Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di F. Amoroso

Federico Caffè. Le riflessioni della stanza rossa

di Bruno Amoroso

editore: Castelvecchi

pagine: 168

Il 15 aprile 1987 l'economista Federico Caffè scompare nel nulla
17,50

A mio modo vi amo

editore: Mondadori

pagine: 205

"Avete presente quando vedete una persona che vi piace da morire ma non riuscite neanche a salutarla? Quel caldo ingestibile che ti brucia all'altezza della bocca dello stomaco e ti infiamma anche il viso? Io sentivo questo quando cantavo, da bambina, e lo sento tuttora... Questo maledetto batticuore che mi chiede di cantare, ancora e ancora, senza limiti o freni." Per la prima volta Alessandra Amoroso racconta la sua storia e le sue passioni in un libro. Ma lo fa in un modo originale, tutto suo: intrecciando la sua voce a quella dei fan, le sue emozioni alle loro, come se fossero battiti di uno stesso grandissimo cuore. "Il libro che avete fra le mani nasce per questo. Ho bisogno di parlarvi, di stare con voi. Vi ho chiesto di scrivermi e di raccontare la vostra storia di 'amore puro' con me, perché avevo bisogno di conoscervi meglio, di potervi leggere, vivere. Questo libro nasce insieme a voi e per voi, che siete la mia Big Family. Con i vostri racconti per me e il mio per voi. Perché a mio modo vi amo. E questo è il mio modo per dirvelo. Una volta in più."
18,00

Euro in bilico. Il fallimento della moneta unica

di Bruno Amoroso

editore: Castelvecchi

pagine: 157

È davvero fallito l'Euro? Probabilmente sì, e questa consapevolezza è non solo argomento di discussione nei santuari della finanza, ma anche nel sentire comune dei cittadini europei, la cui disaffezione e rabbia rendono ormai palese l'inadeguatezza delle politiche economiche portate pervicacemente avanti dall'Ue. Bruno Amoroso, in questa edizione aggiornata di "Euro in bilico", dimostra le ragioni del fallimento dell'Euro e gli intollerabili costi sociali prodotti dalle politiche che lo hanno accompagnato. Tornare alle monete nazionali può essere la soluzione per scongiurare il baratro verso cui sta precipitando l'Europa? La strada da percorrere, spiega l'autore, è l'introduzione di una moneta comune (Euromed) per i Paesi dell'Europa del Sud maggiormente colpiti dalla crisi. Dunque due "Euro": da una parte quello tedesco e dei Paesi tradizionalmente appartenenti all'area del marco; dall'altra un nuovo sistema monetario che, oltre all'Italia, comprenda Francia, Portogallo, Spagna e Grecia. La riforma dell'Eurozona darebbe vita, finalmente, a un'Europa policentrica e costruita dal basso.
16,00

Schiller e la parabola dell'estetica

di Leonardo Amoroso

editore: Ets

pagine: 143

Schiller è un ottimo riferimento per ripercorre la parabola dell'estetica. Egli, infatti, costituisce un passaggio decisivo nel secolo d'oro dell'estetica, quello che inizia con la fondazione di questa disciplina da parte di Baumgarten. Riprendendo e sviluppando in modo originale l'estetica di Kant, Schiller apre le porte al romanticismo e all'idealismo. Ed è celebrato dal filosofo col quale culmina quel secolo d'oro, cioè da Hegel, come proprio precursore. Ma si sono richiamati a Schiller anche pensatori successivi a quel periodo, per esempio Nietzsche e Heidegger, con i quali la parabola dell'estetica tradizionale pare ormai definitivamente conclusa.
14,00

Capitalismo predatore. Come gli USA fermarono i progetti di Mattei e Olivetti e normalizzarono l'Italia

editore: Castelvecchi

pagine: 93

Enrico Mattei e Adriano Olivetti davano fastidio agli stati uniti. Andavano fermati. Il primo insidiava il monopolio delle "Sette sorelle" sul petrolio. Il secondo non solo proponeva un nuovo modello sociale - immaginando un'impresa che facesse proprie le istanze del bene comune - ma aveva portato l'azienda di Ivrea ad essere protagonista nelle ricerche sui calcolatori. L'eredità di Mattei e Olivetti è stata gettata alle ortiche e dissipata nella lunga sbornia liberista che ha attraversato il Paese. Dal 1991 al 2001 sulla Penisola si scaraventa una valanga di privatizzazioni (banche e imprese). E non può non saltare agli occhi la "coincidenza" temporale di questa svendita con la stagione di Mani Pulite, un'operazione politico-giudiziaria, sostengono gli autori in questo saggio, "certamente incoraggiata dagli Usa", e che tolse di mezzo gli imprenditori e i politici che avevano contribuito al rafforzamento dell'economia italiana. Con la liquidazione dell'ENI e dell'IRI si riportava l'Italia alle condizioni del dopoguerra: quelle di un Paese minore nel contesto internazionale. Amoroso e Perrone si mettono sulle tracce dei liquidatori dell'interesse nazionale, senza nostalgie per il passato ma mossi da un bisogno di verità e chiarezza sulle ragioni del declino italiano.
14,50

