Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Il mulino: Pubblicazioni AREL

Vite disuguali. Salute, longevità, accesso ai diritti: la misura delle grandi fratture sociali

di Marianna Madia

editore: Il mulino

pagine: 200

L'aspettativa di vita media, la salute della popolazione e l'accesso a una vita sana sono un parametro fondamentale per misura
20,00

Italia e Malesia. Politica, economia, cultura

editore: Il mulino

pagine: 688

Dall'indipendenza del 1957 la Malesia ha raggiunto risultati importanti, segnati da passaggi storici
48,00

Il manager intellettuale. L'eredità di Alessandro Pansa

editore: Il mulino

pagine: 156

La cultura enciclopedica, la curiosità intellettuale, il rigore etico, il talento manageriale, la capacità di visione, la stra
15,00

Smart challenge: la rivoluzione obbligata. Ventotto direttori HR raccontano come la pandemia ha modificato l'organizzazione aziendale e (del) personale

editore: Il mulino

pagine: 202

Ventotto Direttori delle Risorse Umane del sistema industriale e dei servizi, parte della HrCommunity della Scuola di Politich
20,00

Un laboratorio di successo. Le imprese italiane in Vietnam-A successfull experiment. Italian campanies in Vietnam

editore: Il mulino

pagine: 220

I successi del Vietnam hanno prevalso sulla sua storia tormentata
22,00

Le anime dello sviluppo Religioni ed economia nel sud-est asiatico-The souls of development. Religions and economy in Southeast Asia

editore: Il mulino

pagine: 366

L'ASEAN ha imposto la propria diversità come un valore fondante, uno strumento di stabilità e un trampolino per la crescita
27,00

Il miracolo ASEAN. Un catalizzatore per la pace

editore: Il mulino

pagine: 349

L'ASEAN rappresenta una silenziosa storia di successo
26,00

Otto lezioni sul mondo. Bonino, Cassese, Lamy, Lazar, Letta, Napolitano, Van Rompuy, Zhimin

editore: Il mulino

pagine: 101

Il 2016 è stato senz'altro un "anno interessante", caratterizzato da eventi politici imprevisti, che hanno messo in discussion
10,00

Tra politica e politiche. La lezione di Nino Andreatta

editore: Il mulino

pagine: 45

La Scuola di Politiche (SdP) nasce nel 2015 dall'idea di Enrico Letta di offrire un'opportunità di formazione a giovani di tal
7,50

Italia e Singapore le differenze che avvicinano. Ediz. italiana e inglese

editore: Il mulino

pagine: 281

A poco più di 50 anni dalla sua indipendenza, Singapore rappresenta un indiscutibile successo. Lo testimoniano sia gli indicatori economici e sociali, sia i dati sul Pil e sulla qualità della vita. Il percorso della città-stato è stato faticoso e innervato da passaggi drammatici. Il paese ha tuttavia conservato la sua indipendenza e costruito la sua prosperità. È stata probabilmente la perla più luminosa della collana asiatica nella marcia verso un riscatto epocale. Singapore non ha soltanto consegnato alla storia i retaggi del suo passato coloniale; ha anche costruito un modello ormai rispettato in tutto il mondo. Questa pubblicazione ha un duplice scopo: diffondere in Italia la conoscenza di un'esperienza e immaginarne i possibili scenari. Singapore va esaminata con parametri globali, non soltanto imperniati su criteri analitici propri dell'Occidente. Il suo ruolo nella globalizzazione è stato infatti anticipatore e lungimirante. Contemporaneamente, viene proposta una riflessione sul futuro di Singapore che valica il tradizionale limite geografico del "piccolo punto rosso" sull'Equatore. Su questo binario si sviluppa una possibile convergenza di intenti per due paesi all'apparenza lontani e diversi. Prefazione di Enrico Letta.
25,00

Il costo dell'ignoranza

L'Università italiana e la sfida Europa 2020

editore: Il mulino

pagine: 319

Quanto è "europea" l'università italiana? Per rispondere a questa domanda, si deve riconoscere che per troppo tempo l'Unione e
25,00

L'autonomia della politica monetaria. Il divorzio Tesoro-Banca d'Italia trent'anni dopo

di Ciampi

editore: Il mulino

pagine: 127

Il 12 febbraio il ministro del Tesoro di allora, Nino Andreatta, scrisse una lettera al governatore della Banca d'Italia, Carlo Azeglio Ciampi, per comunicargli che era venuto il momento di liberare l'istituto di emissione dalla consuetudine di sottoscrivere i titoli del Tesoro rimasti invenduti all'asta. Lo scopo era quello di stabilizzare la politica monetaria, rafforzando l'autonomia della banca centrale. La risposta positiva del governatore arrivò il 6 marzo successivo e il "divorzio" si compì nel luglio dello stesso anno. "L'interruzione dell'automatismo degli acquisti della banca centrale alle aste dei Bot - scrisse Ciampi - è un primo passo per la realizzazione di un obiettivo di crescita della base monetaria complessiva, indipendente dal disavanzo". Si trattò, dunque, di una decisione storica, che pose le basi per la modernizzazione della politica monetaria del nostro paese. A distanza di trent'anni, lo scorso febbraio, un convegno organizzato dall'Arel all'Albi ha ripercorso quella vicenda, con le testimonianze di uno dei suoi protagonisti, il presidente emerito della Repubblica Ciampi, e del governatore Mario Draghi, in procinto di essere nominato al vertice della Banca centrale europea.
11,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.