Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Gian Alberto Dell'Acqua. Ricordi di una lunga vita

Gian Alberto Dell'Acqua. Ricordi di una lunga vita
titolo Gian Alberto Dell'Acqua. Ricordi di una lunga vita
Argomento Letteratura e Arte Arte
Collana BIBLIOTECA D`ARTE SKIRA
Editore Skira
Formato
libro Libro
Pagine 232
Pubblicazione 2023
ISBN 9788857246000
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
25,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
L'arte fu il filo conduttore della vita di Gian Alberto Dell'Acqua, suo costante impegno professionale ma anche piacere e interesse personale Il "gentiluomo delle arti figurative": questo era Gian Alberto Dell'Acqua per Paolo Grassi, che riassumeva in questa definizione alcuni degli aspetti salienti della sua personalità. La signorilità dei modi, la grande correttezza, la dedizione al lavoro inteso come servizio, la capacità di ascolto e di mediazione, sono tratti ben chiari nel ricordo di chi l'ha conosciuto. E anche il racconto della sua vita lunga e operosa, che Dell'Acqua aveva pensato di riservare ai suoi familiari ma che ora si aggiunge alle testimonianze con cui Brera ha voluto rendere omaggio ai suoi più grandi soprintendenti, conferma quelle doti che ne hanno resa indimenticabile la memoria. Dalla formazione alle esperienze della Biennale, dai viaggi alla ricchissima biblioteca dedicata alla passione per la filosofia, Dell'Acqua racconta la propria vita e analizza gli interventi più importanti fatti come soprintendente: le acquisizioni, che arricchirono la pinacoteca di opere specialmente lombarde - da Giovanni da Milano, al Cairo, al Cerano, al Procaccini - nonché lo straordinario acquisto dei Tarocchi di Bonifacio Bembo; e poi i tanti restauri condotti con il "mago" Pellicioli e con i molti restauratori di fiducia, da Ottemi della Rotta, a Mario Rossi, a Guido Fiume, incontrato - giovane partigiano - durante la guerra. Ricorda l'autorizzazione concessa alla chiesa di San Fedele di collocare su un altare dell'antico edificio tibaldiano la pala in ceramica policroma di Lucio Fontana. Altra importante iniziativa, destinata a mutare la fisionomia di Brera aprendola alla modernità, l'acquisto nel 1972 di Palazzo Citterio. Ma nel riandare a quegli anni ormai lontani, Dell'Acqua non dimentica i suoi diretti collaboratori, dall'economo all'archivista, alle dattilografe, agli allora giovani ispettori storici dell'arte, a tutti i quali riserva un pensiero. Un ricordo va anche ai suoi successori, al loro infaticabile lavoro ha caratterizzato la vita di Brera.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.