Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Neri Pozza

Frammenti di un discorso interrotto

di Neri Pozza

editore: Neri Pozza

pagine: 157

Nel 1982, un anno dopo la morte di Lea Quaretti, Neri Pozza compone questo racconto che, muovendo dagli ultimi istanti di vita
12,50

Diario 1963-1971

di Neri Pozza

editore: Ronzani editore

pagine: 158

Pubblicato a trent'anni dalla morte di Neri Pozza (1912-1988), questo "Diario 1963-1971" è un documento di eccezionale importa
16,00

Vita da editore

di Neri Pozza

editore: Neri Pozza

pagine: 311

«Lei non vorrà dirmi che io sono un editore, sic et simpliciter, che prende un autore e lo stampa. Io sono uno sfruttatore degli autori, nel senso morale, accanitissimo». Così scriveva Neri Pozza in una lettera a Eugenio Ferdinando Palmieri che gli aveva spedito una sua raccolta di poesie. E non vi è forse definizione migliore di questa - «uno sfruttatore degli autori, nel senso morale, accanitissimo» - per dare ragione della complessa e affascinante figura di Neri Pozza editore. Colui che nel 1946 fondò a Venezia la casa editrice che porta tuttora il suo nome, lo scopritore di Goffredo Parise che ebbe modo di riunire attorno alla sua creatura i maggiori scrittori, poeti e saggisti del suo tempo (da Gadda a Buzzati, da Montale a Bontempelli, da Diano a Bettini), era un editore particolare che... "cercava di sfruttare in senso morale" i suoi autori. Pozza chiarì il senso di questa sua definizione in un'altra lettera - indirizzata a Primo Mazzolari, il prete partigiano - in cui scrisse: «L'autore deve temere solo di uscire dalla verità». Il carattere morale del lavoro editoriale era, infatti, ai suoi occhi nient'altro che questo: evitare che un autore esca dalla verità, e tradisca in tal modo l'onestà, la sincerità, la «necessità della sua stessa storia di scrittore». Per tener fede a questa idea, Pozza, come dimostra questa raccolta di scritti che riassume esemplarmente la sua attività di editore, non esitò a entrare in competizione coi suoi autori, a rimproverare, stimolare, emendare, suggerire «da artista ad artista», come osò scrivere a Dino Buzzati, mentre l'autore del "Deserto dei Tartari" componeva per la casa editrice "In quel preciso momento". Divisa in tre sezioni, questa raccolta offre una ricognizione critica delle principali collane create da Pozza; mostra una galleria di venticinque ritratti, o storie di autori e collaboratori, con i quali Pozza intrattenne rapporti di lavoro e di amicizia: dall'ebreo Jacchia, suo primo modello di editore, a Antonio Barolini, suo primo autore; da Vittore Gualandi, il suo tipografo preferito, a scrittori e poeti come Bontempelli, Alvaro, Buzzati e Parise, passando per saggisti quali Camerino, Izzo, Magagnato e Baratto; e presenta, infine, un'antologia di lettere in cui compaiono più esplicitamente le idee e i gusti letterari di uno dei maggiori protagonisti della cultura del Novecento.
17,50

Tiziano

di Pozza Neri

editore: Colla Editore

pagine: 340

Di Tiziano si sapeva già tutto o quasi tutto
18,50

L'educazione cattolica

di Neri Pozza

editore: Colla Editore

pagine: 255

In bilico tra romanzo e memoria autobiografica, "L'educazione cattolica" racconta le fasi di un apprendistato fallimentare destinato però a rivelarsi propiziatorio. Già espulso dalla scuola poco più che decenne, il giovane Salvatore viene iniziato ai misteri gaudiosi e soprattutto dolorosi di un'educazione cattolica che ha come teatro una società provinciale chiusa e reticente il cui clericalismo tradizionale ha stretto un patto di non belligeranza con il nazionalismo fascista. Restio ad adeguarsi a un sistema che mortifica le esigenze della sua fantasia, Salvatore diventa oggetto delle ambizioni redentrici di zia Lieta, posseduta da una fede religiosa che sconfina nel fanatismo. Altri personaggi si contendono l'anima e l'affetto del protagonista: il padre Ugo, ateo; il nonno Giovanni, agnostico; lo scultore francese Martin, protestante. Barcamenandosi tra di essi, Salvatore riesce a compiere esperienze decisive nello studio del padre scultore e nelle botteghe degli artigiani vicentini, per lo più socialisti - esperienze che gli indicheranno infine qual è la strada da seguire. Il volume include "L'ultimo della classe", la cui prima edizione risale al 1986. Le due narrazioni formano infatti un unico libro che abbraccia il periodo 1916-1934. Per questa ragione l'inedita "Educazione cattolica" è preceduta qui da "L'ultimo della classe", che si ripubblica in una nuova versione integrata da copiosi supplementi ed emendamenti di pugno dell'autore. Con una nota di Giulia Basso.
16,50

Opere (1975-1988)

di Neri Pozza

editore: Neri pozza editore

pagine: 2700

Neri pozza nasce a vicenza il 5 agosto 1912 da ugo pozza, scultore antifascista (1882-1945), e da redenta volpe (1887-1950) ch
75,00

Saranno idee d'arte e di poesia

di Neri Pozza

editore: Neri Pozza

pagine: 302

Neri Pozza aveva rapporti epistolari con i più grandi intellettuali del suo tempo, a cominciare da Benedetto Croce fino a Cesare Pavese, passando per Giuseppe Prezzolini, Emilio Cecchi, Massimo Bontempelli, Mario Luzi, Camillo Sbarbaro, Concetto Marchesi, Elemire Zolla e Amedeo Maiuri. Per festeggiare i sessant'anni della sua fondazione, la casa editrice Neri Pozza pubblica il carteggio completo del suo fondatore.
14,50

Cento Vedute Di Vicenza

di Neri Pozza

editore: Angelo colla editore

35,00

Anni Ideali (gli)

di Pozza Neri

editore: Neri pozza editore

Il libro narra gli anni degli ideali, cioe` gli anni dell`adolescenza e della prima giovinezza, nel corso dei quali amici, esp
15,49

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.