Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Mario Almerighi

Il testimone. Memorie di un magistrato in prima linea

di Mario Almerighi

editore: La nave di teseo

pagine: 245

Mario Almerighi, giudice in prima linea nella lotta alla mafia e agli apparati corrotti dello stato, ripercorre quarant'anni d
17,00

La borsa di Calvi

di Almerighi Mario

editore: Chiarelettere

pagine: XXI-313

Nella borsa di Roberto Calvi c'è un tesoro
16,90

Tre Suicidi Eccellenti. Gardini, Cagliari, Castellari

di Almerighi Mario

editore: Editori riuniti internazionali

Siamo negli anni di tangentopoli
12,00

Mistero di Stato. La strana morte dell'ispettore Donatoni

di Mario Almerighi

editore: Aliberti

pagine: 219

Ottobre 1997
15,00

Petrolio e politica. Il padre di tutti gli scandali raccontato dal magistrato che lo scoprì

di Mario Almerighi

editore: Editori Riuniti

pagine: 430

Inverno 1973-74: dopo la guerra del Kippur e la chiusura del Canale di Suez, il mondo trema di fronte al pericolo che venga a mancare il petrolio. Case, ospedali, scuole, uffici, fabbriche, negozi rimangono senza riscaldamento; la bicicletta sostituisce l'automobile; alle dieci di sera c'è il black out nei locali pubblici. Ma chi gestisce la politica energetica del nostro paese? Il governo italiano oppure le multinazionali del petrolio? L'oro nero ha condizionato il parlamento e le leggi? Un giovane pretore apre il sipario del più grande scandalo della storia repubblicana: le multinazionali, l'azienda di Stato e altre compagnie petrolifere pagano tangenti ai partiti di governo in proporzione ai vantaggi derivanti da leggi e decreti. Il palazzo trema; ma una grande coperta, alla fine, ha messo tutto a tacere. In questo libro il pretore di allora racconta l'Italia che scoprì: politici corrotti, giornalisti compiacenti, pressioni su magistrati. Vent'anni prima di tangentopoli. Mario Almerighi entra in magistratura nel 1970. Pretore in Sardegna e poi a Genova, fa parte di quel gruppo di magistrati chiamati "pretori d'assalto". Nel 1976 è eletto al Consiglio superiore della magistratura. Poi giudice istruttore a Roma, si dedica al settore della criminalità organizzata internazionale. Nel 1988 fonda insieme a Giovanni Falcone una nuova corrente di magistrati. Nel 1988 è eletto presidente dell'Associazione nazionale magistrati ma si dimette dopo 48 ore. Attualmente è presidente di Sezione del Tribunale penale di Roma.
18,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.