Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Mimesis: Saggi letterari

Religione e umorismo nella vita e nell'opera di Franz Kafka

di Felix Weltsch

editore: Mimesis

pagine: 112

Questo resoconto, rimasto finora inedito in Italia, rappresenta "l'anello mancante" nell'infinita e complessa serie di contrib
12,00

L'altra voce. Poesia e fine del secolo

di Octavio Paz

editore: Mimesis

pagine: 126

In L'altra voce
12,00

Octavio Paz nel suo secolo

di Christopher Domínguez Michael

editore: Mimesis

pagine: 474

Leggendo la biografia di Octavio Paz scritta da Christopher Domínguez Michael si può, forse per la prima volta, misurare in tu
30,00

L'età dell'impazienza. Saggi, articoli, interviste (1925-1980)

di Alejo Carpentier

editore: Mimesis

pagine: 336

Per la prima volta si presenta al pubblico italiano una scelta di saggi, articoli e interviste che rivelano l'intero sviluppo
26,00

Le trasformazioni dell'uomo

di Lewis Mumford

editore: Mimesis

pagine: 250

Le trasformazioni dell'uomo di Lewis Mumford, pubblicato nel 1956 e qui per la prima volta tradotto in italiano, occupa un pos
18,00

La vita nuda

editore: Mimesis

pagine: 124

Israele, marzo 1989
12,00

I misteri del romanzo. Da Kundera a Rabelais

di Lakis Proguidis

editore: Mimesis

pagine: 450

Rabelais è il padre fondatore dell'arte del romanzo
28,00

Critica e finzione

di Riccardo Piglia

editore: Mimesis

pagine: 207

Questo libro è un trattato di poetica in forma di conversazioni, una mappa della realtà e della letteratura proposta da uno de
18,00

Le vite del romanzo

di Thomas G. Pavel

editore: Mimesis

pagine: 420

"Le vite del romanzo. Una storia" di Thomas G. Pavel, studioso fra i più affermati nel panorama internazionale degli studi letterari, esce finalmente anche in Italia. Si tratta di una versione aggiornata e arricchita di un libro, "La Pensée du roman", che in Francia, ormai più di dieci anni fa, rappresentò un vero evento critico letterario e che negli Stati Uniti dal 2013, quando è uscita l'edizione inglese, ha ricevuto molti riconoscimenti prestigiosi: vincitore del premio dell'International Society for the Study of Narrative nel 2013 e del Barbara Perkins and George Perkins Prize nel 2015. Secondo moltissimi studiosi di ieri e di oggi, romanzi come "Le Etiopiche", "Amadigi di Gaula" o "L'Astrea", legati meno ai dettagli empirici della condizione umana e più agli ideali che questa persegue, rappresenterebbero uno stato imperfetto del romanzo, felicemente corretto e rivisto dal realismo del Settecento e dell'Ottocento. Pavel, invece, in questo libro, constatando il persistere dell'idealismo nel corso dell'intera storia del romanzo - una storia che inizia molto prima di Defoe, ma anche di Cervantes e Rabelais mostra, attraverso una straordinaria vastità di esempi, che il motore di tale storia è "il dialogo secolare tra la rappresentazione idealizzata dell'esistenza umana e quella della difficoltà di misurarsi con questo ideale".
28,00

L'ultimo pomeriggio di Agnes. Saggio sull'opera di Milan Kundera

di Ricard François

editore: Mimesis

pagine: 131

Agnes è la protagonista de "L'immortalità"
14,00

L'impero del bene

di Philippe Muray

editore: Mimesis

pagine: 104

"Ci troviamo oggi in una situazione che ricorda - ma è mille volte peggio, è mille volte più inquietante - quella del seicento
12,00

Il secondo Calvino. Un discorso sul metodo

di Domenico Calcaterra

editore: Mimesis

pagine: 180

Il saggio approfondisce le ragioni di quello che si è voluto battezzare il "secondo Calvino": dalla rivoluzione immaginativa delle storie cosmicomiche ai raccontini palomariani; passando per le opere di stampo più combinatorio degli anni Settanta (Le città invisibili, Il castello dei destini incrociati, Se una notte d'inverno un viaggiatore). Quel Calvino convinto assertore di una letteratura cosmica, entro una visione meno angusta, per forza di cose sovrastorica e antiantropocentrica, della realtà. L'auspicato ritorno a una filosofia della natura, favorita dal virtuoso incontro con la scienza. Così, oltre al Calvino di un solo romanzo, l'esordio del "Sentiero dei nidi di ragno" (1947), oltre all'autore dalla levità e dall'estro ariosteschi della trilogia dei "Nostri antenati" (1960), oltre al Calvino letto sui libri di scuola delle peregrinazioni in città di "Marcovaldo" (1963), esiste un secondo Calvino appunto, frettolosamente rubricato come combinatorio e postmoderno, e che è invece scrittore, profondo, della natura e della memoria. Prefazione di Alessandro Zaccuri.
16,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.