Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Geoff Dyer

Zona. Un libro su un film su un viaggio verso una stanza

di Geoff Dyer

editore: Il Saggiatore

pagine: 188

Nebbia, vecchi tubi, edifici abbandonati
24,00

Sabbie bianche

di Geoff Dyer

editore: Il Saggiatore

pagine: 211

Ci sono, nel mondo, città, fiumi, vulcani, deserti che pulsano di un'energia arcana, di un magnetismo misterioso che attrae gl
20,00

Un'altra formidabile giornata per mare. Cronaca da una portaerei

di Geoff Dyer

editore: Einaudi

pagine: 218

Nel novembre del 2011, Geoff Dyer ha la possibilità di esaudire un sogno d'infanzia: viaggiare a bordo di una portaerei
18,00

Il colore della memoria

di Geoff Dyer

editore: Il Saggiatore

pagine: 268

La pioggia di Londra è diversa da quella delle altre città
21,00

Il sesso nelle camere d'albergo. Saggi (1989-2010)

di Geoff Dyer

editore: Einaudi

pagine: 417

Geoff Dyer si è conquistato la devozione di un gruppo di attenti lettori grazie ai suoi insoliti romanzi, ma anche a una serie di opere difficilmente etichettabili: prima fra tutte, "Natura morta con custodia di sax", un libro a metà tra il racconto e la riscrittura della vita dei grandi del jazz. Nel corso della sua lunga carriera, Dyer ha firmato saggi brevi dedicati ai temi più diversi: fotografia, scultura, cinema, recensioni di libri, ma anche scritti di natura vagamente autobiografica. "Il sesso nelle camere d'albergo" raccoglie una parte di questa sua produzione.
20,00

Natura morta con custodia di sax

Storie di jazz

di Dyer Geoff

editore: Einaudi

pagine: 330

Thelonious Monk che, incurante della baraonda intorno a lui, suona il Baby Steinway mezzo incastrato in cucina, con la schiena
15,00

L'infinito istante. Saggio sulla fotografia

di Geoff Dyer

editore: Einaudi

pagine: 276

Geoff Dyer è considerato in patria tra gli autori più originali degli ultimi anni ed è noto in Italia soprattutto per il suo "Natura morta con custodia di sax". Oltre che di musica è anche, da sempre, appassionato di fotografia. Eppure, confessa in questo nuovo libro, non possiede nemmeno una macchina fotografica: "le sole volte che scatto delle foto è quando i turisti mi chiedono di fargliene una, con la loro macchina. (Queste rare opere sono adesso disperse in giro per il mondo in collezioni private, soprattutto in Giappone)". Ma così come il non conoscere la musica non gli ha impedito di scrivere un libro in piena empatia con l'universo del jazz, Dyer ha ora bilanciato questo apparente svantaggio con tutta l'originalità che i lettori gli riconoscono e ha scritto una particolarissima storia della fotografia. Cercando di identificarne gli stili specifici, Dyer guarda al modo in cui figure di riferimento come Alfred Stieglitz, Pani Strand, Walker Evans, André Kertész, Dorothea Lange, Diane Arbus e Wiliam Eggleston hanno fotografato gli stessi oggetti (cappelli, scale, panchine, negozi di barbiere, cartelli, strade): "volevo capire se lo stile può essere identificato nel e dal contenuto, se è inerente a esso. L'unico modo per farlo era vedere come persone diverse fotografavano la stessa cosa". Ne risulta un racconto originale e divertente in cui questi fotografi, molti dei quali non si incontrarono mai, vengono continuamente a contatto gli uni con gli altri.
27,00

Amore a Venezia

Morte a Varanasi

di Dyer Geoff

editore: Einaudi

pagine: 320

Jeff Atman, un critico frustrato e lunatico, è nella mondanissima Venezia per la Biennale Arte
18,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.