Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Azimut (Roma)

13,50

Diva mon amour

editore: Azimut (Roma)

pagine: 144

12,00

Il percorso degli incubi

di Enrico Gregori

editore: Azimut (Roma)

pagine: 160

12,00

Mestre per le strade

editore: Azimut (Roma)

pagine: 160

12,50

Praga per le strade

editore: Azimut (Roma)

pagine: 114

I racconti hanno come unico tema portante l`ambientazione: praga, la citta`, i suoi quartieri, le sue strade
11,00

Istruzioni per un addio

di L. R. Carrino

editore: Azimut (Roma)

pagine: 155

C'è un tempo preciso che viene, un momento che è tardi e bisogna partire. E poi c'è un momento che ti sorprende, un tempo che avviene e toglie il fiato. Non esiste un buon modo per andare, un modo buono di restare. Sul quaderno dell'abbandono Carrino esegue i suoi esercizi dell'addio, in modo quasi scientifico. Ma anche provando a invertire l'ordine dei fattori il risultato non cambia: non basta una vita per imparare la parola più crudele della nostra lingua.
12,00

Tuttominuscolo

di Maria Teresa Ciammaruconi

editore: Azimut (Roma)

pagine: 88

12,50

Canto di Natale

di Charles Dickens

editore: Azimut (Roma)

pagine: 77

Probabilmente tra i Libri di Natale, che Charles Dickens compose in occasione delle feste natalizie, il più famoso di tutti è
12,50

Milano per le strade

editore: Azimut (Roma)

pagine: 143

Milano per le strade fa parte del progetto organico Città per le strade, una sorta di stradario, di Tuttocittà dei narratori. I racconti hanno come unico tema portante l'ambientazione: Milano, la città, i suoi quartieri, le sue strade. Gli autori, attraverso la scrittura, hanno dato vita ad un mosaico di storie, intrecci, personaggi, ruoli e situazioni. Delineando così una mappa variegata e affascinante della città, che va svelandosi nella sua topografia e nei suoi mondi, pulsante di contemporaneità, finalmente lontana da immagini retoriche e stereotipate. Per il lettore, sarà un modo di attraversare luoghi familiari, o sconosciuti, con lo sguardo e l'introspezione della scrittura. Per il viaggiatore, sarà uno spunto per nuovi itinerari, non turistici. I proventi degli autori, dei curatori, degli agenti e dell'editore saranno devoluti all'AIRC, Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - tumori pediatrici.
12,00

La biblioteca di Alessandria

di Dante Maffia

editore: Azimut (Roma)

10,00

Kaddish profano per il corpo perduto

di Francesca Mazzucato

editore: Azimut (Roma)

pagine: 194

Budapest è una musica tzigana, una messinscena, un fondale da teatro. Budapest è una città lisergica e cangiante, è splendore e grumi di rabbia. Budapest brilla, ipnotizza e trabocca di incontri, di visi, di storie. Soprattutto quelle. Lei è una donna realizzata, benestante, occidentale, colta, che ha vissuto con furia, passione e fretta. Troppa fretta. A Budapest ci è andata per caso con un suo ex amante rimastole amico negli anni. È partita in un agosto troppo caldo per restare in città. A Budapest le accade qualcosa. A Budapest lei si ferma. Si ferma sul serio, capisce, si arrabbia, a Budapest fa i conti con cose che aveva lasciato in sospeso, e soprattutto col suo corpo. È obesa, lei è una donna obesa di mezza età. La vita le sta scorrendo come sabbia fra le dita, il tempo si accorcia. Lo capisce lì, lo dice, lo ripete, lo urla. Il suo corpo adesso pretende di essere visto, la mistificazione è finita. Il riflesso sulle vetrine la imbarazza, il riflesso è quello di un corpo spento, ingombrante, un corpo "perduto", grasso, diverso, infelice. Ha 42 anni e per tanto tempo ha portato maschere e offerto con abilità la sua carne. Si è sentita protetta da quei chili, da quella pancia, da quel seno enorme che ha usato per sedurre e catturare uomini. Uno dietro l'altro, l'aiutavano il tempo di una brutta notte in un motel.
12,50

Senza fermarsi. Parole dal viaggio

editore: Azimut (Roma)

pagine: 127

Una pattuglia di una ventina di scrittori si confronta con alcuni eterni dilemmi del viaggiare moderno. La coscienza del nulla di nuovo sotto il soie, della leopardiana sindrome dell'islandese in fuga dalla Natura, e la curiosità erratica del vagabondo esploratore che si fa incontro alla ricchezza dell'altro, umano e paesaggistico. Testi brevi, in un giro del mondo di comunicazione diretta e semplice, e nel contempo raffinata, tra racconti di viaggio e reportage. Ma non solo. Senza fermarsi si presenta tout court come emozionante lettura da gustare seduti o da mettere in valigia per i propri pellegrinaggi senza meta precisa. Ai testi inediti di grandi scrittori italiani si affiancheranno alcuni esordienti selezionati dal professor Fabio Pierangeli, docente di Letteratura di viaggio e Letteratura teatrale dell'Università di Roma "Tor Vergata", promotore dell'iniziativa e curatore dell'antologia. Tutto ciò, come prima tappa di un viaggio che proseguirà ogni anno.
10,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.