Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Mariella Cerutti Marocco

La devozione e lo smarrimento

di Mariella Cerutti Marocco

editore: Mondadori

pagine: 81

La poesia di questo terzo libro di Mariella Cerutti Marocco è una poesia essenzialmente della memoria. E infatti l'acuta, eppure discreta, sensibilità lirica di questa poetessa si sviluppa soprattutto a partire dal riaffiorare di immagini ed episodi di un passato ineludibile, sempre attivo come dolente materia d'affetti nella coscienza di chi racconta. La parte centrale del libro, infatti, è un vero e proprio romanzo lirico per frammenti, condotto in terza persona, dove si impongono, come elementi e figure chiave, il tenue colore di un'infanzia tenera ma inquieta e la centralità, destinata a sfumare in un drammatico distacco, di un padre amatissimo. La devozione e lo smarrimento è dunque un'opera in cui si manifestano la fedeltà di un legame che il destino ha voluto precocemente sciogliere e il senso di desolazione e irrimediabile perdita che ne è conseguito. Ma il libro, nel suo insieme così compatto e organico, va ancora oltre, imponendosi sia per l'equilibrio della sua visione dell'esistere attenta ai battiti di un cuore sempre vigile sia per la sua indagine "meticolosa e oscura" della quotidianità, tra presente e passato remoto. Ma anche per l'improvviso riproporsi onirico di antichi percorsi di paura e piacere, o per quell'aura diffusa e sottilmente coinvolgente di una quieta malinconia enigmatica. Introduzione di mario Santagostini.
14,00

La verità del dubbio

di Mariella Cerutti Marocco

editore: Mondadori

pagine: 73

Dopo "Nuvole di nulla", Mariella Cerutti Marocco torna ai lettori con una nuova raccolta di versi più matura in cui ritornano
12,00

Nuvole di nulla

di Mariella Cerutti Marocco

editore: Mondadori

pagine: 83

"C'è una delicatezza avvolgente, nel versi di questo libro. Un tocco lirico leggero che sembra cercare pace, sembra chiedere appagamento alla calma, che è però una calma ambigua. Mariella Cerutti Marocco esordisce con una discrezione di accenti che è anche prova della necessità dei suoi versi, del loro bisogno d'esserci senza traccia d'enfasi. Si manifesta dunque con una semplice asciuttezza di pronuncia che è una persuasiva dimostrazione di stile e gusto, ma anche di verità di un sentimento dell'esistere che non chiede di esprimersi a voce alta." (dall'Introduzione di Maurizio Cucchi)
10,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento