Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Francesco Valagussa

Forma e imitazione. Come le idee si fanno mondo

di Francesco Valagussa

editore: Il mulino

pagine: 318

Le forme sono, nelle parole di Simmel, «più che vita»: sono idee, sempre identiche a sé, separate, lontane, quasi irraggiungib
30,00

Vico. Gesto E Poesia

di Valagussa Francesco

editore: Edizioni di storia e letteratura

pagine: 160

Il pensiero di vico si mostra come impresa eroica
22,00

L'età della morte dell'arte

di Francesco Valagussa

editore: Il mulino

pagine: 182

Maestra dei popoli, l'arte domina gli esordi di ogni civiltà ma finisce con il cedere sempre più spazio al pensiero concettuale. In passato ha prodotto le grandi visioni del mondo, ora è la scienza a fondare il sistema del sapere. In questo volume l'autore illustra come la morte dell'arte riguardi l'identità dell'Europa e metta a rischio il carattere stesso della nostra civiltà. Eppure l'Occidente, proprio nella consapevolezza di questo pericolo, ha sempre cercato nuove forme, nuove tendenze, nuovi stili per ricreare continuamente la forma artistica. L'Europa è soltanto un sinonimo di "morte dell'arte", o piuttosto è ricerca continua di alternative per tenerla in vita?
18,00
16,00

Il sublime, da Dio all'io

di Francesco Valagussa

editore: Bompiani

pagine: 266

Perché la bellezza non ha mai trovato una sua forma compiuta? Perché il gusto si modifica continuamente? Non sarà che il nucleo da cui si origina ogni volontà di espressione sia autenticamente irrappresentabile? I luoghi del sublime, come prospettiva nella quale arte, religione, filosofia e letteratura, possono comunicare tra loro in un "libero gioco", crocevia nel quale la metafisica si incontra con l'etica, dove l'estetica e la teologia si trovano a percorrere le stesse strade. Prendendo le mosse dall'ineffabilità di Dio propria della religione ebraica, per poi spaziare dalla Grecia di Platone e Plotino al Medioevo di Agostino, Anselmo e Dante. Scoprire come l'umanista Pico possa dialogare con Cervantes e quale sia l'intima sintonia tra Kant e Mozart e ancora, perché Hegel abbia compreso Malevic meglio di chiunque altro, pur non avendo mai visto una sua opera. L'autore mostra come le grandi opere d'arte siano la dimensione in cui si rivela la voce dell infinito. Il volume è introdotto da una prefazione di Massimo Cacciari.
12,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.