Il tuo browser non supporta JavaScript!

E/O: Bill-Dung-Sroman

Sguardo 11

di Roberto Tiraboschi

editore: E/O

pagine: 184

Babila ha sedici anni, due genitori perfetti e vive in un meraviglioso Parco Acquatico. Ma Babila non è felice. Non ha amici, è ancora vergine, ha un corpo da bambina. È alla disperata ricerca di qualcuno, di qualcosa in cui credere. Vorrebbe provare sentimenti forti, amare e odiare come le eroine della tragedia greca. Invece intorno a lei è tutto finto, tutto falso e monotono. Poi al Parco accadono strane cose, eventi inquietanti: un gatto impiccato, una pericolosa epidemia, comportamenti inspiegabili. Un pericolo minaccia la comunità, qualcuno si è macchiato di un crimine. Babila decide di trovare il colpevole per riportare l'armonia nella città.
11,00

I capelli dei dannati

di Joe Meno

editore: E/O

pagine: 351

Joe Meno, trentenne americano di origine italiana, racconta l'amore impossibile tra un timido adolescente e una ragazzona punk
12,50

Solo per caso

di Jacopo Reali

editore: E/O

pagine: 137

Jacopo Reali, diciottenne livornese, racconta una delicata e appassionata storia d'amore con una scrittura spontanea e semplice. Il romanzo fa parte di una nuova collana, "Bill-Dung-Sroman", dedicata a un periodo particolare della vita dell'uomo: l'adolescenza. Metafora delle grandi e faticose trasformazioni che il mondo sta vivendo, oggi il momento esistenziale dell'adolescenza si è dilatato fino a occupare gran parte della vita di tante persone. E poiché l'adolescenza è ormai tracimata ben oltre l'età anagrafica, dilatandosi fino a trent'anni e oltre, la collana non presenta solo romanzi scritti da giovani ragazzi, ma anche da autori più adulti che raccontano questo periodo della vita, la formazione e la crescita.
10,00

Fuori di qui

di Jacopo Reali

editore: E/O

pagine: 139

"Avevo la sensazione che ci fosse solo una persona che conosceva la combinazione della cassaforte che mi stava nel petto, come una chiave scoperta dopo anni di tenaci tentativi, il lavoro di un minuzioso e paziente ladro. Alla fine c'era riuscita e mi aveva rubato letteralmente il cuore sciogliendo il blocco di ghiaccio nel quale l'avevo rinchiuso dall'età di sette anni. Gaia per me è stata tutto". È per amore di Gaia che Jesus, ragazzo scontroso e ribelle dallo strano nome, orfano della madre a sette anni, entra in una spirale di vendetta e violenza. "L'unico mio amico con la A maiuscola si chiamava Chico, ed era pazzesco in tutto. Era schizzato dentro, smanioso di rompere a tutti i costi la banale normalità delle nostre vite". Poi c'è la famiglia dove "i discorsi si limitavano alla scuola, quando ci andavo" e Mariarosa, una vecchia poetessa che Jesus visita alla casa di riposo dove fa volontariato e che gli mostra il mondo in una luce diversa. Infine c'è il Destino, tragico e violento, e poi, forse, la redenzione.
12,00

Il treno

di Alberto Bracci Testasecca

editore: E/O

pagine: 173

Chi l'ha detto che le vicende più incredibili debbano verificarsi solo su lussuose navi da crociera o su voli intercontinentali? Talvolta un banalissimo spostamento in treno può riservare sorprese ai confini della realtà. Linea Roma-Torino. Senza una ragione apparente, il convoglio si ferma in aperta campagna; la sosta prolungata crea tra i passeggeri una complicità data dal trovarsi accomunati in una situazione di disagio, ma gli occupanti dello scompartimento 16 non ci stanno: prendono una decisione improvvisa che imprimerà alle loro vite una svolta inaspettata, portando i loro destini a uscire dai binari prefissati e proseguire per una tangente comica e surreale dove il personaggio che ognuno è convinto di essere si sgretola rivelando una più amara, più vera e impensata realtà interiore. Tuttavia i quattro fortuiti colleghi d'avventura - l'anziana signora, il giovane scrittore, l'intraprendente donna in carriera e il navigato intellettuale bohémien - non sono soli nel loro stranissimo percorso: a loro insaputa, sono seguiti da un misterioso occhio mediatico che, nei progetti della sgangherata troupe televisiva che ha nascosto la microcamera sul treno, dovrebbe permettere di realizzare il più reale reality show della storia della televisione. Nulla però va come dovrebbe andare. A ritmi sempre più incalzanti, le circostanze si susseguono colorandosi di assurdo con quella vena folle che assumono spesso le situazioni in apparenza più normali.
15,00

Delivery. Coca a domicilio

di Alejandro Parisi

editore: E/O

pagine: 215

Per Martín, ventenne di Buenos Aires che ha lasciato la scuola e consegna empanadas a domicilio in motorino, le giornate scorrono piuttosto monotone: casa, lavoro, qualche birra con i colleghi, un po' di sesso con Verónica e le altre ragazze che rimorchia con facilità. La mancanza di prospettive e la tentazione dei guadagni facili, insieme allo spirito d'avventura, lo spingono a unire alla sua attività la consegna a domicilio di cocaina. All'inizio tutto sembra filare liscio e per lui si prospetta una rapida ascesa nell'organizzazione. È simpatico al Tano, il boss, padrone di un dancing; ed è simpatico anche ai suoi scagnozzi, due energumeni che gli portano la coca e poi lo chiamano con un beeper per comunicargli gli indirizzi dei clienti. Qualche dubbio comincia a venirgli quando Flavio, che prima occupava il suo posto, finisce all'ospedale in seguito a un pestaggio e poi deve disintossicarsi. Nel frattempo, dalle consegne in motorino Martín è passato a lavori più "grossi", e comincia ad avere paura, tanto che decide di mollare tutto e di allontanarsi per un po' dalla città. Si congeda dal Negro, il suo unico amico, e da Romina, la ragazza di cui è innamorato, con la promessa che si rivedranno presto. Ma prima deve fare l'ultima spedizione, la più pericolosa: deve andare a ritirare un importante carico di coca nell'estrema periferia, là dove non si arrischia neanche la polizia.
12,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento