Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Di Stefano Paolo

Azzurro, troppo azzurro

di Paolo Di Stefano

editore: Bompiani

pagine: 192

Una vita come altre, quella di Rizzo, immigrato dal sud in una città del nord, grigia e anonima
12,00

Dermatopatologia veterinaria e comparata

di Paolo Stefano Marcato

editore: Edagricole-New Business Media

pagine: 656

Dermatopatologia veterinaria e comparata si distingue per una trattazione che verte su lesioni e malattie cutanee di otto spec
79,00

Noi

di Paolo Di Stefano

editore: Bompiani

pagine: 608

Lo scherzo tormentoso inflitto a un fratellino minore, un frutto mangiato insieme al nonno sotto un albero di mandorle, l'inte
22,00

Il ragazzo di Telbana

di Paolo Di Stefano

editore: Giunti Editore

pagine: 208

Tawfik, egiziano, ha sedici anni quando parte da Telbana, in fuga dalla povertà e da suo padre, un imam il cui principio è: «D
14,00

Sekù non ha paura. Una storia di amici in fuga

di Paolo Di Stefano

editore: Solferino

pagine: 249

Sekù è giovane, ma ha molte vite: tante quante sono le sue avventure
15,00

I pesci devono nuotare

di Paolo Di Stefano

editore: Rizzoli

pagine: 301

Telbana, Egitto: in questo piccolo paese a nord est del Cairo, dove il colore dei campi si fonde col rosso delle case incompiute e dei vicoli sterrati, vive Selim. Suo padre gli ha insegnato il rigore e il senso di sacrificio, negandogli i desideri: "Devi allungare i piedi fino a dove c'è la coperta". Ma Selim è tenace e non si accontenta della vita che il destino gli ha riservato, e così, con l'incoscienza e la forza dei suoi diciassette anni, attraversa il deserto e la Libia, fino a raggiungere il mare e imbarcarsi per l'Italia. Dopo fatiche, stenti e preghiere sussurrate, il viaggio lo conduce in Sicilia, insieme a centinaia di migranti in cerca di sogni. Il suo è il più grande e ambizioso: vuole un riscatto dall'infanzia che si è lasciato alle spalle, parlare l'italiano meglio degli italiani, costruirsi un futuro. È una strada tortuosa, che sembra impossibile, ma Selim non si arrende e, tra cadute e risalite, cerca il proprio posto in una Milano che non regala niente a nessuno. Selim non è solo. Dentro e accanto alla sua vita ne scorrono altre, meno luminose ma altrettanto esemplari: la dolce Marlene, il ruvido Haymon, l'amico Tawfik e alcuni misteriosi angeli protettori. In un mondo che cambia velocemente alziamo barriere per difenderci da ciò che non conosciamo.
17,00

Ogni altra vita. Storia di italiani non illustri

di Di Stefano Paolo

editore: Il saggiatore

pagine: 260

C'è chi vende uova dopo la guerra e chi usa la stoffa dei paracadute per cucire gonne
19,00

Respirano i muri

editore: Contrasto

pagine: 149

Per Paolo Di Stefano il legame che unisce un uomo alla propria casa è qualcosa di profondo e fondante
22,00

Giallo d'Avola

di Di Stefano Paolo

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 331

Avola, 6 ottobre 1954
14,00

Milano

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 200

Milano o la città
13,00

La catastròfa. Marcinelle, 8 agosto 1956

di Paolo Di Stefano

editore: Sellerio Editore Palermo

pagine: 249

"Ma alla fine abbiamo mandato giù papà al cimitero, mentre noi abbiamo rimasto qui in Belgio e non ce l'ho mai domandato alla mamma, che ora ha novantasei anni, perché ha voluto prendere questa decisione di non muoversi più dal Belgio". Il messaggio più scomodo che viene, in queste pagine, dalle parole dei superstiti è che essi furono e si sentirono orfani non solo della miniera ma, una seconda volta, orfani della patria. Marcinelle, Belgio, 8 agosto 1956, la Catastròfa (nell'espressione metà dialetto metà francese) è l'incendio scoppiato a 975 metri sottoterra in una miniera del distretto carbonifero di Charleroi. 262 morti, 136 immigrati italiani, caduti per un banale accidente ma uccisi soprattutto dall'imprevidenza premeditata, dalla mancanza di misure protettive e dalla disorganizzazione. Al di fuori delle celebrazioni rituali, la tragedia di Marcinelle è caduta in un colpevole oblio: questo libro la racconta, riportando alla memoria l'epica spesso dolorosa della nostra emigrazione. Una sorta di romanzo-verità, a mezzo secolo di distanza, che non usa altre parole se non quelle ricche di fervore delle vittime e quelle avare dei documenti ufficiali di raggelante insensibilità.
13,00

Product management. Dalla gestione del prodotto alla gestione dello scambio

di Paolo M. Di Stefano

editore: Franco Angeli

pagine: 336

Molte cose sono cambiate, nel mondo dell'economia e degli affari, così come nel mondo della cultura
42,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.