Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Francesca Barra

Prova a dirmelo guardandomi negli occhi

di Francesca Barra

editore: Garzanti

pagine: 139

La rete sembra esser diventata una piazza virtuale dove tutto è lecito ed è possibile esprimere le più violente ingiurie sente
14,00

La giostra delle anime

editore: Mondadori

pagine: 264

Nella Lucania aspra e selvaggia, alle pendici del cratere del Vulture, una donna dà alla luce due bambine, e muore poco dopo
19,00

L'estate più bella della nostra vita

di Francesca Barra

editore: Garzanti

pagine: 200

L'estate è la stagione della libertà, dei sorrisi e del profumo di salsedine
16,60

Verrà il vento e ti parlerà di me

di Francesca Barra

editore: Garzanti

pagine: 216

L'erba selvatica profuma di salvia e lambisce il sentiero che porta al mare
10,90

Verrà il vento e ti parlerà di me

di Francesca Barra

editore: Garzanti

pagine: 216

L'erba selvatica profuma di salvia e lambisce il sentiero che porta al mare
14,90

Tutta la vita in un giorno. Viaggio fra la gente che sopravvive mentre nessuno se ne accorge

di Francesca Barra

editore: Rizzoli Controtempo

pagine: 202

I nuovi poveri sono un piccolo popolo che cammina nelle nostre città senza fare rumore. Disoccupati, padri separati, persone fiaccate da un destino sadico e vigliacco: stanno in strada, nelle stazioni, nei dormitori, nei centri di accoglienza. Sono invisibili, soprattutto perché non vogliamo vederli. Ma sono un'umanità tanto quanto noi, e come noi soffrono, sognano, pensano, amano e si amano. Solo con molta più tristezza e rassegnazione. Compiendo un atto di coraggio, Francesca Barra ha condotto un'inchiesta, andando a vivere con - e come - i nuovi poveri per quasi un mese alla Stazione Centrale di Milano. Li ha conosciuti bene, ne ha esplorato il presente "di strada" e il passato "normale", ha assaporato le loro emozioni. E in "Tutta la vita in un giorno" ha poi deciso di lasciare la parola ad Anto, un padre separato, e ad alcuni altri senzatetto per rendere il più possibile autentico il racconto della miseria metropolitana che, con la crisi, è andata investendo sempre più persone. Seguiamo così in queste pagine diverse storie, tutte intensissime, come quella di Tony, divenuto gigolò (anche) per poter fare la doccia, o quella di Gemma che, grazie al suo grande cuore, un giorno riesce a riscattare anni di nera disperazione.
17,00

Giovanni Falcone un eroe solo

Il tuo lavoro, il nostro presente. I tuoi sogni, il nostro futuro

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

pagine: 208

23 maggio 1992: la strage di Capaci, in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca e tre uomini del
12,00

Il quarto comandamento. La vera storia di Mario Francese che sfidò la mafia e del figlio Giuseppe che gli rese giustizia

di Francesca Barra

editore: Rizzoli

pagine: 174

Palermo 1979. Sdraiato sull'asfalto, sotto un telo bianco che lascia intravedere lineamenti familiari, c'è un uomo che è morto per una colpa imperdonabile: ha parlato. Quell'uomo si chiama Mario Francese e per primo ha osato scrivere della trasformazione imprenditoriale di Cosa Nostra, degli interessi mafiosi intorno alla ricostruzione del Belice terremotato e alla realizzazione della diga di Garcia. Suo figlio Giuseppe quel giorno ha dodici anni. Sente sei colpi di pistola, scende in strada e vede il corpo del padre gettato nel parcheggio. A distanza di vent'anni ha cercato testimonianze, ha raccolto materiali, si è fatto giornalista investigativo per regolare i conti col passato. E alla fine è riuscito a far condannare mezza Cupola: Bagarella, Riina, Provenzano, esecutore e mandanti della morte del primo cronista a fare il nome di Totò Riina su un giornale. Ma purtroppo anche per Giuseppe è in agguato un terribile epilogo. Come due fili intrecciati, le loro vite seguono una traiettoria simile, un percorso che condurrà entrambi a una morte prematura. Questo libro ricostruisce la vicenda che portò all'uccisione di Mario Francese, raccontando al contempo la storia di un padre e di un figlio e di un'intera famiglia - spezzata dalla violenza della mafia. E restituisce alla coscienza collettiva un patrimonio di onestà che il tempo non può e non deve cancellare.
17,90

