento e di maggiore splendore dell'esistenza umana: si è letteralmente eclis
13,00

Il postmoderno spiegato ai cattolici e ai loro parroci. Prima lezione di teologia urbana

di Armando Matteo

editore: EMP

pagine: 152

Ha ragione papa Francesco, quando afferma che il nostro tempo, più che un'epoca di cambiamento, sta sperimentando un vero e pr
14,00

Tutti giovani, nessun giovane. Le attese disattese della prima generazione incredula

di Armando Matteo

editore: Piemme

pagine: 203

C'è oggi una sorta di «fatica a essere giovani»: è la difficoltà delle nuove generazioni a vivere in pienezza la propria età,
17,50

La Chiesa che manca. I giovani, le donne e i laici nell'Evangelii gaudium

di Armando Matteo

editore: San Paolo Edizioni

pagine: 144

Non servono più neppure le indagini sociologiche per rendersi conto che alla Chiesa italiana qualcosa manca
12,00

Il Dio mite. Una teologia per il nostro tempo

di Armando Matteo

editore: San Paolo Edizioni

pagine: 252

Ha ancora senso fare teologia oggi? E quale sarebbe tale senso? Possiede ancora uno spazio di risonanza pubblica, la teologia
22,00

La prima generazione incredula. Il difficile rapporto tra i giovani e la fede

di Armando Matteo

editore: Rubbettino

pagine: 126

A dieci anni quasi dalla sua prima apparizione, "La prima generazione incredula" viene ora ripubblicata in versione aggiornata
10,00

Tutti muoiono troppo giovani. Come la longevità sta cambiando la nostra vita e la nostra fede

di Armando Matteo

editore: Rubbettino

pagine: 101

Nessuno, ma proprio nessuno di noi, cittadini dell'Occidente avanzato, accetta più di considerarsi o di venire considerato "vecchio". A qualsiasi età qualcuno muoia, muore giovane. Anzi: troppo giovane. E tutto ciò perché la vecchiaia nel nostro tempo è scomparsa, ostracizzata, resa oscena, diventata non più degna di venire a parola, praticamente espulsa dal ciclo naturale dell'esistenza umana. Siamo messi così di fronte all'effetto più conturbante che l'odierno fenomeno della longevità di massa ha sull'immaginario diffuso: grazie ad essa, non si pensa di avere oggi una vita semplicemente più lunga dei nostri antenati, il cui ultimo tratto si chiama appunto vecchiaia, naturalmente proiettato sull'evento della morte. Si ritiene piuttosto di avere a propria disposizione più vite, più esistenze, più possibilità, più occasioni, in cui ricominciare sempre daccapo e grazie alle quali potersi sentire sempre giovani e disponibili a nuovi cambiamenti e progetti, eterni tirocinanti nel laboratorio dell'esistenza. In ogni caso mai adulti o vecchi o semplicemente mortali. Ed è per questo che si muore sempre troppo giovani ed alla realtà della morte viene tolto quel valore di questione ultima e decisiva per la qualità della vita stessa. Questo libro interroga in profondità tali cambiamenti, la loro ripercussione nell'ambito delle relazioni educative e sociali, ed infine il loro effetto sulla pratica della fede, mai immune da ciò che tocca l'umano che è comune.
10,00

Insegnare agli ignoranti. Imparare è nascere di nuovo

di Armando Matteo

editore: Emi

pagine: 64

Al di là dell'idolo delle competenze e dell'idea che basti Google per farci conoscere il mondo, riscopriamo il vero senso dell'insegnare e dell'apprendere: conoscere è una questione di cuore. Che ci fa assaporare meglio la realtà. Le opere di misericordia per un cristianesimo semplice.
7,00

La difficile arte dell'imparare

di Matteo Armando

editore: Città Ideale

pagine: 30

Come affermava sant'Agostino: "nutre l'anima solo ciò che la rallegra"
4,00

La vertigine del limite

editore: Il margine

pagine: 64

Un astronauta e un teologo discutono del senso del limite, della fame della scoperta, dell'avventura umana che si gioca tra gl
7,00

La fuga delle quarantenni. Il difficile rapporto delle donne con la Chiesa

di Armando Matteo

editore: Rubbettino

pagine: 104

Da secoli la fortezza silenziosa della Chiesa cattolica è la presenza delle donne: sono loro che principalmente trasmettono la fede alle nuove generazioni e sono sempre loro che con generosità portano a compimento numerosi ministeri ecclesiali. Eppure all'orizzonte appaiono i primi segni di rottura di questa intesa. Protagoniste di un tale cambiamento di rotta sono soprattutto donne che hanno tra i 20 e i 40 anni: vanno di meno a Messa, scelgono di meno il matrimonio religioso, pochissime ancora seguono una vocazione religiosa, e più in generale esprimono una certa diffidenza verso la capacità educativa degli uomini di religione. Prima che sia troppo tardi, è questa l'ora di provare a rinegoziare i termini di una nuova alleanza tra la Chiesa e le donne.
10,00

Come nessun altro

Invidia infelice e vita benedetta

di Armando Matteo

editore: Vita e pensiero

pagine: 86

L’invidia è da sempre una potente ‘macchina’ capace di innescare una carica di energia...
10,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.