Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Libri di Goffredo Fofi

Quante storie. Il «sociale» dall'Unità a oggi. Ritratti e ricordi

di Goffredo Fofi

editore: Altreconomia

pagine: 144

La questione del metodo insieme a quella dell'efficacia rimane centrale, oggi come in passato, per chi si occupa di educazione
14,00

Breve storia del cinema militante

di Goffredo Fofi

editore: Eleuthera

pagine: 144

Se il cinema di fiction è morto, producendo ormai solo copie di copie, anche il cinema militante è da tempo in uno stato agoni
15,00

Elogio della disobbedienza civile

di Goffredo Fofi

editore: Nottetempo

pagine: 96

Qual è la differenza tra disobbedienza civile e nonviolenza? Quando i cittadini hanno il dovere di opporsi a uno Stato ingiust
10,00

Cari agli dèi

di Goffredo Fofi

editore: E/O

pagine: 167

Una galleria di indimenticati, giovani che erano pronti a cambiare il mondo, ma di cui una Storia ingiusta ci ha privato tropp
15,00

Non mangio niente che abbia gli occhi

di Goffredo Fofi

editore: Contrasto

pagine: 96

"Non è solo per amore delle creature che si diventa vegetariani, e tanto meno per sentirsi orgogliosamente buoni e migliori, m
16,90

Son nato scemo e morirò cretino. Scritti 1956-2021

di Goffredo Fofi

editore: Minimum fax

pagine: 512

Dalla Sicilia delle baracche alla Torino del boom, dal Sessantotto agli opachi anni Ottanta, fino all'intervento sociale degli
18,00

Per Pasolini

di Goffredo Fofi

editore: La nave di teseo

pagine: 192

"È con Pasolini che ho 'litigato' di più", scrive Goffredo Fofi, "è da lui che mi sono sentito più provocato, chiamato in caus
16,00

Fellini anarchico

di Goffredo Fofi

editore: Eleuthera

pagine: 120

Furono per primi due francesi, il critico André Bazin e più tardi lo scrittore Daniel Pennac, a parlare di un «Fellini anarchi
13,00

Il secolo dei giovani e il mito di James Dean

di Goffredo Fofi

editore: La nave di teseo

pagine: 160

Gli incauti ed entusiasti studiosi che hanno osato chiamare il Novecento "il secolo dei giovani" non pensavano certamente ai m
10,00

Totò. L'uomo e la maschera

editore: Minimum fax

Questa storia parte da lontano, dal 15 febbraio del 1898, quando nel poverissimo rione Sanità Anna Clemente e Giuseppe - figli
18,00

L'oppio del popolo

di Goffredo Fofi

editore: Eleuthera

pagine: 166

"Quanti sono gli italiani che vivono di «cultura»? Sono - anzi siamo - milioni, ben piazzati nelle scuole di ogni ordine e gra
16,00

Il Paese della sceneggiata

di Goffredo Fofi

editore: Medusa Edizioni

pagine: 99

Per tutto il corso del Novecento, fino agli anni Ottanta e Novanta, la sceneggiata è stata la forma di spettacolo prediletta dal proletariato napoletano e campano, dal cosiddetto sottoproletariato urbano - in realtà proletariato marginale - e dal mondo contadino che, quando era costretto a entrare in città, trovava il suo svago al teatro Duemila o al Trianon, vicini alla stazione ferroviaria e a piazza Garibaldi. Gli spettacoli erano tre al giorno, la mattina alle 11, il pomeriggio alle 6, la sera alle 9 e il programma cambiava di settimana in settimana, e si provava il nuovo copione nell'unica mattina in cui il teatro era chiuso. Come nel teatro dell'Ottocento, la compagnia aveva attori in ruoli fissi: al centro, "isso, essa e 'o malamente" e la coppia comica. La scena era il vicolo, e simili erano le storie narrate: l'innocenza insidiata, i buoni e i cattivi, un vicinato partecipe. Tutto diventava pubblico, tutto tornava strada. Al quinto atto, la canzone che dava il titolo a ogni testo e ne riassumeva vicenda e sentimenti. Ci fu un tempo in cui il popolo produceva la propria cultura, le proprie forme di spettacolo, la propria musica. Aveva gusti e idee propri e non quelli imposti dal potere attraverso comunicazioni di massa artefici di una cultura omologata e massificata. È utile ricordarlo.
9,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.