Il tuo browser non supporta JavaScript!

Rosenberg & sellier: La storia & le storie

Il movimento nella rete. Storia e struttura del Movimento 5 Stelle

editore: Rosenberg & sellier

pagine: 362

Il ventennale bipolarismo della Seconda Repubblica ha consolidato nell'opinione pubblica l'immagine di una politica gestita da
19,00

Il principio possibilità. Masse, potere e metamorfosi nell'opera di Elias Canetti

di Leonard Mazzone

editore: Rosenberg & sellier

pagine: 271

Elias Canetti dedicò più di tre decenni della sua biografia intellettuale all'impresa di decifrare l'enigma della massa, la mo
18,00

Teologia del «Miserere». Da Savonarola al «Beneficio di Cristo» 1492-1543

di Luigi Lazzerini

editore: Rosenberg & sellier

pagine: 188

Una interpretazione originale di un'epoca ricca di controversie come il Rinascimento. Questa la proposta dell'autore grazie alle possibilità offerte dalle rete che gli hanno permesso di mettersi in modo nuovo ai servizio di antiche domande. Una lettura "elettronica" di testi noti, e di altri riscoperti, fa emergere un Savonarola teologo, oltre che profeta e politico, che ispirandosi a Paolo e Agostino si oppone, in nome della interiorità e della grazia, alla religione delle opere e agli sfarzosi quanto vuoti rituali della vita religiosa fiorentina quattrocentesca. Un Savonarola che gioca un ruolo decisivo nella genesi della Riforma e di quell'Evangelismo italiano di cui il "Beneficio di Cristo" è il testo più rappresentativo. Sullo sfondo si muovono le grandi figure della civiltà rinascimentale, da Machiavelli a Michelangelo, da Piero di Cosimo a Raffaello, da Giovanni Pico e suo nipote Gianfrancesco a Guicciardini, da Erasmo a Valdés a Lutero, conventi e comunità di laici sparsi in tutta Italia, uomini di corte e grandi prelati, tutti in misura minore o maggiore legati all'insegnamento del frate e alla sua teologia del "Miserere".
22,00

Religioni e secolarizzazioni. Ebraismo, Cristianesimo e Islam nel mondo globale

di Marta Margotti

editore: Rosenberg & sellier

pagine: 160

La cronaca propone sempre più spesso occasioni per riflettere sul rapporto tra religioni e politica: dall'educazione familiare ai simboli religiosi nei luoghi pubblici, dai cambiamenti di regime alle intromissioni delle credenze morali nell'elaborazione delle leggi. Di fronte alle tensioni attuali è opportuno conoscere le origini di questo rapporto contrastato: misurare quale impatto abbiano avuto i conflitti tra sacro e secolare sulla scuola, sul matrimonio, sulla scienza o sulla organizzazione delle società aiuta a comprendere come le fedi abbiano contribuito a forgiare il mondo globalizzato. La ricca dialettica tra fenomeni religiosi e processi di secolarizzazione è frutto di percorsi che nell'ebraismo, nel cristianesimo e nell'islam hanno seguito traiettorie diverse, ma che si sono tra loro continuamente incrociati. Uno sguardo plurale, che riflette su fedi e forme differenti dell'attuale pensiero laico e, allo stesso tempo, coglie le loro influenze reciproche lungo i secoli.
17,50

I teatri storici della provincia di Torino

editore: Rosenberg & sellier

pagine: XXIII-150

La sera dell'11 gennaio 1821 Carlotta Marchionni della Compagnia Reale Sarda recita sul palcoscenico del torinese teatro d'Ang
32,00

I motori della memoria. Le piemontesi in Argentina

di Maddalena Tirabassi

editore: Rosenberg & sellier

pagine: 227

Le donne delle associazioni italiane in Argentina hanno chiesto di raccontare e rendere pubblica la loro storia. Il motore della memoria si può riaccendere nei momenti di crisi politica o economica del paese in cui si vive anche da molte generazioni. Si vanno allora a recuperare le identità latenti, rimaste come nascoste nelle pieghe dei racconti dell'infanzia. Così la memoria non è più nostalgia ma elemento da cui trarre forza. Che cosa resta delle tante generazioni di emigrati che in un secolo e mezzo di storia italiana hanno compiuto la traversata transoceanica per recarsi in Argentina? Chi sono, dove sono, cosa fanno oggi le donne di discendenza piemontese che vivono in Argentina? Che rapporti hanno mantenuto con il paese di origine? Come si trasmette la memoria delle origini attraverso le generazioni e che cosa influenza i legami con il paese di provenienza degli avi? Più di mille donne hanno risposto alle domande dei ricercatori, oltre cinquanta si sono fatte intervistare. Ecco la memoria diretta, o tramandata di generazione in generazione, del viaggio e delle prime impressioni sulla nuova terra; poi l'inserimento e la negoziazione tra cultura d'origine e quella del nuovo paese fino all'elaborazione dì nuove identità.
20,00
30,00

Racconti dal mondo. Narrazioni, memorie e saggi delle migrazioni. Premio «Pietro Conti». Settima edizione

editore: Rosenberg & sellier

pagine: 221

Questo libro, che riunisce autori differenti per età e per esperienza fra cui dei giovanissimi, è il risultato di un concorso
20,00

Sogno di Europa

di Passerini Luisa

editore: Rosenberg & sellier

pagine: 120

12,00

Dalla parte dei diritti. Settanta anni di lotta

di Alberto Tridente

editore: Rosenberg & sellier

pagine: 357

Non è solo una biografia: è il Novecento stesso a essere raccontato attraverso la passione umana e politica di un uomo, infaticabile e testardo interprete del proprio tempo. Alberto Tridente, operaio e sindacalista torinese nato in una numerosa famiglia di immigrati a Venaria, racconta la sua formazione morale e intellettuale intrecciando emozioni e vicende sue proprie con i grandi eventi della storia. Nella fatica e nella ripetitività del lavoro in fabbrica, iniziato a 13 anni, e nelle dure lotte sociali degli anni Cinquanta alle Ferriere si forgia e cresce uno dei protagonisti della riscossa operaia unitaria che in pochi anni cambierà la faccia dell'Italia, Comunista mai, democratico sempre, aperto a ogni unità, sindacale o politica, che rispondesse agli interessi e ai valori di donne e uomini esclusi dalle decisioni. Impegnato a dare piena cittadinanza al popolo dei lavoratori e a lanciare ponti fra i due lati dell'Oceano Atlantico, Alberto Tridente è testimone di una classe dirigente rara, che si metteva a fianco di chi possiede solo la sua dignità più che al seguito dei potenti. Lo slancio di quegli anni ci fa rivedere un modo di vivere la politica al servizio della collettività, dimentico del tornaconto personale, che appare lontano dalle cronache contemporanee ma che non può limitarsi per il lettore a essere un esercizio di nostalgia. Presentazione di Gian Giacomo Migone.
25,50

Governare l'emigrazione. I lavoratori italiani verso la Germania nel secondo dopoguerra

di Morandi Elia

editore: Rosenberg & sellier

pagine: 249

Negli anni del boom economico l'emigrazione della penisola è ancora così forte che alcuni paesi tendono letteralmente a svuota
27,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.