Fluency. Conoscere e usare l'informatica. Ediz. mylab

editore: Pearson

pagine: 400

Per accedere alla piattaforma: registrati sul sito pearson.it/place con il tuo indirizzo mail, inserisci nell'apposito campo il codice che trovi in copertina, entra nella sezione International MyLab e scegli se studiare in modo autonomo o seguire il corso creato dal docente.
32,00

Il muro delle apparenze. Annotazioni sulla narrativa italiana 2008-2010  

di Giuseppe Amoroso

editore: Liguori

pagine: 238

Prosegue la lunga, capillare indagine sulla narrativa italiana contemporanea condotta dall'autore fin dagli inizi degli anni Settanta. Le recensioni qui raccolte passano in rassegna i tanti sviluppi narrativi, ove trovano posto una marcata legittimità dell'ombra e del controcanto e un sempre attivo processo di evocazione e studio psicologico, sibillini riferimenti concreti, storie di vita in sintonia con luoghi animati. Trasportati dalla potenzialità plurivoca dello stile e delle strutture, personaggi e ambienti possono trasformarsi in eventi elettrizzati dalla fantasia creatrice e, specie in alcune clamorose operazioni di officina, in eventi linguistici: sofisticati esiti di una tendenza molto colta con la quale alcuni scrittori, puntando su disegni talora arditi (e liberandosi dai vincoli delle ideologie), riescono a far sortire una millimetrata esattezza espressiva. Una felicità di racconto e un volo dell'avventura pure in territori rigati da sottigliezze, ricami e innaturali colpi di luce.
21,99

Figli di troika. Gli artefici della crisi economica

di Bruno Amoroso

editore: Castelvecchi

pagine: 94

Sono i sicari del potere: Fondo monetario internazionale, Banca Mondiale e Banca centrale europea. La nomenklatura finanziaria della globalizzazione si è consolidata nel corso degli ultimi dieci anni con il passaggio dal pensiero unico al potere unico. Secondo Bruno Amoroso sono gli "incappucciati della finanza" i responsabili del disastro economico europeo: persone a cui è stato affidato il ruolo d'infiltrarsi nelle istituzioni, di manipolare l'informazione e la ricerca, e che con il metodo della governance hanno minato le nostre società. I Signori della finanza globale reclutano adepti nei singoli Stati. Le loro strategie sono la "marginalizzazione economica" per destabilizzare le istituzioni, l'allarmismo e la tensione praticati nell'anonimato dei mercati finanziari. Hanno volti, nomi, cognomi e - come direbbe Federico Caffè - anche soprannomi. Un pamphlet duro in cui vengono svelati i metodi di reclutamento e di lavoro dei padroni della finanza, le cui carriere sono segnate dai disastri sociali ed economici che oggi ci troviamo a fronteggiare in Italia come in Europa.
12,00

Federico Caffè

di Amoroso Bruno

editore: Castelvecchi

pagine: 144

17,50

Euro in bilico. Lo spettro del fallimento e gli inganni della finanza globale

di Amoroso Bruno

editore: Castelvecchi

pagine: 192

All'alba del nuovo millennio le ambizioni economiche del Vecchio Continente risuonavano come una rivoluzione
12,00
29,49

Introduzione alla «Scienza nuova» di Vico

di Leonardo Amoroso

editore: Ets

pagine: 182

Il capolavoro di Giambattista Vico, i "Princìpi di scienza nuova d'intorno alla comune natura delle nazioni" (1744), è un'opera affascinante e ricchissima, che spazia attraverso i campi della metafisica e della religione, della società e della storia, del linguaggio e della poesia. Ma è un testo di non facile lettura già solo per la lingua in cui è scritto (un italiano oggi non immediatamente comprensibile) e poi perché tutt'altro che lineare nella struttura e nelle argomentazioni e invece stracarico di rimandi eruditi, oltretutto poco attendibili. Quest'introduzione si propone di aiutare il lettore a penetrare in tale opera "mostruosa", nella speranza di condurlo a provare almeno qualcosa di quel "divin piacere" che Vico prometteva a chi l'avesse compresa.
15,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.