Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Castelvecchi: Le Polene

Generazione hikikomori. Isolarsi dal mondo, fra web e manga

di Anna Maria Caresta

editore: Castelvecchi

pagine: 128

I nostri figli passano moltissimo tempo davanti al computer o allo smartphone, e alcuni giovani stanno incollati a uno schermo
13,50

Passaggi migranti. Il fenomeno dell'immigrazione nei dialoghi fra un tassista e un passeggero

editore: Castelvecchi

pagine: 185

"Passaggi migranti" muove all'attacco di pregiudizi che, autoalimentandosi, sdoganano una narrazione distorta del fenomeno del
16,50

Non solo voce, Maria Callas. Mai amata regalò l'amore

di Italo Moscati

editore: Castelvecchi

pagine: 91

Amore e tragedie per Maria Callas
11,50

Finire un po' prima. Riflessioni pedagogiche sul suicidio

di Raffaele Mantegazza

editore: Castelvecchi

pagine: 60

Questo libro pone la pedagogia e le scienze dell'educazione a confronto con il tema del suicidio, seguendo la tesi secondo cui
11,00

Perché mia figlia non mangia più? Comprendere e curare l'anoressia in adolescenza

di Marta Scoppetta

editore: Castelvecchi

pagine: 184

«A cominciare dal titolo, Marta Scoppetta fa sue tutte le domande delle fanciulle e di chi si ostina a lottare al loro fianco,
17,50

Faccia da social. Nazi, webeti, pornogastrici e altre specie su Facebook

editore: Castelvecchi

pagine: 157

Nazi, Nalfa Beti, Cuoridoro, Tuttologi, Complottisti, Pornogastrici, Selfie Made Man, Internettuali, Webeti (o Utonti), Leoni
16,50

Tre fiabe sulla scienza

di Roberta Pelachin

editore: Castelvecchi

pagine: 205

Tre fiabe a sfondo scientifico
17,50

Paura e rischio in Italia. Come scuola e famiglia ci insegnano a temere gli spifferi e a fregarcene dell'eruzione del Vesuvio

di Lorenzo Newman

editore: Castelvecchi

pagine: 170

Il riformismo attuato in Italia negli ultimi anni viene spesso ostacolato da una cultura di paralisi organizzativa, scarsa coe
16,50

The young Sorrentino. Il ragazzo vissuto su una panchina

di Italo Moscati

editore: Castelvecchi

pagine: 60

Il successo di Paolo Sorrentino cresce a ogni film
7,50

In questo mondo di leader. Come riprenderci il futuro dalle mani di chi lo sta rubando

di Alessandro Obino

editore: Castelvecchi

pagine: 158

«Nelle nostre imprese, così come ai vertici delle nostre istituzioni statali, non abbiamo più gestori, ma leader. E i leader, per diventare e rimanere tali, ricorrono alla persuasione e alla manipolazione. Saranno generalmente assertivi, volitivi, empatici, ma saranno anche spesso trasformisti, aggressivi e oggettivamente inaffidabili. Per questo e per tanti altri motivi, l'Italia oggi non è un Paese per "anime belle"» In un Paese di dipendenti cronici, troppi leader o aspiranti tali si aggirano dispensando modelli culturali contraffatti. La nostra identità sociale, politica, comunitaria, corre verso l'estinzione, lasciando il passo al culto della personalità e all'individualismo. A metà tra saggio, pamphlet e racconto, "In questo mondo di leader" mette a nudo i motivi per cui la nostra cultura è ormai divenuta subalterna a quelle oggi dominanti, condannando la nostra società ad arretrare nella competizione globale. In questo fosco quadro, però, una speranza: la capacità di generare il cambiamento delle nostre organizzazioni dall'interno, senza appoggiarsi a modelli rimasticati e ai tanti leader che oggi se ne propongono come spacciatori.
16,50

All'alba di un nuovo Medioevo. Comunicazione e informazione al tempo di Internet

di Massimo Arcangeli

editore: Castelvecchi

pagine: 173

Il 6 agosto 1991 fu lanciata la prima pagina virtuale a opera di un informatico inglese, Tim Berners-Lee. Oggi, dopo venticinque anni, sembra che attraverso internet si stia materializzando un nuovo Medioevo. Arcangeli riflette sui segnali che prefigurano questo scenario: il ritorno di fiamma di una oralità che si insinua sempre più decisamente nella scrittura elettronica; la propagazione incontrollata via rete di falsi giornalistici e leggende metropolitane; l'ibridazione dei saperi e l'indebolimento dei loro contenitori disciplinari; la sostituzione di una lettura lineare con le forme di una lettura reticolare o "stellare", e l'interruzione della linearità del testo scritto tramite l'inserzione massiccia o pervasiva delle immagini.
16,50

Breve storia di Twitter

di Massimo Arcangeli

editore: Castelvecchi

pagine: 167

21 marzo 2006. Viene "cinguettato" il primo tweet della Storia, ritwittato più di 66.000 volte: "just setting up my twttr". l'autore è @jack, pseudonimo di Jack Dorsey, un informatico originario del Missouri; co-fondatore di Twitter, è oggi seguito da più di 3 milioni di follower. Il libro di Massimo Arcangeli celebra il decennale della nascita del social network più immediato, "strillato", accelerato che ci sia. Con tante altre curiose storie a margine. Storie di leoni da tastiera, di brevità testuali, di neologismi creativi. Storie di cancelletti rimessi a nuovo (hashtag). Storie di poemi, drammi, romanzi condensati in un pugno di caratteri. Storie di politici duepuntozero che twittano di tutto un po'.
16,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.