Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Libri di Riccardo Barenghi

Jena. Otto anni di agguati della belva più feroce del giornalismo italiano

di Riccardo Barenghi

editore: Fazi

pagine: 213

Con cadenza quasi giornaliera, prima sulle pagine del "manifesto" e poi sulla "Stampa", Riccardo Barenghi, meglio conosciuto come "jena", commenta in micidiali e caustici corsivi gli avvenimenti del giorno. Nulla sfugge alla sua penna, che non risparmia nessuno e irride al pensiero unico: paladino del pluralismo dell'informazione, con amarissima e crudele ironia Barenghi castiga politici di destra e di sinistra, governanti di tutto il mondo, uomini d'affari, eminenze grigie. Le sue provocazioni, raccolte per la prima volta in questo libro, suscitano rabbia, frustrazione, indignazione, amarezza, spesso il riso, e forniscono un fulminante quadro del presente. Un mondo che non sa o non vuole imparare dai propri errori, i cui protagonisti sono nani e ballerine, mistificatori, sostenitori dell'intolleranza e dell'arroganza. Uno spaccato puntuale della nostra storia, uno specchio deformante che ci rimanda però un'immagine più lucida e veritiera dei nostri vizi e delle nostre, pochissime, virtù.
16,00

Eutanasia della sinistra

di Riccardo Barenghi

editore: Fazi

pagine: 131

La sinistra italiana è morta per sempre? E quando si è celebrato il suo funerale, il 14 aprile 2008, o due anni prima, quando in teoria aveva vinto le elezioni? O magari molti anni (e governi) fa? Una morte lenta e quasi voluta un'eutanasia appunto - o invece una violenta implosione che l'ha frammentata in partiti e fazioni, dividendo e scoraggiando irrimediabilmente i suoi elettori? Riccardo Barenghi spiega le ragioni della terribile débàcle che ha travolto PD e Sinistra Arcobaleno; per farlo, va a indagare gli errori, storici e recenti, di questa parte politica: la perdita di ideali, la mancanza di nuove idee, le tante scissioni, la debolezza delle leadership. Nella sua spietata analisi, arricchita da retroscena inediti, Barenghi individua le diverse cause del fallimento del centrosinistra: le incapacità di Prodi, le mire di D'Alema, le velleità di Veltroni, le ambizioni di Bertinotti... Tutta la sinistra quindi, quella moderata e quella radicale, è stata ugualmente incapace di capire quel che stava succedendo nel paese e di offrire un'alternativa efficace alla nuova ondata del berlusconismo. Ma cosa succederà d'ora in poi? Ci vorrebbe un'idea forte, capace di rimotivare quei milioni di persone ormai rassegnate alla sconfitta. Riusciranno a trovarla gli attuali leader del Partito Democratico e di quel che resta della sinistra, oppure bisognerà aspettare che un'altra generazione esca finalmente allo scoperto?
14,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.