Il tuo browser non supporta JavaScript!

Liguori: Studi sull'educazione

La didattica semplessa

di Maurizio Sibilio

editore: Liguori

pagine: 282

Il volume si offre alla comunità didattica e pedagogica come la proposta di una possibile applicazione del concetto di semplessità, elaborata dal fisiologo francese Alain Berthoz (2011), al discorso sulla formazione e sull'educazione. La semplessità si fonda sull'assunto che le soluzioni elaborate dagli organismi viventi per decifrare e fronteggiare la complessità possano essere considerate valide ed applicabili all'intera classe dei sistemi complessi adattivi. Per tale ragione, l'analogia tra sistema didattico e sistema vivente, come istanze di una singola classe di sistemi, sollecita la riflessione sulla possibile estensione al sistema didattico delle proprietà e dei principi attribuiti agli organismi viventi da Alain Berthoz, attraverso un gioco di risonanze cognitive che richiedono una scelta deliberata di senso e di interpretazione. In questa prospettiva, che supera i confini epistemici delle singole discipline, la descrizione dell'esperienza di ricerca riporta ad una riflessione più ampia sulla formazione e sui meccanismi "incarnati" e "situati" dell'agire didattico, la cui consapevolezza aiuta ad orientare il processo formativo verso finalità educative. Prefazione di Alain Berthoz.
27,49

Teatro e parateatro come pratiche educative. Verso una pedagogia delle arti. Atti della conferenza internazionale

editore: Liguori

pagine: 176

Il testo raccoglie gli Atti della Conferenza Internazionale "Teatro Parateatro Arti e Cultura Attiva, Tra ricerca della conoscenza e pratiche pedagogiche" promossa e organizzata dall'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli nell'ottobre del 2011, in occasione del decimo anno di presenza e di attività teatrale e parateatrale condotta da Ewa Benesz con gli studenti del Corso di Laurea in Scienze dell'Educazione. Collegare I diversi piani della ricerca artistica e teatrale con la riflessione e la pratica pedagogica è stato l'obiettivo della conferenza ed è quindi il focus attorno al quale ruotano i diversi contributi, animando l'incontro e il dialogo all'interno di una comunità che si riconosce in una matrice fenomenologica che fa dell' estetica la dimensione dell'agire e dell'essere attraverso cui tendere alla conoscenza e alla conoscenza di sé. La ricerca teatrale di Jerzy Grotowski con il teatro povero, il parateatro e il teatro delle sorgenti in Polonia, e con il dramma oggettivo e l'Arte come veicolo in America e in Italia - è punto di riferimento che fa dei linguaggi artistici e della loro dimensione e ricerca poetica un territorio privilegiato per quanti riflettono e sperimentano la praticabilità di nuovi paradigmi nell'ambito della pedagogia attiva.
16,99

Prospettive sulla «buona educazione» per un modello a-venire

di Stefano Oliverio

editore: Liguori

pagine: 208

Il volume s'interroga su che cosa debba caratterizzare l'educazione perché sia all'altezza delle sfide, ma anche delle possibilità di umana realizzazione proprie della civiltà moderna, segnata dall'affermarsi della scienza. Di fronte alla minaccia di irrilevanza del pensiero e al profilo, che sempre più si delinea, di una società 'spensierata', le prospettive della 'buona educazione' sembrano affidate - oggi più che mai - all'alleanza di pedagogia della scienza e di pedagogia socratica. Queste convergono nell'idea di educazione al pensiero complesso (ossia critico, creativo e caring) attraverso l'indagine filosofica, secondo il modello messo a punto da Matthew Lipman, nella scia di John Dewey. Solo grazie a tale alleanza si potranno educare generazioni impegnate nel realizzare "l'autentico moderno" che è ancora a-venire.
19,99

Apprendimento e formazione nella vita quotidiana. Sull'identità del professionista dell'educazione

di Claudio Melacarne

editore: Liguori

pagine: 170

Il volume pone l'attenzione sulle tematiche connesse ai processi di apprendimento nella vita quotidiana focalizzandosi in particolare sui dispositivi educativi che possono supportare le esigenze di crescita e di emancipazione personali e sociali. Una delle tesi centrali attorno alla quale ruota l'impianto argomentativo del volume è rintracciabile nella convinzione che le persone e le comunità possano essere aiutate a dirigere il proprio processo formativo se vengono sostenute nella rielaborazlone critica della propria esperienza e nella valorizzazione dei saperi prodotti nei diversi contesti del vivere quotidiano. Questo viene a configurarsi come esperienza di produzione di sapere ma anche di guadagno inconsapevole di rappresentazioni, strategie di azione, sistemi di significato che possono limitare l'acquisizione di prospettive interpretative più aperte alla diversità, al cambiamento, alla complessità dei tempi contemporanei. L'esperienza quotidiana con il tempo può esaurire il suo potere trasformativo e generativo di conoscenza. Muovendo da questa preliminare analisi e recuperando una pluralità di studi e di ricerche nazionali e internazionali, il volume si articola in quattro capitoli all'interno dei quali vengono affrontate rispettivamente le seguenti questioni: la natura dell'apprendimento nella vita quotidiana, i dispositivi riflessivi adottati per favorire lo sviluppo personale e delle comunità, l'identità delle professioni educative, le metodologie.
15,99
32,99
21,99

La formazione del soggetto per lo sviluppo organizzativo. Modelli pedagogici e strategie di intervento

editore: Liguori

pagine: 288

Lo sviluppo professionale e delle organizzazioni è strettamente connesso allo sviluppo umano dei soggetti: questo è l'assunto
24,99
18,49

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.