Aracne

L'idea di museo. Archetipi della comunicazione museale nel mondo antico

L'idea di museo. Archetipi della comunicazione museale nel mondo antico

editore: Aracne

pagine: 396

La maggior parte delle storie relative all'organismo "museo" cominciano dal Rinascimento, molte addirittura dal Settecento
26,00
Il pubblico dello sport. Tifosi, spettatori, sostenitori, ausiliari. Antropologia della partecipazione all'evento sportivo

Il pubblico dello sport. Tifosi, spettatori, sostenitori, ausiliari. Antropologia della partecipazione all'evento sportivo

editore: Aracne

pagine: 272

Da decenni, nello sport, stiamo assistendo a un progressivo imporsi dello "spettacolo" come elemento, con la conseguente acqui
17,00
L'uomo nel pensiero di Bonaventura da Bagnoregio
23,00
La pedagogia del sé operativo. Dalla teoria al metodo

La pedagogia del sé operativo. Dalla teoria al metodo

editore: Aracne

pagine: 280

Il volume è rivolto a educatori ed educatrici di bambini in età evolutiva che frequentano ambiti scolastici e sportivi
18,00
Comparative theology: a fairy tale. For an ethics in comparison
34,00
Odissea moderna. Figure di Ulisse nel Novecento italiano

Odissea moderna. Figure di Ulisse nel Novecento italiano

di Sesana Chiara

editore: Aracne

pagine: 156

Il testo indaga il personaggio di Ulisse nella letteratura contemporanea, concentrandosi sulla sua evoluzione e sulle caratter
11,00
Il Bushido del C.I.O. Elogio delle follie dei C.I.O. in sanità

Il Bushido del C.I.O. Elogio delle follie dei C.I.O. in sanità

di Giuliano Pozza

editore: Aracne

pagine: 144

Cos'hanno in comune i direttori dei Sistemi Informativi (o C.I.O.) con il Bushido? Perché tentare un "elogio delle follie" dei C.I.O.? Lo scoprirete leggendo! Chiariamo subito però che questo non è un libro serio. È un libro che racconta sette storie, storie vere di C.I.O., molti dei quali protagonisti di un percorso (l'e-Health Academy) partito nel 2015. Sette storie di persone normali, non di Samurai. Ma anche i C.I.O., come tutti coloro che ricoprono un ruolo di responsabilità, hanno bisogno di ispirarsi a un "codice etico". Come diceva un noto saggio, che ha formato generazioni di C.I.O.: "Da grandi poteri, derivano grandi responsabilità" (Ben Parker).
15,00
Kant e la scienza (1755-1760). Vol. 1

Kant e la scienza (1755-1760). Vol. 1

di Grillenzoni Paolo

editore: Aracne

pagine: 580

L'opera prende in esame la produzione scientifica kantiana tra il 1755 e il 1760
28,00
Come TIscrivo? La scrittura a scuola tra teoria e didattica

Come TIscrivo? La scrittura a scuola tra teoria e didattica

editore: Aracne

pagine: 328

Come scrivono i giovani studenti di oggi? Quali sono i nodi di difficoltà ricorrenti della loro scrittura? Che cosa può fare u
18,00
Incontrando l'antichità. Seamus Heaney e i classici greci e latini

Incontrando l'antichità. Seamus Heaney e i classici greci e latini

di Emanuela Zirzotti

editore: Aracne

pagine: 220

Tra gli autori irlandesi moderni in cui più forte è l'esigenza di rompere i limiti dell'insularità, Seamus Heaney (1939-2013) si sforza di instaurare un dialogo creativo con la tradizione letteraria europea ed extra-europea. Parte integrante di questo "dialogo" è l'incontro con le grandi voci dell'antichità greca e latina. Richiami intertestuali ai temi e alle opere di Omero, Sofocle, Eschilo, Virgilio, Ovidio, Tacito e Orazio compaiono frequentemente nell'opus heaneyiano sotto forma di traduzioni, adattamenti, allusioni e riscritture, attraverso i quali il poeta filtra la propria esperienza personale ed esamina temi di più ampio respiro. Il "neoclassicismo" moderno di Heaney impone, inoltre, una ri-discussione e una ri-definizione della natura stessa della "Irishness", non più intesa come semplice opposizione politica e ideologica alla "Englishness". Riletti dalla voce nord-irlandese del poeta, i classici greci e latini acquistano una nuova freschezza e offrono le esatte coordinate grazie alle quali egli riesce ad orientarsi e collocare la sua poesia in uno spazio geografico e culturale più propriamente europeo.
15,00