Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Jorge Amado

Dona Flor e i suoi due mariti

di Jorge Amado

editore: Garzanti

pagine: 600

"Dona Flor e i suoi due mariti" è uno dei capolavori di Jorge Amado: la ricchezza verbale, la perfetta architettura narrativa,
22,00

Gabriella garofano e cannella

di Jorge Amado

editore: Einaudi

pagine: 540

Gabriella dal profumo di garofano e dal colore di cannella, mulatta sinuosa che non cammina ma balla, che non parla ma canta,
14,50

Cacao

di Jorge Amado

editore: Einaudi

Dopo una breve infanzia agiata e felice a Sao Cristovao, la tragedia della morte del padre e i soprusi dello zio costringono il quindicenne sergipano (così chiamato perché nativo di uno stato del Nordest del Brasile, il Sergipe) a lavorare in fabbrica. Inseguendo i sogni collettivi di emigrare nelle zone del cacao, il ragazzo finisce per lasciare casa sua alla volta di Pirangi. Là, nella Fazenda Fraternidade del coronel Mané Frajelo, il mito del cacao crolla nell'impatto con la durezza della realtà e con la disperazione della miseria. Un romanzo corale, popolare, scritto con toni appassionati e vibranti da uno scrittore (appena ventenne) che vuole portare alla ribalta letteraria l'esistenza di classi sociali che soffrono.
10,00

La cucina di Bahia, ovvero Il libro di cucina di Pedro Archanjo e le merende di Dona Flor

editore: Einaudi

Lo scrittore Jorge Amado è molto goloso, sua moglie Zélia è un'ottima cuoca, e la figlia Paloma ha preso da tutti e due i geni
11,80

Teresa Batista stanca di guerra

di Jorge Amado

editore: Einaudi

pagine: 560

Un romanzo popolare, una saga che Amado immagina di aver raccolto qua e là dalla bocca della gente che ha veramente conosciuto
15,00

I turchi alla scoperta dell'America

di Amado Jorge

editore: Garzanti Libri

pagine: 97

sn verità l'America, suggerisce Jorge Amado in questo sorridente romanzo breve, non è stata scoperta da Cristoforo Colombo
8,50

Frutti d'oro

di Amado Jorge

editore: Garzanti Libri

pagine: 490

Un tempo c'era solo la foresta vergine dell'Amazzonia, lussureggiante e selvaggia
14,90

La cucina di Bahia, ovvero Il libro di cucina di Pedro Archanjo e le merende di Dona Flor

editore: Einaudi

pagine: XXVI-257

Lo scrittore Jorge Amado è molto goloso, sua moglie Zélia è un'ottima cuoca, e la figlia Paloma ha preso da tutti e due i geni
10,00

Santa Barbara dei fulmini

di Jorge Amado

editore: Garzanti Libri

pagine: 381

Questo apologo allegro e scanzonato ha per protagonista la stravagante figura di una santa munita, secondo la tradizione, di un mazzetto di fulmini: santa Barbara. Un bel giorno la sua statua viene fatta trasportare dal Reconcavo a Bahia per una esposizione d'arte sacra. Ma già durante il breve viaggio, su un peschereccio, la statua comincia a dar segni di irrequietezza: per rimettere a posto alcune situazioni che non le vanno a genio, al momento dell'attracco prende vita e, assunto l'aspetto di Yansà, signora dell'uragano e della guerra, se ne va in giro per le strade, seminando panico e raccogliendo reverenti omaggi. Siamo negli anni della dittatura militare, e la sparizione della statua getta nello scompiglio la polizia e la stampa.
12,90

Navigazione di cabotaggio. Appunti per un libro di memorie che non scriverò mai

di Jorge Amado

editore: Garzanti

pagine: 454

In questa "Navigazione di cabotaggio" Amado raccoglie i ricordi di una vita
12,90

Due storie del porto di Bahia

di Jorge Amado

editore: Garzanti

pagine: 312

"Le due storie del porto di Bahia" appartengono alla fase più matura della narrativa di Amado
9,90

Tocaia grande

di Jorge Amado

editore: Garzanti Libri

pagine: 498

In questo romanzo-ballata, Jorge Amado racconta una storia tanto strana che potrebbe essere vera. È la storia di una valle fertilissima, attraversata da un limpido fiume, ricca di fiori e frutti dal dolce profumo. Questa terra benedetta da Dio viene battezzata dagli uomini Tocaia Grande (Grande Imboscata) perché insanguinata dalle lotte di truci cacicchi che si contendono terra e potere. Gli abitanti che giungono via via a popolarla sono mercanti arabi e negri fuggiaschi, avventurieri e reduci, zingari e prostitute, immigrati europei e meticci senza terra. Manca solo una cosa, di cui gli abitanti non sentono affatto il bisogno: la Legge, lo Stato. Ma a questo pensano i "grandi": le multinazionali del cacao, i militari, i preti fanatici venuti da lontano. Tocaia Grande, conquistata con l'inganno e con la forza, perderà persino il suo nome insolito e sconveniente per quello pomposo di Irisópolis.
12,90

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Acconsento