Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Marzo magno alessandro

La splendida. Venezia 1499-1509

di Alessandro Marzo Magno

editore: Laterza

pagine: 280

Venezia è nel 1499 una grande potenza europea
20,00

Piave. Cronache di un fiume sacro

di Alessandro Marzo Magno

editore: Il Saggiatore

pagine: 261

Non mormora più, il Piave
22,00

Missione grande bellezza. Gli eroi e le eroine che salvarono i capolavori italiani saccheggiati da Napoleone e da Hitler

di Alessandro Marzo Magno

editore: Garzanti Libri

pagine: 307

L'Italia è un enorme museo a cielo aperto: nelle sue città, fra le sue colline, lungo le sue spettacolari coste sono nati alcu
20,00

Il leone di Lissa. Viaggio in Dalmazia

di Alessandro Marzo Magno

editore: Il Saggiatore

pagine: 220

Due guerre mondiali, il fascismo, il comunismo, la dissoluzione della Jugoslavia: nel XX secolo gli eventi politici hanno reso l'Adriatico un mare sempre più largo, e l'incomprensione tra le due sponde sempre più profonda. Sebbene invasa dal turismo di massa, la costa della Dalmazia è oggi una terra estranea al nostro immaginario, semisconosciuta come lo era ai tempi dell'abate illuminista Alberto Fortis, che nel 1774 raccolse le memorie dei suoi molti viaggi nei "domini da mar" della Serenissima, a quei tempi dimenticati e abbandonati a se stessi. Ne nacque Viaggio in Dalmazia, che fece conoscere la terra, la lingua e le popolazioni dalmate in Italia e in tutta Europa. Più di duecento anni dopo, Alessandro Marzo Magno ripercorre lo stesso itinerario attraverso le molte isole che punteggiano la costa, scoprendo un mondo sospeso tra un passato multietnico che non esiste più e le tracce di un nazionalismo che brucia ancora, dove la modernità si mescola a tradizioni che paiono immutate dai tempi dell'abate Fortis. A Morter l'autore incontra le donne che lavorano i fusti delle ginestre per fabbricare scarpe; a Lissa va sul luogo in cui sorgeva il leone di pietra in ricordo dei caduti asburgici nell'omonima battaglia; a Zara scopre le vestigia miracolosamente intatte dell'antica città, tante volte distrutta da assalti e bombardamenti, e altrettante volte ricostruita. A Spalato parla con un discendente di Niccolò Tommaseo... Prefazione di Paolo Rumiz.
18,00

Con stile. Come l'Italia ha vestito (e svestito) il mondo

di Marzo Magno Alessandro

editore: Garzanti Libri

pagine: 195

L'Italia è oggi, in tutto il mondo, sinonimo di eccellenza, qualità, fascino
18,00

Il genio del gusto. Come il mangiare italiano ha conquistato il mondo

di Marzo Magno Alessandro

editore: Garzanti Libri

pagine: 412

Il cibo italiano per eccellenza? La pizza, verrebbe da dire, oppure la pasta
24,00

L'invenzione dei soldi. Quando la finanza parlava italiano

di Alessandro Marzo Magno

editore: Garzanti Libri

pagine: 280

"L'invenzione dei soldi" ci racconta in maniera approfondita e divertente, con tanti aneddoti e curiosità, la storia di un'Italia all'avanguardia nel momento in cui per la prima volta la moneta si trasforma in merce e il mercante può così diventare banchiere. È infatti proprio tra Genova, la Toscana (Lucca, Siena, Firenze) e Venezia dopo il Mille che nascono le prime società multinazionali ed è da qui che i mercanti partono per costruire colonie commerciali in tutto il Mediterraneo. È in Italia che nascono le banche e le società di assicurazione, che vengono inventati gli assegni e le prime obbligazioni e qui, di conseguenza, avvengono anche i primi reati finanziari, dai rocamboleschi furti con scasso ai danni dei forzieri di prestigiose banche fino alla creazione di vere e proprie zecche clandestine per falsificare monete. È la moneta italiana, con il genovino, il fiorino e il ducato, a dominare per secoli i commerci di tutto il mondo grazie alla fiducia che riscuote e al suo pregio artistico. "L'invenzione dei soldi" è inoltre un viaggio ricco di personaggi geniali e intraprendenti, capaci di incidere profondamente nella storia moderna, da Fibonacci, che per primo introduce in Occidente lo zero, a Luca Pacioli, che diffonde gli strumenti della contabilità utilizzati ancora ai nostri giorni, fino a John Law, lo scozzese che dà vita alla prima bolla finanziaria della storia, quella della Compagnia del Mississippi, e che finisce la sua vita a Venezia.
14,00

L'invenzione dei soldi

Quando la finanza parlava italiano

di Marzo Magno Alessandro

editore: Garzanti Libri

pagine: 280

L'invenzione dei soldi ci racconta in maniera approfondita e divertente, con tanti aneddoti e curiosità, la storia di un'Itali
22,00

L'alba dei libri. Quando Venezia ha fatto leggere il mondo

di Alessandro Marzo Magno

editore: Garzanti

pagine: 209

Dov'è stato pubblicato il primo Corano in arabo? Il primo Talmud? Il primo libro in armeno, in greco o in cirillico bosniaco?
22,00

Piave

Cronache di un fiume sacro

di Marzo Magno Alessandro

editore: Il Saggiatore Tascabili

pagine: 272

Non mormora più, il Piave
12,00

Atene 1687. Venezia, i turchi e la distruzione del Partenone

di Alessandro Marzo Magno

editore: Il Saggiatore

pagine: 199

In una calda sera di settembre, un buon mese per terrorizzare i nemici, una bomba fa saltare in aria una polveriera turca. L'esplosione è immane, blocchi di pietra scaraventati a grande distanza, trecento morti, l'incendio che dura per giorni. I mortai della coalizione cristiana guidata dal veneziano Francesco Morosini colpiscono il simbolo più insigne dell'antichità classica: il Partenone, giunto quasi intatto dai tempi di Pericle a quelli del re Sole. Dopo il 26 settembre 1687 il tempio, ridotto a un cumulo di macerie pronte per il saccheggio, diventerà la camera del tesoro con cui Lord Elgin farà risplendere il British Museum. I cristiani avevano bisogno di una conquista simbolica per dimostrare agli islamici chi fosse il padrone del mondo. Viene scelta Atene, ormai da un paio di secoli in mano turca. Quattro anni prima gli ottomani erano stati respinti alle porte di Vienna, ora sono in ritirata lungo le pianure danubiane, incalzati dagli Asburgo, e le truppe della Serenissima si stanno appropriando di un pezzo di Grecia. Ma piantare il leone di San Marco in cima all'Acropoli in realtà serve a poco: i cristiani saranno costretti ad andarsene sei mesi più tardi, lasciando per un altro secolo e mezzo in mano islamica la città più celebre dell'antichità classica. Con Atene 1687 Alessandro Marzo Magno ripercorre le fasi dell'assedio di Atene, tratteggia i volti dei protagonisti e il loro stupore davanti al tempio distrutto.
14,00

Piave. Cronache di un fiume sacro

di Alessandro Marzo Magno

editore: Il Saggiatore

pagine: 261

Non mormora più, il Piave
16,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.