Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Libri di Freschi Marino

L'esoterismo nella letteratura tedesca. Da Goethe a Jünger

di Marino Freschi

editore: Castelvecchi

pagine: 200

Nella letteratura d'Occidente, e in particolare in quella tedesca - da Goethe, Lessing, Novalis, Hoffmann fino a Meyrink, Rilk
20,00

Il canone tedesco

di Marino Freschi

editore: Aragno

pagine: 284

Il saggio propone un canone letterario tedesco delimitato sostanzialmente alle opere principali della "Età di Goethe" e del Pr
25,00

Lezioni di letteratura tedesca

di Marino Freschi

editore: Bonanno

pagine: 186

Queste lezioni sono un'introduzione alla Letteratura tedesca dal Settecento ai giorni nostri, da Lessing e Goethe ad Handke
18,00

1918. Tramonti tedeschi

di Marino Freschi

editore: Bonanno

pagine: 140

L'autunno del 1918 segnò la fine della Grande Guerra e il crollo degli Imperi Centrali, quello austro-ungarico e il Secondo Re
12,00

Hermann Hesse

di Marino Freschi

editore: Il mulino

pagine: 192

Il libro ricostruisce la vicenda umana e intellettuale di Hermann Hesse (1877-1962), uno degli scrittori più amati e letti in tutto il mondo. Dalle origini in Svevia al trauma della Grande Guerra e al trasferimento nel '12 in Svizzera, dove visse sino alla fine, in esilio da una Germania sempre più minacciosa: un percorso lungo il quale viene maturando la sua cifra stilistica, travolgente e profetica. Una scrittura, capace di andare al cuore dei grandi interrogativi dell'uomo moderno, che diventa messaggio e costruzione utopica, modello - come in "Siddharta", in "Narciso e Boccadoro", nel "Gioco delle perle di vetro" - di una ricerca interiore nel segno della libertà da ogni fede, dogma, ideologia.
14,00

Joseph Roth

di Marino Freschi

editore: Liguori

pagine: 288

Il saggio fornisce un'esauriente introduzione alla vita e all'opera di Roth, sulla scia di una lettura attenta alle recenti suggestioni, incentrate sul complesso e intrigante rapporto dello scrittore ebreo galiziano con il sionismo, da lui criticato in nome del primato spirituale dell'ebraismo della diaspora. Ampio spazio è anche riservato all'attualissima riflessione rothiana sulla figura del "nomade" quale destino estremo dell'uomo contemporaneo, sempre più "libero" da radici e da atavici condizionamenti e sempre più angosciato per una libertà che non sa tradursi in progetto. La stessa trasfigurazione narrativa, cui sottopone la sua biografia, scaturisce dalla tragedia del suo tempo, per lui culminata con l'esilio e con la sua morte drammatica, provocata dallo scontro col nazionalsocialismo, giudicato da Roth come il male assoluto. Come Hesse, Roth ha incontrato un immenso successo di pubblico, ma una cauta accettazione da parte della critica, eppure lo scrittore ha tutti i titoli per essere considerato uno dei massimi autori del '900 per la sua straordinaria percezione della crisi del mondo moderno - che è ancora il nostro mondo -, per le sue possenti metafore e per la sua utopia, regressiva e struggentemente nostalgica. Ciò che Roth comunica è l'assoluta sincerità del momento. È come se da quel tavolino da caffè, dove amava rifugiarsi per scrivere, si sprigionasse disperata la voce autentica della letteratura nella modernità.
21,99

La letteratura tedesca

di Marino Freschi

editore: Il mulino

pagine: 281

Nato dall'esigenza di offrire un panorama complessivo e aggiornato dell'attività letteraria della Germania, il libro ripercorre la storia letteraria di lingua tedesca dai grandi poemi del Trecento alle opere dei più celebrati autori del nostro tempo (fra gli altri i premi Nobel, Canetti, Böll, Grass, Elfriede Jelinek). All'interno di questa secolare vicenda culturale e artistica, il volume ritaglia due momenti davvero epocali per la letteratura tedesca: il Settecento, l'età aurea del classicismo e del romanticismo centrata sulla figura di Goethe, e il primo Novecento, dove risalta l'opera di autori come Thomas Mann e Franz Kafka. Grande attenzione è riservata inoltre a scrittori considerati "classici della modernità", come Brecht e Hesse, ai protagonisti della "Grande Vienna", da Schnitzler a Musil, infine agli sviluppi della letteratura tedesca dopo la Riunificazione. Ne emerge una tradizione ricca e illustre, sulla quale si innesta, nel secondo Novecento, una produzione che rispecchia ampiamente gli accadimenti, spesso drammatici, della storia.
22,00

Thomas Mann

di Marino Freschi

editore: Il mulino

pagine: 254

Docente di Letteratura tedesca all'Università Roma Tre e all'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, Marino Freschi analizza la vita, le opere, l'impegno intellettuale dell'autore dei "Buddenbrook", di "Morte a Venezia", "La montagna incantata": di colui che, anche al di là della produzione narrativa, è considerato uno dei massimi scrittori tedeschi del Novecento.
15,00

L'utopia nel Settecento tedesco

di Marino Freschi

editore: Liguori

pagine: 184

16,49

Goethe. L'insidia della modernità

di Freschi Marino

editore: Donzelli

pagine: 240

16,53

Paese

di Marino Freschi

editore: Tullio Pironti

pagine: 112

5,16

Il silenzio del principe

Saggi di letteratura austriaca

di Freschi Marino

editore: Bibliopolis

pagine: 168

16,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.