Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Mario Costa

Ebraismo e arte contemporanea. Clement Greenberg, Arthur Danto, Isidore Isou, Abraham Moles

di Mario Costa

editore: Mimesis

pagine: 166

Lo sviluppo dell'arte occidentale è stato profondamente condizionato dalla nuova presenza, a partire dal XIX secolo, degli ebr
12,00

Dopo la tecnica. Dal chopper alle similcose. Seguito da: «Il sublime tecnologico» trent'anni dopo

di Mario Costa

editore: Liguori

pagine: 164

Se il mondo di Mallarmé era fatto per finire in un libro, il nostro, sostiene l'autore, è fatto per finire digitalizzato in un database. Il libro ripercorre la storia delle varie epoche della tecnica sottolineandone la discontinuità e la capacità di agire configurando, ogni volta in maniera diversa, l'organizzazione antropologica di chi da esse è abitato. Sulla base di questi presupposti, continua e argomenta l'autore, si può asserire che la tecnica, una volta connessa e dipendente dai bisogni e dall'azione dell'uomo, si è, nel corso del tempo, svincolata da ogni progetto umano rendendosi incondizionatamente autonoma, forzando l'uomo a vivere dentro di essa, ad appartenerle e a favorire il suo sviluppo. Solo una tale filosofia della tecnica sarà in grado, tra l'altro, di intravedere la verità che traspare dalle intuizioni, già da tanti altri avute, di un futuro ulteriore livello evolutivo del pianeta.
14,99

Della fotografia senza soggetto

Per una teoria dell'oggetto estetico tecnologico

di Costa Mario

editore: Costa & nolan

pagine: 104

Che cosa significa estetizzare un oggetto tecnologico? E poi, più ancora, che cosa significa estetizzare un oggetto neotecnolo
16,00

Didattica come sperimentazione progettuale sui nodi dell'identità urbana

Testo e contesto nella ricerca teorica

di Costa Mario E.

editore: Gangemi

pagine: 112

20,00

La disumanizzazione tecnologica

Il destino dell'arte nell'epoca delle nuove tecnologie

di Costa Mario

editore: Costa & nolan

pagine: 122

Il fine ultimo della tecnologia è quello di sostituire il mondo naturale con un mondo tutto proprio, interamente dominato dai
16,40

Dimenticare l'arte. Nuovi orientamenti nella teoria e nella sperimentazione estetica

di Mario Costa

editore: Franco Angeli

pagine: 152

In questo libro Mario Costa sottolinea l'attuale insostenibilità e inconsistenza teorica di tutta una serie di nozioni "forti" dell'estetica tradizionale, come quelle di "genio", "espressione", "stile", "bellezza", "idea". Al tempo stesso rileva l'esistenza, nel corpus dell'estetica del '900, di una molteplicità di errori logico-epistemologici. Il maggiore di questi errori, egli sostiene, consiste nel non aver saputo distinguere tra tre epoche radicalmente diverse della produzione artistica, quella "tecnica", quella "tecnologica" e quella "neo-tecnologica", e nel non aver saputo riconoscere che a ciascuna di queste tre epoche deve corrispondere un tipo di estetica profondamente differente dalle altre.
22,50

La città come testo

Un laboratorio progettuale per la città del Mediterraneo

di Costa Mario E.

editore: Gangemi

pagine: 152

Contraddizione e certezze sembrano essere ormai gli assiomi su cui si fonda la città contemporanea, perennemente oscillante tr
22,72

Internet e la globalizzazione estetica

di Mario Costa

editore: TempoLungo

pagine: 128

16,00

Complementi di restauro architettonico

editore: Celid

pagine: 226

Il libro delinea un profilo dell'evoluzione concettuale e disciplinare del restauro, nella molteplicità delle sue manifestazio
19,00

Dall'estetica dell'ornamento alla computer art

di Mario Costa

editore: TempoLungo

pagine: 208

16,00

L'estetica della comunicazione. Come il medium ha polverizzato il messaggio. Sull'uso estetico della simultaneità a distanza

di Mario Costa

editore: Castelvecchi

pagine: 192

La comunicazione, fin dagli albori dell'uomo, ha avuto delle precise finalità pratiche. Eppure, sostiene Mario Costa, non vi è mai stata una forma di comunicazione verbale o non verbale, priva di un suo sentimento estetico. Per esempio: il tono della voce e i gesti, le mille attenzioni che prestiamo non solo a "quello" che ci dicono ma a "come" ce lo dicono, sono la prova di un fortissimo sentimento estetico insito nel linguaggio. Ma è così anche per i linguaggi figurati, per la musica e il canto, per il vasto insieme di segni del linguaggio corporeo, ebbene, nella civiltà della pubblicità e dell'immagine, tali valori estetici generali sono diventati, per così dire, il fatto primario, ancor più del contenuto in sé e per sé.
10,00

Estetica dei media. Avanguardie e tecnologia

di Mario Costa

editore: Castelvecchi

pagine: 302

18,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.