Giovanni Falcone un eroe solo. Il tuo lavoro, il nostro presente. I tuoi sogni, il nostro futuro

editore: Rizzoli

pagine: 208

23 maggio 1992: la strage di Capaci, in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca e tre uomini della scorta, scosse l'Italia come un terremoto immane, segnando le coscienze e dimostrando l'urgenza di una reazione intransigente e senza tentennamenti contro la mafia, da parte delle istituzioni e della società civile. Da vent'anni Maria Falcone si dedica a mantener viva la memoria di suo fratello con un'attività intensa che serva a tutti, ma specialmente ai giovani, come educazione alla legalità. È un'opera meritoria perché fu proprio grazie al lavoro di Giovanni che lo Stato trovò finalmente il modo per combattere con efficacia il fenomeno mafioso. Eppure - come traspare nelle pagine di questo libro in cui Maria, affiancata dalla giovane giornalista esperta di mafia Francesca Barra, rievoca la vita di suo fratello - Giovanni Falcone si trovò molto spesso solo nel suo cammino. Solo quando insinuarono che si prendeva troppa confidenza con Buscetta. Solo quando i diari di Chinnici furono utilizzati per gettare ombre sul suo operato. Solo quando fu costretto a "mettere i piedi sul sangue del mio amico più caro", Ninni Cassarà. E poi fu sempre solo perché rinunciò a una vita normale, tanto da doversi spesso tenere a distanza dall'adorata moglie Francesca, da cui pensò addirittura di divorziare pur di tutelarne l'incolumità. Premessa di Leonardo Guarnotta, ricordo di Loris d'Ambrosio, postfazione di Sergio Lari.
17,50

A casa di Jo. Piatti & ricette della mia cucina

di Francesca Barra

editore: Aliberti

pagine: 176

Da bambina sognava di diventare la nuova Jo March, l'aspirante scrittrice di "Piccole donne". Francesca ha imparato a cucinare grazie alle contaminazioni culturali e geografiche della sua famiglia: lei è lucana, la madre bolognese il padre e i nonni calabresi. Ha da sempre il sogno nel cassetto di aprire una trattoria letteraria in cui si possano gustare piatti prelibati in un'atmosfera calda, familiare e domestica. Il primo esperimento è avvenuto su Facebook: il gruppo "La casa di Jo", dove la giornalista pubblica le sue ricette legate a ricordi e racconti di vita, ha riscosso un successo straordinario, che l'ha spinta a trasformare la sua passione in un programma tv e poi in un libro. Questo manuale di ricette contempla anche una sezione dedicata alle leccornie da preparare per i più piccini, una legata alle specialità della Basilicata, la sua terra di origine, un'altra ai consigli dei vip (cantanti, attori, registi, conduttori e volti noti della televisione) che la stessa autrice ha interpellato raccogliendone specialità e piatti preferiti. Le ricette classiche della tradizione italiana vengono rielaborate in una chiave inedita dalla conduttrice che, con i tacchi a spillo, nella sua cucina argentata prepara piatti originali con colleghi e amici, portati dalla convivialità a parlare di sé e dei ricordi legati a particolari sapori.
13,90

Non mi aspettare

di Francesca Barra

editore: Aliberti

pagine: 137

Un rapporto conflittuale tra una madre e una figlia con due personalità contrastanti e una passione lacerante sullo sfondo di un'Italia scossa da scandali politici che finiscono per affossare il governo. Convivere con il peso della celebrità e, soprattutto, con la notorietà di chi si ama, presuppone una duplice sofferenza quando finisce un amore, perché la donna che esce sconfitta dall'affaire con il politico del momento subisce due volte per via della sovraesposizione mediatica del partner. L'intreccio prende corpo attraverso l'alternanza di due voci narranti che vedono protagoniste due donne: Elisa, un tempo avvenente giornalista e conduttrice televisiva all'apice del successo, e la figlia Serena, giovane biologa che attraverso un viaggio iniziatico nella sua terra d'origine, la Puglia, ritrova il diario attraverso il quale ricompone i tasselli della vita parallela della madre scomparsa in circostanze misteriose quindici anni prima, quando lei era ancora adolescente. Scavando nell'oscuro passato materno, Serena si ritrova inconsapevolmente a risolvere il giallo della morte di Elisa, insabbiata in quanto avvenuta proprio in occasione di un incontro segreto con l'uomo del momento, il presidente del Consiglio. A sostenere la ragazza nella spasmodica ricerca della verità è proprio il padre, Davide, depositario dell'epilogo di un intrigo sentimentale dal ritmo incalzante e ricco di colpi di scena.
14,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.