Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Tracy Rees

Casa Silvermoor

di Tracy Rees

editore: Neri Pozza

pagine: 416

Yorkshire, estate 1897
19,00

Florence Grace

di Tracy Rees

editore: Beat

pagine: 459

Cornovaglia, metà Ottocento
11,00

Amy Snow

di Tracy Rees

editore: Beat

pagine: 453

Hertfordshire, 1848
9,90

Florence Grace

di Tracy Rees

editore: Neri Pozza

pagine: 459

Cornovaglia, metà Ottocento
18,00

Amy Snow

di Tracy Rees

editore: Neri Pozza

pagine: 453

Hertfordshire, 1848. La brina ricopre i campi e le strade quando Amy Snow, la mantella stretta per difendersi dal gelo, si allontana da Hatville Court, la casa in cui ha vissuto per ben diciassette anni. L'unica persona che lei abbia mai amato, Aurelia Vennaway, figlia unica di Lord Charles e Lady Celestina Vennaway, una delle famiglie più in vista della contea, giace sotto sei piedi di terra in un angolo silenzioso del camposanto. E a Amy non resta che svanire come un'orma che si discioglie nella brina. Era stata proprio Aurelia a trovarla, diciassette anni prima, in una tersa mattina di gennaio in cui l'aria era tagliente come vetro. L'aveva vista agitarsi nella neve, minuscola neonata con la pelle fredda come gelatina di fragole, piccolo essere glabro e azzurrino abbandonato ai margini di una foresta inospitale. L'aveva battezzata Snow, perché era piena di neve, e Amy, perché era il nome della sua bambola preferita. E l'aveva portata con sé, a Hatville Court, la dimora dei suoi da tempo immemorabile. Erano cresciute insieme, Aurelia e Amy, come due sorelle inseparabili. Perché così si consideravano, loro. Ma a Hatville Court, e nell'intero villaggio, Amy poteva essere, a seconda dei giorni, degli umori della servitù e dei pregiudizi dei Vennaway, una giovinetta rispettabile o una vagabonda, una sorella o una sguattera. E ora, con la scomparsa di Aurelia, non può più restare nella grande dimora dei Vennaway, divenuta un luogo ostile e inospitale...
18,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.